RUSSIA. Rublo superstar: moneta più usata per gli scambi commerciali

134

Il rublo è la valuta principale utilizzata per regolare gli accordi commerciali internazionali, ha riferito l’8 aprile la Banca Centrale Russa, superando lo yuan cinese.

La quota del rublo utilizzata per regolare gli accordi commerciali internazionali è salita a oltre il 40%, rispetto a un terzo dello scorso anno, mentre la quota dello yuan è leggermente scesa a circa il 30%.

La Banca Centrale russa ha inoltre riferito che a marzo la quota dello yuan nei mercati valutari in borsa e fuori borsa ha raggiunto nuovi massimi storici rispettivamente del 53% e del 39,6%, riporta BneIntelliNews.

A seguito delle sanzioni Swift imposte solo pochi giorni dopo l’invasione russa dell’Ucraina, alla Russia è stato impedito di utilizzare il dollaro per regolare accordi commerciali ed è passata quasi interamente all’utilizzo dello yuan per le transazioni internazionali.

Il cambiamento è stato reso più semplice dal fatto che molti dei partner commerciali della Russia sono stati anch’essi turbati dalla decisione di Washington di trasformare la sua valuta in un’arma e sono stati anche felici di regolare una parte maggiore delle loro transazioni commerciali estere utilizzando le valute nazionali.

Dall’inizio dell’anno la quota del rublo nel commercio internazionale della Russia è notevolmente aumentata. Le transazioni in rubli con l’UE sono aumentate al 49% (grazie alle esenzioni dalle sanzioni), con il Sud America sono aumentate al 35% e con l’Africa la crescita è più che raddoppiata al 48%. Nel frattempo, la quota del dollaro e dell’euro negli scambi con l’Asia e l’Africa è diminuita di oltre la metà.

Nonostante le sanzioni, secondo gli ultimi dati della CBR, la Russia ha visto il rublo emergere come valuta predominante nei pagamenti del commercio estero. Secondo i dati di febbraio, il rublo rappresenta il 41,6% dei pagamenti per le esportazioni russe e il 38,1% per le importazioni, superando i record precedenti.

La quota del rublo nelle transazioni commerciali estere della Russia ha rappresentato meno di un terzo di tutti i pagamenti nel 2023. I dati hanno anche evidenziato un calo nell’uso dello yuan cinese nelle esportazioni russe. i pagamenti sono scesi al 30,2% e i pagamenti all’importazione al 32,3% nel primo trimestre di quest’anno.

La Russia ha completamente cancellato il dollaro e l’euro dalle sue riserve internazionali lorde, che a marzo si aggiravano intorno ai 600 miliardi di dollari. Di quel denaro, la metà è congelata nei conti in Europa, ma la metà restante (150 miliardi di dollari) è in oro monetario e il resto in yuan, oltre a un’infarinatura di altre valute “amiche”.

Il dollaro continua a dominare gli accordi commerciali globali, rappresentando circa l’85% di tutte le transazioni, una quota che è cambiata poco negli ultimi due anni. Tuttavia, in seguito al congelamento delle riserve da 300 miliardi di dollari della Banca centrale russa, la quota del dollaro nelle riserve globali è diminuita notevolmente e i conti correnti rappresentano il 58% delle riserve valutarie allocate a livello globale a dicembre 2023 – un minimo di 25 anni come emergente, i mercati iniziano a ridurre la loro esposizione al dollaro.

Nel caso della Cina, ciò è stato reso più semplice dal momento che Russia e Cina gestiscono un regime commerciale relativamente equilibrato, importando ed esportando quasi la stessa quantità di beni in termini monetari. Il commercio reciproco è cresciuto rapidamente e ha superato l’obiettivo di fatturato di 200 miliardi di dollari fissato dal presidente russo Vladimir Putin e dal presidente cinese Xi Jinping alcuni anni fa.

La Cina è ora di gran lunga il principale partner commerciale della Russia e ha fatto molto per compensare la perdita di scambi con l’UE, che in passato era il principale partner commerciale della Russia con un fatturato commerciale prebellico dell’ordine di 350 miliardi di dollari all’anno. Anche la Turchia è emersa come uno dei principali partner commerciali e ha deciso di non partecipare al regime di sanzioni contro la Russia.

Nel 2023 la Russia aveva ancora un surplus commerciale di 140 miliardi di dollari con l’UE grazie alle continue esportazioni di petrolio, gas, fertilizzanti e altri fattori chiave che l’UE non può reperire altrove, nonché alle varie esenzioni dalle sanzioni ottenute da paesi come Ungheria, Austria e Slovacchia.

La situazione con l’India è molto più difficile poiché la Russia registra un surplus commerciale molto ampio grazie ai livelli elelvati delle esportazioni di petrolio verso l’India, mentre l’India esporta relativamente poco verso la Russia. Il deficit commerciale dell’India è raddoppiato nei primi nove mesi del 2023 arrivando a 50 miliardi di dollari a causa dell’impennata delle importazioni di petrolio, ha detto l’ambasciatore russo in India a dicembre dopo che gli scambi reciproci tra i due paesi sono più che raddoppiati nella prima metà dello scorso anno.

Di conseguenza, la Russia ha accumulato un grande eccesso di rupie nelle banche indiane che fatica a convertire in altre valute più utili, dato che la rupia è solo parzialmente convertibile e poiché il processo di conversione deve prima passare attraverso una conversione in dollari. può essere convertito in un’altra valuta, tale percorso non è disponibile per la Russia.

La vita è diventata ancora più difficile per la Russia da dicembre, quando l’Ufficio per il controllo dei beni esteri (OFAC) ha iniziato a introdurre una serie di sanzioni intelligenti con cui minaccia singole banche e società che continuano a trattare con la Russia con sanzioni secondarie. Di conseguenza le principali banche in Cina, Turchia e negli Emirati Arabi Uniti hanno chiuso conti con partner russi e si rifiutano di continuare a fare affari con entità russe. Due delle più grandi banche cinesi hanno chiuso completamente i battenti in Russia, il che ha contribuito a facilitare i pagamenti commerciali. Tuttavia, gli esperti affermano che, poiché in Cina ci sono migliaia di banche, la maggior parte delle quali non sono presenti negli Stati Uniti e quindi immuni dalle sanzioni, il Cremlino dovrebbe trovare nuove soluzioni alternative per continuare la propria attività e regolare i pagamenti commerciali.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/