TURCHIA. Il genero di Erdogan si dimette da ministro delle Finanze

28

Il ministro delle finanze turco Berat Albayrak si è dimesso l’8 novembre. Le dimissioni di Albayrak, che è anche il genero del presidente Erdogan, sono avvenute un giorno dopo il licenziamento del governatore della banca centrale. Albayrak ha detto che si dimetteva per motivi di salute e per passare più tempo con la sua famiglia.

«Dopo aver ricoperto incarichi ministeriali per quasi cinque anni, ho deciso di non continuare il mio incarico per motivi di salute», ha detto Albayrak, che ha aggiunto che avrebbe trascorso più tempo con la sua famiglia, trascurata durante la sua vita politica, secondo un suo post su Instagram.

La tv HaberTurk ha poi avuto conferma delle dimissioni dal ministero delle Finanze, riporta Al Jazeera. Albayrak, 42 anni, è sposato con la figlia maggiore di Erdogan, Esra, ed era ministro delle Finanze dal 2018, tra il 2015 e il 2018 era ministro dell’Energia.

Albayrak ha vissuto da Ministro un periodo difficile dell’economia turca: la Turchia si stava riprendendo da una crisi valutaria nel 2018, quando la pandemia di coronavirus ha colpito il paese e la gestione di Albayrak è stata oggetto di molte critiche. Non si sa se le dimissioni saranno accettate da Erdogan.

Quando il ministro degli Interni turco Suleyman Soylu si è dimesso all’inizio di quest’anno, Erdogan si è rifiutato di accettare le dimissioni e Soylu è rimasto al suo posto. Va ricordato che Soylu, dell’Mhp, è l’antagonista politico di Albayrak. Le dimissioni di Albayrak arrivano un giorno dopo che Erdogan ha licenziato il governatore della banca centrale dopo che la lira turca ha perso il 30% del suo valore rispetto al dollaro statunitense dall’inizio dell’anno. Il nuovo governatore è l’ex ministro delle Finanze Naci Agbal che ha sostituito Murat Uysal, in carica solo per 16 mesi. Uysal è stato licenziato con un decreto presidenziale il 7 novembre, come il suo predecessore Murat Cetinkaya nel luglio 2019.

La partenza dei due principali responsabili della politica economica turca ha dato però impulso alla lira. Il vice ministro dei Trasporti Omer Fatih Sayan ha detto su Twitter che sperava che le dimissioni di Albayrak fossero respinte; Mehmet Mus, il vice presidente del gruppo parlamentare del Partito per la Giustizia e lo Sviluppo di Erdogan, ha detto che Albayrak ha fatto passi importanti per rafforzare l’economia e spera che Erdogan non accetti le dimissioni.

Durante i due anni di Albayrak come ministro delle Finanze, la Turchia ha subito una crisi valutaria nel 2018, una recessione in seguito e la lira ha toccato più volte il minimo storico rispetto al dollaro quest’anno.

Maddalena Ingrao