CINA. Calano import ed export. I dati doganali sono chiari

48

Le esportazioni dalla Cina sono diminuite drasticamente a marzo, mentre anche le importazioni hanno subito un calo inaspettato, come hanno dimostrato i dati doganali pubblicati venerdì scorso.

Entrambi i dati commerciali sono stati inferiori alle previsioni di mercato con ampi margini, con le spedizioni dalla Cina in calo del 7,5% su base annua e le importazioni in calo dell’1,9%, riporta Reuters.

Gli ultimi dati evidenziano il difficile compito che i politici cinesi devono affrontare nel tentativo di sostenere una ripresa economica traballante.

Le spedizioni di esportazione hanno subito il calo più grande dall’agosto dello scorso anno, un calo molto superiore al calo del 2,3% previsto. Le esportazioni erano aumentate del 7,1% nel periodo gennaio-febbraio.

Gli esportatori cinesi hanno attraversato un periodo difficile per gran parte dello scorso anno a causa della debole domanda estera e della rigida politica monetaria globale. Con la Federal Reserve americana e le altre nazioni sviluppate che non mostrano alcuna urgenza di tagliare i tassi di interesse, i produttori cinesi potrebbero trovarsi ad affrontare un ulteriore periodo di sfide nel tentativo di sostenere le vendite di beni all’estero.

Un’indagine del China Beige Book ha affermato che i recenti miglioramenti nelle condizioni commerciali, tra cui il miglioramento dei ricavi aziendali, dei profitti e della spesa in conto capitale, sono stati “più un ritorno a un livello mediocre rispetto a un periodo veramente povero”, riporta AF.

Gli analisti avvertono che le preoccupazioni occidentali sulla sovraccapacità della Cina in alcuni settori potrebbero comportare ulteriori barriere commerciali per il polo manifatturiero mondiale.

Il dato di marzo riguarda le importazioni (-1,9%) dopo una crescita del 3,5% nei primi due mesi e ha sottolineato le condizioni di debolezza della domanda interna, evidenziate anche dai dati secondo cui l’inflazione al consumo si è “raffreddata” più del previsto il mese scorso.

L’economia cinese ha avuto un inizio relativamente solido quest’anno dopo che i politici hanno adottato misure di sostegno per rilanciare i consumi delle famiglie, gli investimenti privati e la fiducia dei mercati a partire dalla seconda metà del 2023.

Tuttavia, la crescita del gigante asiatico rimane disomogenea e non ci si aspetta una ripresa in piena regola in tempi brevi, principalmente a causa della prolungata crisi del settore immobiliare.

Mercoledì scorso l’agenzia di rating Fitch ha tagliato a negativo il suo outlook sul rating del credito sovrano cinese, citando i rischi per le finanze pubbliche mentre l’economia si trova ad affrontare una crescente incertezza nel suo passaggio a nuovi modelli di crescita.

L’economia probabilmente è cresciuta del 4,6% nel primo trimestre rispetto all’anno precedente – il più lento in un anno nonostante i segnali di stabilizzazione. La banca centrale si troverebbe ad affrontare una sfida poiché sempre più credito affluisce alla produzione che ai consumi, mettendo in luce i difetti strutturali dell’economia e riducendo l’efficacia dei suoi strumenti di politica monetaria.

Sul fronte fiscale, la Cina prevede di emettere mille miliardi di yuan in speciali titoli del Tesoro a lunghissimo termine per sostenere aree chiave. Ha inoltre aumentato la quota speciale di emissione di obbligazioni per il 2024 per i governi locali a 3,9 trilioni di yuan da 3,8 trilioni di yuan nel 2023.

Inoltre, nel tentativo di rilanciare la domanda, il mese scorso il governo ha approvato un piano volto a promuovere aggiornamenti su larga scala delle apparecchiature e la vendita di beni di consumo.

Tommaso Dal Passo 

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/