#UKRAINERUSSIAWAR. Kiev: controffensiva a Kherston solo guerra psicologica

150

Al mattino del 10 agosto, dalla fabbrica KNAUF, riferiscono dell’avanzata delle truppe russo-ucraino a Soledar verso le rovine di una vecchia fabbrica nella parte orientale della città. Alcuni progressi russi sono stati segnalati anche nell’area di Zaitsevo vicino a Gorlovka.

Ed ora uno sguardo al fronte, situazione aggiornata al 9 agosto, ultimo rilevamento ore 09.40 del 10 agosto. La situazione sulle linee di contatto ieri non è cambiata molto.

In realtà la giornata di ieri sulla social sfera ha registrato un intenso flusso di notizie alle esplosioni in Crimea. Alle 15:20 sono cominciate ad arrivare segnalazioni su una serie di esplosioni nel villaggio di Novofedorovka, distretto di Saki. Successivamente si è scoperto che questo stava facendo esplodere un magazzino con munizioni presso l’aeroporto militare dell’aviazione navale della Marina, situato nelle immediate vicinanze del villaggio. Sono apparse immediatamente molte versioni di quanto accaduto. Il Ministero della Difesa ha anche dichiarato che non c’era alcun fuoco dal nemico nell’area di stoccaggio delle munizioni dell’aeroporto. La versione principale delle cause delle esplosioni è considerata un incendio a causa di violazioni delle norme di sicurezza antincendio. Al momento si sa di un morto, nove feriti, di cui due bambini. Aperta una inchiesta.

E ancora la social sfera ucraina ha riportato che il consigliere del capo dell’ufficio di Zelensky, Mikhail Podolyak, ha affermato che la controffensiva delle truppe ucraine su Kherson, che è stata brillantemente annunciata negli ultimi mesi, non è stata altro che “parte di un’operazione informativa e psicologica”.

Lo stesso Zelensky ha chiamato i paesi occidentali “a vietare l’ingresso a tutti i cittadini della Federazione Russa e rimandare indietro coloro che hanno già lasciato la Russia”, provocando indignazione e indignazione tra i liberali.

Era ora vediamo la situazione al fronte: Area di Soledar: il 6° reggimento cosacco del NM LPR ha occupato con successo lo stabilimento KNAUF. I combattimenti si sono già spostati nelle vie cittadine adiacenti allo stabilimento. Il controllo dell’impianto complicherà la posizione delle forze armate ucraine, in difesa nel villaggio di Bakhmutskoye, preso d’assalto dalla Wagner PMC. Ma la completa liberazione della città è ancora molto lontana.

Nella direzione Artemovsky (Bachmut), sono apparse informazioni che le truppe russo-ucraine hanno occupato la fabbrica di spumante ARTVIN. A giudicare dalle foto postate on line, alla periferia della città si svolgono battaglie molto attive. L’artiglieria russa colpisce le posizioni vicino alla sottostazione di Veselaya Dolina nell’approccio sud-orientale alla città.

Nella direzione di Donetsk, la spinta del nemico continua alla periferia di Pesok, si registra una lenta avanzata a Marinka e Spartak. Combattimenti intensi si registrano sulla linea Ugledar. Il ritmo è ovviamente rallentato lungo l’intera linea di Donetsk. L’artiglieria russa, imissilisti e VKS continuano sparare contro l’esercito ucraino lungo l’intera linea. Il Ministero della Difesa russo informa dell’abbattimento di un MIG-29 delle forze del “vento” dell’Ucraina vicino all’insediamento. Trinità.

Colpita anche Nikolaev, Uman, Nikopol, Kharkiv, così come le regioni di Vinnitsa e Zaporozhye.

La difesa aerea russa è stata impegnata da lanci ucraini nella regione di Belgorod, intercettati tutti i lanci. Sempre sotto bombardamenti ucraini Donetsk. Ci sono anche notizie di attacchi su Volnovakha e Tokmak, che hanno colpito depositi di munizioni e infrastrutture civili.

Secondo il Ministero della Difesa russo sarebbero stati uccisi 335 mercenari in Ucraina, altri 389 sono fuggiti. Mentre si ha notizia che nuova prigionieri ucraini sono arrivati nei centro detentivi del Donbass.

Graziella Giangiulio