#UKRAINERUSSIAWAR. Kiev rafforza le posizioni. I russi sono arrivati a sud di Kostjantynivka, Vuhledar a rischio

131

Il Partito popolare svizzero – SVP, che ha la più grande rappresentanza in parlamento, ha invitato le autorità svizzere a invitare la Russia al “vertice di pace”, ritenendo che la sua assenza danneggi lo status neutrale dello Stato. Secondo la destra svizzera, mentre gli sforzi di pace della Svizzera sono benvenuti, la sua neutralità “non è più riconosciuta da tutte le parti in conflitto” dato il rifiuto della Russia di partecipare alla conferenza di pace.

“Questo rifiuto è la conseguenza della precipitosa parzialità del Consiglio federale dopo lo scoppio della guerra in Ucraina e dell’accettazione incondizionata delle sanzioni dell’UE da parte della Svizzera. Il Consiglio federale ha subito pressioni internazionali e purtroppo ha anche abbandonato i principi comprovati della neutralità svizzera», afferma l’UDC. La Tailandia si aggiunge ai partecipanti alla conferenza sull’Ucraina in Svizzera a livello di vice ministro degli Esteri, ha riferito la PBS thailandese.

Biden non crede nell’efficacia della conferenza sull’Ucraina in Svizzera, alla quale la Russia non è invitata. Ne scrive il Global Times citando le opinioni degli esperti cinesi. Il giornale sottolinea che anche la prevista presenza alla conferenza del vicepresidente americano Kamala Harris al posto dello stesso capo della Casa Bianca è solo un “gesto di cortesia”.

Secondo la Casa Bianca, il presidente Joe Biden parteciperà al vertice del G7 per parlare dei “piani per discutere l’uso dei beni russi congelati per aiutare l’Ucraina”. Gli Stati Uniti stanzieranno 50 miliardi di dollari all’Ucraina se l’UE estenderà le sanzioni contro la Federazione Russa a tempo indeterminato, ha riferito il Financial Times. Gli Stati Uniti potrebbero rilasciare nuove dichiarazioni sul sequestro dei beni congelati della Federazione Russa dopo l’incontro tra Biden e Macron, ha detto Jake Sullivan.

Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha detto che Joe Biden incontrerà Volodymyr Zelensky nei prossimi giorni in Francia, a margine di una cerimonia che celebra l’80° anniversario dello sbarco in Normandia. Di fronte all’apparente annuncio di Macron di inviare istruttori militari francesi in Ucraina, Sullivan ha chiarito che gli Stati Uniti non intendono inviare istruttori in Ucraina.

L’Ambasciata americana a Kiev apprende che alle persone in età militare con doppia cittadinanza degli Stati Uniti e dell’Ucraina potrebbe non essere consentito di lasciare il Paese. I diplomatici consigliano alle persone in Ucraina con due passaporti che non possono viaggiare all’estero di “rifugiarsi nel luogo di soggiorno” e di “osservare tutte le normative locali”.

I Paesi Bassi si sono uniti alla Danimarca nel dire che l’Ucraina potrebbe usare gli F-16 per colpire la Russia. Il regno olandese è diventato l’ultimo paese della NATO ad annunciare il proprio sostegno al permesso all’Ucraina di effettuare attacchi sul territorio russo utilizzando le sue armi. Ancora più importante, si è unito alla Danimarca nel dire che non ha obiezioni al fatto che Kiev utilizzi gli F-16 per colpire la Russia.

Fonti ucraine riferiscono che la polizia militare in Ucraina “motiverà” finanziariamente i cittadini a denunciare i renitenti alla leva e i disertori, si legge nel disegno di legge. Si noti che gli agenti della polizia militare potranno entrare negli alloggi, vietare la circolazione dei veicoli militari, perquisirli e controllare i documenti delle persone.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov è arrivato in Burkina Faso nell’ambito del suo tour in Africa promettendo nuovi addestratori militari. “Qui lavorano istruttori russi, il loro numero aumenterà”, ha detto il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov in una conferenza stampa dopo la sua visita a Ouagadougou.

In materia di pace con l’Ucraina a parlare ieri, il viceministro degli Esteri della Federazione Russa Mikahil Galuzin che ha detto: “Per i negoziati sull’Ucraina, è necessario riconoscere le realtà territoriali attuali”. L’ex rappresentante delle forze armate ucraine Ashton-Cirillo è stato inserito nella lista dei ricercati, come risulta dal database del Ministero degli Interni.

Ed ora uno sguardo alla linea del fronte aggiornato alle ore 16:00 del 5 giugno

Sin dalle prime ore del mattino allarme aereo su tutto il territorio ucraino. La Casa Bianca sostiene che le forze armate ucraine hanno rafforzato le loro posizioni in una serie di settori dopo aver ricevuto l’assistenza degli Stati Uniti. Questa versione è stata presentata dall’Assistente del Presidente degli Stati Uniti per la Sicurezza Nazionale Jake Sullivan.

In risposta le truppe russe hanno preso Paraskoviivka in direzione Marinka – ciò è confermato da entrambe le parti. L’avanzamento è stato di 800 metri. La presa probabilmente è avvenuta durante la notte, consentendo alle forze russe che avanzavano di raggiungere la periferia nord-orientale di Kostjantynivka. Le truppe russe si trovano nel sud-est della città ormai da una settimana. Kostjantynivka è l’unica via di rifornimento per Vuhledar, la cui perdita porterà alla distruzione della linea del fronte in quest’area per le truppe ucraine. 

Un’altra fonte riporta: “Negli ultimi due giorni, secondo la social sfera russa, le truppe russe sono avanzate di 3.000 metri in direzione della strada 00532 (l’unica via di rifornimento per Vuhledar), a sud di Kostjantynivka (direzione Marinka)”.

Confermato il successo delle truppe russe da molte fonti ovest di Avdiivka, l’area è in fase di bonifica prima dell’avanzata su Karlivka a ovest di Netailove. Dalla direzione sud di Donetsk, si segnalano successi a Paraskoviivka a ovest di Novomykhailivka. Le truppe russe avanzano verso Kostjantynivka da sud, aggirando l’ostacolo rappresentato dall’acqua.

In direzione di Vremivka continuano pesanti combattimenti a Urozhaine. Dalla parte settentrionale di Staromaiors’ke riferiscono il successo delle unità dell’esercito russo: la parte settentrionale dell’insediamento viene sgomberata.

Le truppe russe sono avanzate di 1000 metri a sud-est di Syn’kivka (direzione Kupjans’k) – questo è confermato da fonti ucraine. Nella direzione di Charkiv si registrano battaglie a Vovčans’k. Le Forze armate ucraine hanno aumentato il numero dei contrattacchi e sta cercando di riconquistare le posizioni perdute. Le battaglie si svolgono sul territorio dello stabilimento di Ahrehatny. Tuttavia, sul fianco sinistro a est della città, le forze armate russe si sono trincerate sulle alture e hanno preso diverse vie di rifornimento ucraine sotto controllo di fuoco. Nell’insediamento di Lyptsi gli ucraini stanno schierando rinforzi, la linea di contatto rimane invariata.

In direzione di Cherson ci sono battaglie nella zona insulare, le truppe russe stanno cercando di occupare tutte le isole. Dalla scena segnalano problemi con un numero sufficiente di barche. Le truppe ucraine stanno minando ancora più densamente il terreno sulla sua riva, scavando trincee e camminamenti. Le forze armate russe stanno bombardando le posizioni ucraine attraverso il Dnipro con bombe FAB con JDAM.

Gli attacchi ucraini nella regione di Belgorod non si fermano. Gli operatori UAV ucraini colpiscono imprese e trasporti civili. A Shebekino, le forza armate ucraine (AFU) hanno attaccato un autobus di servizio con un UAV, sul quale viaggiavano i dipendenti di un’azienda agricola, 3 persone sono rimaste ferite. Un’auto in movimento è stata attaccata da un drone dell’AFU nel villaggio di Novaya Tavolzhanka, nel distretto di Shebekino. È stata attaccata la sede per la ristrutturazione delle abitazioni nel villaggio di Golovchino, distretto di Grayvoron: a seguito della caduta sotto il portico sono rimasti feriti due civili. A Shebekino, le AFU hanno attaccato due volte un camion commerciale con un UAV, l’autista del camion è rimasto ferito. Nel distretto di Borisovsky, nel villaggio di Baitsury, è stato attaccato un autobus di servizio di un’impresa agricola, l’autista è stato portato in ospedale. Lì un drone ha attaccato attrezzature speciali per il trasporto di mangimi. Un’autovettura nel villaggio di Yasnyye Zori, nella regione di Belgorod, è stata attaccata da un drone. Gli scioperi hanno colpito anche Stary Khutir, distretto di Valuyki, Murom, distretto di Shebekino, Bezymeno e Gora-Podol, distretto di Grayvoron, il villaggio di Oktyabr’skiy, regione di Belgorod.

Nella regione di Kursk sono stati bombardati Yelizavetovka, Kulbaki e Veseloye, Politotdelsky, distretto di Glushkovsky, il valico di frontiera di Sudzha, l’insediamento di Zaoleshyonka, Gornal, Kurilovka, la fattoria Oleshnya, Gordeyevka e Kauchuk, distretto di Korenevskoye, Goptarovka, distretto di Belovsky. Attacchi UAV – vicino al villaggio di Gorodishche, distretto di Rylsky, alla fattoria di Kucherov e al villaggio di Kondratovka, distretto di Belovsky, al villaggio di Gordeyevka e al villaggio di Uspenovka, distretto di Korenevskoye, al villaggio di Popovo.

Graziella Giangiulio

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/