RUSSIA. GAZPROM si compra VKontakte

213

La russa Gazprom ha ottenuto il controllo della più grande rete di social media russa, VKontakte, dopo una serie di accordi per acquistare dal miliardario russo Alisher Usmanov la holding della piattaforma. Le transazioni danno allo stato russo un coinvolgimento significativo in una parte chiave dello spazio online della Russia, in un momento in cui il Cremlino sembra voler aumentare il suo controllo sulle piattaforme di social media.

Il veicolo di investimento di Usmanov, Usm Holdings, ha venduto una quota del 45% in Mf Technologies, la holding che controlla Vk Group, alla compagnia di assicurazioni russa Sogaz. L’accordo dà a Sogaz, che è stata fondata da Gazprom e conta alleati e amici del presidente russo Vladimir Putin tra i suoi altri grandi azionisti, diritti di voto di poco più del 25% in Vk, riporta The Moscow Times.

Vk, va ricordato, era precedentemente conosciuta come Mail.Ru e controlla una serie di altre società internet insieme al social network. Gazprombank, il braccio finanziario del gigante del gas, ha anche aumentato la sua partecipazione in Mf Technologies dal 36% al 45% e il 3 dicembre ha trasferito il controllo delle azioni a Gazprom Media.

Le transazioni danno a Gazprom, attraverso le sue filiali e società affiliate, il controllo di oltre il 50% dei diritti di voto in Vk, uno dei siti web più visitati della Russia.

L’amministratore delegato di Vk, Boris Dobrodeev ha anche annunciato che si dimetterà alla luce del cambio nell’azionariato. Dobrodeev ha detto che rimarrà in carica fino alla nomina di un nuovo amministratore delegato e poi si trasferirà a lavorare per il gruppo Usm di Usmanov.

A causa della complessa struttura proprietaria di Vk, l’interesse economico di Sogaz e Gazprom Media rimarrà al di sotto del 5% – il che significa che avranno un voto decisivo sulla gestione dell’azienda, le operazioni e altre decisioni strategiche, ma l’investimento non genererà significativi ritorni finanziari.

Gazprom Media ha poi detto il 3 dicembre che Vk rimarrà una “società indipendente”. VKontakte, il “Facebook della Russia” è il più grande social network del paese con quasi 100 milioni di utenti; era già considerato vicino al governo russo e i critici hanno accusato l’azienda di condividere i dati degli utenti con i servizi di sicurezza della Russia. È stato fondato dall’imprenditore russo Pavel Durov, che lo ha venduto nel 2014, su pressione del Fsb a suo dire.

L’accordo segue anni in cui il Cremlino ha gradualmente cercato di aumentare il controllo sull’Internet russo, che era rimasto uno spazio relativamente libero anche se i media tradizionali sono caduti sotto il controllo dello stato o degli oligarchi vicini a Putin.

Nel 2019, la più grande azienda tecnologica russa Yandex, è stata costretta a istituire un nuovo modello di governance, dando il controllo su aree come l’archiviazione dei dati degli utenti e le partnership aziendali con aziende straniere a un nuovo consiglio, la maggior parte dei cui membri sono nominati da organizzazioni statali.

Il governo ha anche tentato di spremere gli attori stranieri. Le aziende sono obbligate a memorizzare i dati degli utenti russi su server situati in Russia, e dal prossimo anno tutte le principali aziende internet dovranno aprire uffici russi o affrontare multe significative.

Gazprom sembra essere in prima linea nel portare il segmento russo di internet sotto il controllo delle autorità. La scorsa settimana, Gazprom Media, guidata da Alexander Zharov, ex capo di Roskomnadzor, ha lanciato una versione russa di TikTok.

Luigi Medici