GRECIA. L’economia di Atene è risorta

105

Dieci anni fa, la Grecia era alle prese con una devastante crisi del debito, segnata da anni di austerità, difficoltà e disordini. Ora, funzionari e investitori affermano che il 2024 potrebbe essere l’anno in cui la sua ripresa sarà finalmente completa.

Si prevede che l’economia greca crescerà quasi del 3% quest’anno, avvicinandosi al livello pre-crisi del 2009 e superando di gran lunga la media della zona euro dello 0,8%, riporta Reuters.

I costi del prestito sono crollati al di sotto di quelli dell’Italia, e le banche salvate durante la crisi saranno completamente privatizzate per la prima volta dopo decenni – una mossa che alcuni dei maggiori investitori del paese vedono come un segnale finale di normalità.

La svolta in Grecia, la cui crisi del debito minaccia di causare la fine dell’intera zona euro, è grave, almeno sulla carta. Ora il Paese si trova ad affrontare un nuovo problema: essere frenato dalla stagnazione negli stessi giganti della zona euro che un tempo imponevano rigide riforme alla sua economia.

Dopo anni di lontananza dai mercati internazionali, la Grecia è tornata al rating di credito investment grade nel 2023. Quando il fondo di salvataggio statale il mese scorso ha venduto la sua partecipazione nella Piraeus Bank, una delle più grandi del paese, la vendita è stata sottoscritto in eccesso otto volte.

Tuttavia, le sfide rimangono. Il calo dei tassi di natalità e la carenza di manodopera minacciano le prospettive a lungo termine, mentre la diffusione di disastri legati al clima, come incendi e inondazioni, ha messo a dura prova le finanze pubbliche.

Molti greci, scossi dalla crisi, affermano di vedere poca differenza poiché gli economisti affermano che i benefici più ampi della ripresa richiederanno tempo. Per garantire una crescita a lungo termine, il Paese deve diversificare oltre i tipici motori economici del turismo, del settore immobiliare e dei servizi.

Più della metà degli investimenti diretti esteri in Grecia, che ammontavano a circa 7,5 miliardi di euro nel 2022, provengono da paesi del nord Europa come Francia e Germania che sono alle prese con una crescita debole. Le esportazioni greche, come prodotti agricoli, carburanti e prodotti farmaceutici – due terzi dei quali diretti verso l’UE – sono diminuite di quasi il 9% lo scorso anno. La crescita economica è rallentata al 2% nel 2023, in parte a causa del ritardo dei paesi vicini.

Decenni di evasione fiscale dilagante e spese eccessive hanno colpito la Grecia nel 2009, quando è entrata in recessione e il governo ha rivelato un gigantesco buco nelle sue finanze che ha inviato onde d’urto sui mercati globali.

Nel 2015 aveva firmato tre salvataggi con la zona euro e il Fondo monetario internazionale per un valore di 280 miliardi di euro. In cambio ha accettato misure di austerità che hanno tagliato i salari e le pensioni del settore pubblico e hanno innescato anni di violente proteste.

Da quando la Grecia è uscita dal piano di salvataggio nel 2018, ha rilanciato il suo sistema bancario e ha fatto affidamento esclusivamente sui mercati del debito per le sue esigenze di prestito. Nel 2022, ha ripagato il Fmi due anni prima del previsto.

La calma è in gran parte ristabilita. Nella centrale piazza Syntagma di Atene, dove 10 anni fa i manifestanti lanciavano bombe molotov contro la polizia antisommossa per protestare contro le misure di austerità, oggi gli artisti di strada intrattengono i turisti che si siedono all’ombra degli aranci.

Le visite all’Acropoli, il sito antico più conosciuto della Grecia, hanno raggiunto i 3,8 milioni nel 2023, quasi quattro volte il numero registrato al culmine della crisi.

Per molti greci, tuttavia, la ripresa economica non si è tradotta in un miglioramento del tenore di vita.

La disoccupazione rimane superiore al 10%, la seconda più alta nell’UE dopo la Spagna, e il PIL pro capite in potere d’acquisto è tra i più bassi del blocco, mostrano i dati Eurostat. Secondo i dati del Ministero del Lavoro, lo stipendio medio mensile è di 1.175 euro, inferiore del 20% rispetto a 15 anni fa. La Grecia ha bisogno di sviluppare settori in cui gli investimenti siano più a lungo termine come progetti infrastrutturali e manifatturieri.

Mercoledì scorso i sindacati hanno organizzato uno sciopero generale in cui treni, autobus, navi e taxi sono stati fermati e centinaia di persone sono scese in piazza chiedendo salari più alti. Alcune persone non si sono riprese dalla perdita di tutto quando l’economia è crollata.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/