DOMINO EVERGRANDE. I creditori rifiutano lo Swap di Kaisa

246

Lo sviluppatore immobiliare cinese Kaisa Group Holdings ha iniziato i colloqui con alcuni dei suoi obbligazionisti offshore sull’estensione della scadenza per un rimborso del debito di 400 milioni di dollari dovuto il 7 dicembre.

Le azioni del gruppo sono crollate bruscamente il 3 dicembre dopo aver detto di non essere riuscito a garantire l’approvazione minima del 95% necessaria agli obbligazionisti offshore per effettuare un’offerta di scambio delle sue obbligazioni offshore del 6,5% dovute il 7 dicembre, senza la quale potrebbe rischiare il default.

Un gruppo di obbligazionisti noto come New Money Consortium, che detiene più della metà delle azioni Kaisa, ha rifiutato l’offerta di scambio, e ha offerto di iniettare 2 miliardi di dollari in nuovi fondi se il suo piano alternativo fosse stato approvato. Fitch Ratings ha detto che il piano del New Money Consortium sarebbe stato positivo al credito se fosse stato accettato. Secondo l’agenzia di rating, gli attuali prezzi delle obbligazioni di Kaisa «sembrano suggerire che il mercato sta già valutando un’insolvenza», riporta AF.

Le azioni della società immobiliare hanno chiuso in calo dell’8,82%, superando di gran lunga il calo dello 0,09% dell’indice Hang Seng di Hong Kong, portando il crollo delle azioni finora quest’anno a circa il 75%. L’azienda aveva sperato di scambiare i 400 milioni di dollari di obbligazioni al 6.5% per nuove il scadenza il 6 giugno 2023 allo stesso tasso di interesse se almeno il 95% dei possessori avesse accettato. Non è stato però rivelato quanti obbligazionisti hanno acconsentito all’offerta.

Kaisa, che è diventato il primo sviluppatore immobiliare cinese a non pagare le sue obbligazioni in dollari nel 2015, ha detto di essere in trattative con i rappresentanti di alcuni obbligazionisti, ma che nessun “accordo giuridicamente vincolante” era ancora stato stipulato.

«Per alleviare l’attuale problema di liquidità e raggiungere una soluzione ottimale per tutte le parti interessate, la società sta valutando e sta monitorando attentamente la condizione finanziaria e la posizione di cassa del gruppo», si legge in un comunicato Kaisa.

Il gruppo starebbe ancora esplorando la vendita di beni e l’estensione o il rinnovo degli obblighi di debito, ma ha avvertito che non c’era alcuna garanzia che sarebbe stato in grado di soddisfare la scadenza del 7 dicembre.

Un mancato rimborso o un accordo con i creditori avrebbe “un effetto negativo materiale” sulla condizione finanziaria di Kaisa.

Kaisa è il secondo più grande emittente di obbligazioni in dollari tra gli sviluppatori immobiliari della Cina dopo il China Evergrande Group, che ha più di 300 miliardi di dollari di passività, e come gli altri sta cercando di raccogliere capitale per evitare il crack.

Graziella Giangiulio