#UKRAINERUSSIAWAR. Obiettivo Bachmut 

193

L’obiettivo dell’Operazione speciale russa delle prossime ore o giorni è Bachmut. Gli ucraini stanno cercando di fuggire dall’ennesimo calderone a Soledar e Slaviansk. Mentre Zelenskyy ha promesso una controffensiva il 24 agosto nel giorno dell’indipendenza ucraina. 

“Le forze della LNR, della DNR e della Federazione Russa si muoveranno verso Bachmut dopo aver smantellato il TPP di Uglegorsk”, ha dichiarato un ufficiale della Milizia Popolare della LNR. Cosa poi avvenuta il 27 luglio, con l’intervento degli uomini della Pmc russa WAGNER.

«Il nostro piano immediato è Bachmut. È necessario raggiungere questa città e accerchiarla e poi metterla sotto controllo, poiché vi si trova un grande gruppo delle forze amate ucraine», ha chiarito il portavoce del DNR, colonnello Basurin

Di fatto quello che si prospetta è un lungo conflitto. E la Russia giocherà molto sulla questione tempo. A differenza di quanto viene narrato in Occidente, l’”operazione speciale” russa non finirà a settembre, ma andrà ben oltre e questo a vantaggio di chi sa combattere con il freddo. E se ci saranno delle tregue invernali saranno comunque finalizzate a non perdere i territori presi.

L’”Operazione speciale”, perché sia a vantaggio di Mosca, deve durare molto, almeno il tempo che serve a Putin e Lavrov per raggiungere e concludere gli accordi con i Brics, dare vita ad una nuova moneta concorrente al dollaro e all’euro, creare infrastrutture che consentano al gas russo di arrivare nei paesi in via di sviluppo verso l’Asia, aggiudicarsi quelle terre rare che ancora non ha in Africa anche in concorrenza con l’alleato cinese. Ripopolare la Russia e ripristinare quell’apparato industriale abbandonato durante gli anni ’90 dello scorso secolo. 

Per farlo Putin ha bisogno di manodopera a basso costo e di almeno due anni, stando a quanto affermano gli analisti russi. Per quanto riguarda la manodopera, va sottolineato che dall’Ucraina sono arrivati 2milioni e 900mila persone che cominceranno una nuova vita in Russia. Il resto è “work in progress”.

Ed ora uno sguardo ai  fronti alle 23.21 del 27 luglio che si presentavano così: 

Direzione Kryvoriz’ke
Secondo quanto riferito, dopo che le forza armata ucraina è stata messa fuori gioco da Berestove, gli ucraini sono stati sconfitti anche da Andriivka, dove ha tentato di avanzare, subendo pesanti perdite dal fuoco dell’artiglieria e dell’aviazione delle Forze Armate della Federazione Russa.  Attesi scontri nell’area per le prossime settimane.

Direzione Mykolaivs’ke
Gli ucraini hanno bombardato il ponte Antonov. Attualmente le forze del Donbass e Russe per la traversata è stato allestito un servizio di battelli. Si prevedono bombardamenti da parte ucraina alla diga  Kakhovka HPP.  Gli ucraini hanno attaccato le posizioni delle Forze Armate della RF e alleati nei pressi di Kherson. Le Forze armate russe, a loro volta, hanno effettuato attacchi contro strutture a Mykolaiv e in direzione di Krivoy Rog. 

Avdiivka
Nella mattina del 27 luglio sono stati effettuati pesanti attacchi a sud di Avdiivka in direzione del villaggio di Piski e Krasnohorivka. Gli ucraini hanno subito perdite. Sono state segnalate azioni di aggressione, la situazione dei movimenti in questa direzione non è chiara. La presenza di estese fortificazioni, che sono state attrezzate in questa direzione per 8 anni, non promette ai russi e alleati successi rapidi. Gli ucraini hanno continuato a bombardare attivamente il territorio della Repubblica Popolare di Donetsk – oggi sono stati uccisi 4 civili.

Bachmut 

Combattimenti nei pressi di Semyhir’ya e Vesela Dolyna. Dopo la cattura di Petrovskoye, le Forze armate russe stanno intensificando gli attacchi alle posizioni ucraine direttamente in città. Il 27 è stata colpita la sede di una delle compagnie ucraine. L’esercito ucraino ha risposto abbastanza intensamente utilizzando un gruppo di artiglieria assemblato a ovest di Bachmut.

Slavyansk
Non ci sono cambiamenti nella direzione di Slavyansk. Le forze armate russe stanno attaccando le strutture ucraine a Sloviansk, Kramatorsk e Konstantinivka. Ci sono battaglie nei pressi di Sidorov e Dolyna. Il 27 gli ucraini hanno diffuso una notizia falsa sulla cattura di Bogorodichnoye e di alcuni altri villaggi, ma poi l’hanno smentita. La linea del fronte non è cambiata in linea di principio.

Soledar
Finora senza alcun progresso significativo. Combattimenti nei pressi di Bachmut e alla periferia della città, nonché nei pressi di Yakovlivka e Bilohorivka. Allo stesso modo vicino a Seversk; continuano i combattimenti per le alture nella zona della città e vicino a Ivano-Daryevka. L’esercito ucraino sta inviando qui le riserve dalla direzione di Slavyansk.

Anna Lotti

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here