REPUBBLICA CECA. La strana guerra delle statue in Boemia

66

In Repubblica Ceca, a differenza degli Staters o del Regno Unito, le statue dei “russi” sono state abbattute, quelle asburgiche sono state erette nuovamente. Un gruppo civico in gran parte cattolico ha collocato una copia di una colonna sormontata dalla Vergine Maria in Piazza della Città Vecchia – originariamente costruita per celebrare la riconquista cattolica asburgica di Praga dagli svedesi protestanti nella Guerra dei Trent’anni, abbattuta dai cechi appena indipendenti nel 1918.

Una municipalità di Praga ha anche costruito una statua dell’imperatrice Maria Teresa vicino ai resti delle fortificazioni asburgiche della città, e un’altra prevede di portare una statua del feldmaresciallo asburgico Joseph Radetzky fuori da un museo e rimetterla nella piazza del Piccolo Quartiere sotto il Castello. Nel frattempo, in mezzo a una tempesta mediatica, la statua del maresciallo sovietico Ivan Konev è stata rimossa dal suo basamento nella capitale, e il suo destino non è ancora chiaro.

Le diverse reazioni a questi monumenti austriaci e russi spiegano molto sia sul complicato atteggiamento dei cechi verso la loro lunga storia, sia sulla diversa struttura del nazionalismo ceco rispetto ai loro vicini dell’Europa centrale. Ancora una volta questo dimostra che le statue non sono solo artefatti storici o artistici neutrali: hanno un messaggio contemporaneo che dovrebbe essere esplorato e discusso, riporta Bne Intellinews.

La visione ceca dell’impero asburgico era inizialmente in bianco e nero. Quando la Cecoslovacchia ottenne l’indipendenza nel crollo dell’impero austro-ungarico nel 1918, la maggior parte dei monumenti imperiali furono abbattuti per segnare la fine di quelli che furono chiamati “300 anni di buio”: gli Asburgo avevano ripreso il controllo del regno boemo dopo la battaglia della Montagna Bianca nel 1620.

Dopo questa vittoria, gli Asburgo giustiziarono 27 dei principali nobili e borghesi cechi protestanti nella piazza della Città Vecchia di Praga, esponendo le loro teste sul Ponte Carlo per 10 anni. Circa 150.000 cechi, tra cui un quarto della nobiltà, fuggirono dal paese, e tre quarti delle terre del paese furono ridistribuite tra i fedeli nobili cechi e cattolici stranieri. La Dieta Ceca fu neutralizzata, le chiese protestanti furono soppresse e il tedesco divenne la lingua dominante nel regno.

Persino quando la Boemia era diventata la parte più industrializzata dell’impero, l’imperatore Francesco Giuseppe rifiutò di elevare il livello di status del regno a quello dell’Ungheria rurale e non si preoccupò mai di farsi incoronare re di Boemia. Nonostante questo, nella Prima guerra mondiale, un milione di cechi combatterono ancora dalla parte dell’Austria.

Dopo l’indipendenza, Tomas Masaryk, primo presidente della Cecoslovacchia, seguì una politica di “de-austriacizzazione” che contribuì ad alienare la grande minoranza etnica tedesca del paese. Durante la Prima Repubblica, il vecchio impero fu ridicolizzato descritto come assurdo, reazionario, soffocante, repressivo, corrotto e incompetente.

Questo atteggiamento continuò dopo la presa del potere da parte dei comunisti nel 1948, e si fuse con una più ampia ostilità verso i tedeschi in generale a causa dell’occupazione nazista della Boemia durante la guerra.

Dopo il crollo del comunismo nel 1989, la Prima Repubblica – l’unica democrazia tra le due guerre nell’Europa centrale – è stata dipinta come un’epoca d’oro, ma anche la visione ceca del passato asburgico è cambiata notevolmente.

Alcuni storici ora vedono l’impero asburgico multinazionale come una sorta di precursore dell’Unione Europea e simpatizzano con le sue lotte per bilanciare le richieste concorrenti delle sue varie nazionalità.

Per molti, la stabilità e il luccichio dell’impero sembrano ora anche molto più attraenti, visti gli orrori che il XX secolo avrebbe fatto piovere sui piccoli e deboli paesi sorti dalle sue ceneri. Per alcuni cechi, l’umiliante capitolazione della Prima Repubblica a Hitler nel 1938, i successivi 50 anni di occupazione nazista e sovietica, e poi gli ingloriosi 30 anni dalla Rivoluzione di Velluto hanno fatto sembrare il periodo asburgico un’altra epoca d’oro.

Gli Asburgo erano anche re di Boemia, e Rodolfo II, patrono dell’arte e delle scienze occulte, fece addirittura di Praga la sua capitale nel XVI secolo, lasciando in eredità alla città palazzi e chiese barocche che l’hanno resa la più grande attrazione turistica dell’Europa centrale. Cechi come Radetzky salirono a posizioni elevate nell’impero, e l’economia e la cultura fiorirono, con compositori di fama mondiale come Bedrich Smetana e Antonin Dvorak.

Per alcuni, questa nostalgia include l’affetto per l’ex nobiltà, molti dei quali hanno riottenuto i loro castelli nella restituzione, e che aggiungono un po’ di glamour alla comunanza altrimenti senza classe del paese. In realtà, la riabilitazione degli Asburgo è stata spinta dai politici locali di destra a Praga, con poco dibattito pubblico. Anche la Chiesa cattolica ha giocato un ruolo dietro le quinte dimostrando che la sua influenza sta crescendo, come dimostra il modo in cui ha riacquistato gran parte della sua antica ricchezza in una legge di restituzione della chiesa del 2012. Tuttavia, la chiesa non è ancora così reazionaria né così potente come nei paesi vicini come la Polonia, perché i cechi sono per lo più atei.

Al contrario, la rimozione della statua del generale sovietico Ivan Konev, che liberò Praga nel 1945, fu accompagnata da un furore pubblico, da minacce contro il sindaco del distretto locale di Praga e da lamentele ufficiali russe. Il maresciallo era sopravvissuto all’epurazione dei monumenti sovietici dopo la rivoluzione di velluto, ma era diventato il bersaglio del vandalismo anti-russo. I critici hanno detto che, come Radetzky, può essere stato un grande generale, ma ha anche aiutato a schiacciare la rivolta ungherese del 1956 contro l’impero sovietico.

Anna Lotti