USA. Soros attacca BlackRock per gli investimenti in Cina

139

L’investitore miliardario George Soros ha lanciato un attacco feroce a BlackRock, dicendo che il più grande gestore di fondi del mondo stava aiutando a sostenere il governo del presidente Xi Jinping e mettendo in pericolo gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Scrivendo sul Wall Street Journal, ripreso da AT, Soros ha anche esortato il Congresso degli Stati Uniti ad approvare una legislazione che autorizzi la Securities and Exchange Commission a limitare il flusso di fondi verso la Cina e ha detto che gli investimenti di BlackRock in Cina sono un “tragico errore”.

L’attacco di Soros arriva dopo che BlackRock è diventato il primo gestore di fondi straniero ad ottenere l’approvazione per un’operazione di gestione patrimoniale interamente controllata in Cina, consentendogli di vendere fondi comuni ai consumatori locali. Ad agosto, BlackRock Investment Institute ha invitato gli investitori a triplicare la loro esposizione alla seconda economia del mondo e ha detto che non dovrebbe più essere considerato un mercato emergente. «Versare miliardi di dollari in Cina ora è un tragico errore (…) È probabile che perda denaro per i clienti di BlackRock e, più importante, danneggerà gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti e di altre democrazie», ha detto Soros.

Impegnarsi con la Cina avrebbe potuto essere giustificato in precedenza, ma non ora, ha sostenuto Soros, perché «gli Stati Uniti e la Cina sono impegnati in un conflitto di vita e di morte tra due sistemi di governo: repressivo e democratico». Si dice che Soros sia un sostenitore del presidente Joe Biden.

Soros ha detto che «un’enorme crisi si sta preparando nel mercato immobiliare cinese» e che il programma “Prosperità comune” di Xi, pur cercando di ridurre la disuguaglianza, «non è di buon auspicio per gli investitori stranieri». BlackRock, ha detto il magnate, sembra fraintendere la Cina di Xi.

Le recenti misure di regolamentazione della Cina su tutto, dalle aziende tecnologiche alle società di tutoraggio privato e ai prezzi delle case, hanno turbato gli investitori globali, facendo perdere più di 1.000 miliardi di dollari alle azioni cinesi ad un certo punto. Eppure, il Nasdaq Golden Dragon China Index è rimbalzato di quasi il 20% dal 19 agosto.

Antonio Albanese