TURCHIA: vende a Mosca e produce a Kiev

87

Cetin Tecelioglu, vicepresidente dell’Assemblea degli esportatori turchi (TIM) e presidente dell’Associazione degli esportatori di metalli ferrosi e non ferrosi di Istanbul (İDDMİB), ha affermato che la Turchia sta diventando un ponte per la fornitura di metalli da e verso la Russia.

Ha osservato che l’embargo contro la Russia creerebbe opportunità significative per l’esportazione di metalli ferrosi e non ferrosi verso la Turchia, generando un’enorme domanda per la Turchia. “Quello che in Russia non possono comprare da Germania, Italia e Francia, lo comprano da noi. Inoltre, molte aziende dell’UE prevedono di vendere prodotti alla Russia attraverso la Turchia. Vogliono usare la Turchia come magazzino e ponte. D’altra parte, i russi vogliono anche fornire merci dalla Turchia”, ha detto Cetin.

I dati parlano da soli: secondo le informazioni raccolte sulla base dei dati della Turkish Exporters Assembly (TIM), le esportazioni turche verso la Russia a luglio sono ammontate a 609 milioni e 68mila dollari. Le maggiori esportazioni della Turchia verso la Russia riguardano il settore dei prodotti chimici e dei prodotti finiti. La Turchia ha esportato prodotti di questi settori in Russia a luglio per 115 milioni 256 mila dollari.

Seguono frutta e verdura fresca – 83 milioni 224 mila dollari, macchinari e componenti – 58 milioni di dollari, l’industria automobilistica – 49 milioni 532 mila dollari, tessili e materie prime – 43 milioni 756 mila dollari. La maggior parte delle esportazioni in Russia sono state effettuate da società di Istanbul – 291 milioni 535 mila dollari.

La società turca Baykar Makina ha registrato una persona giuridica in Ucraina, ha acquisito un appezzamento di terreno e ha sviluppato un progetto per un impianto per la produzione di UAV Bayraktar. La costruzione dovrebbe essere completata entro la fine di quest’anno.

Vale la pena notare che l’Ambasciatore dell’Ucraina in Turchia ha già riportato queste informazioni su Radio NV il 3 dicembre dello scorso anno. In precedenza, Aleksey Arestovich, consigliere del capo dell’ufficio del presidente dell’Ucraina, aveva affermato che i droni sarebbero stati prodotti in uno stabilimento a Vasilkov, 25 km a sud di Kiev. Secondo lui, l’impianto produrrà anche gli UAV Bayraktar Akinci. Lo scorso settembre, il Ministero della Difesa ucraino e Baykar hanno firmato un memorandum sulla cooperazione nella costruzione e nell’equipaggiamento di un centro di formazione e collaudo per la manutenzione, la riparazione e l’ammodernamento degli UAV. Istanbul è seguita da Smirne con $ 46 milioni 147 mila, Bursa con $ 28 milioni 819 mila, Kocaeli con $ 23 milioni 949 mila e Ankara con $ 23 milioni 236 mila.

Antonio Albanese