Montenegro punta alla Ue, ma l’impresa è made Russia

89

MONTENEGRO – Podgorica. 12/09/13. Alexander Pejović, Capo della delegazione montenegrina per i negoziati con Bruxelles per l’ingresso del Montenegro nell’Unione europea oggi è in Repubblica Ceca dove ha ottenuto il pieno appoggio e sostegno per l’ingresso di Podgorica nell’Unione dal Ministro degli esteri ceco a nome della Repubblica Ceca, Jan Kogautom, nonché dal Segretario di Stato per l’Unione europea Vojtech Belling.

Nel corso degli incontri si è discusso delle riforme necessarie per l’adesione del Montenegro alla UE e del supporto possibile che la Repubblica Ceca può dare in tal senso.

Tra le peculiarità di questa giovane repubblica il fatto che il 32% delle imprese straniere è di origine russa, a seguire quelle serba e ucraina.
A riferirlo in una nota stampa nel mese di luglio, l’agenzia Beta, citando come fonte l’Ufficio statistico del Montenegro (MONSTAT).

Il maggior numero di aziende i cui fondatori non sono cittadini del Montenegro sono a Podgorica (circa 27%), non vi sono invece società straniere a Andrijevica e Pluzhine. Dopo le aziende di origine russa 32% vi sonno quelle di origine serba il 15,7%, ucraini 6,6%, e cinese il 4%.
Secondo MONSTAT, 12,8% delle società estere di proprietà di altre società estere e il resto è formato da ditte individuali

Il tutto è reso possibile grazie a un nutrito gruppo di norme che favorisce gli investimenti esteri. 

Come la egge sugli Investimenti Esteri del Montenegro. Podgorica ha adottato una legislazione specifica che delinea garanzie e tutele per gli investitori stranieri. Legge sugli Investimenti Esteri del Montenegro, stabilisce il quadro per gli investimenti in Montenegro e va a eliminare le precedenti restrizioni agli investimenti, si estende il trattamento nazionale per gli investitori esteri, consente il trasferimento / rimpatrio di profitti e dividendi, fornisce garanzie contro l’espropriazione, e consente deroghe di servizio personalizzati per le attrezzature importate come capitale in natura.

Montenegro ha adottato più di 20 leggi riguardanti le imprese, il tutto in conformità con le norme dell’UE. Le principali leggi che regolano gli investimenti esteri in Montenegro sono: la Legge degli investimenti esteri, la legge sulle imprese, il diritto fallimentare, la legge sul trasferimento fiduciario dei diritti di proprietà, la legge di contabilità, la legge sul capitale e corrente transazioni, la Legge del Commercio Estero; la legge doganale, la legge sulle zone franche; del diritto del lavoro, il diritto dei valori mobiliari, la Legge Concessione, e l’insieme delle leggi che regolano la politica fiscale.

Il Montenegro ha compiuto passi significativi sia che modifica la legislazione in materia di investimenti in conformità con gli standard mondiali e creare le istituzioni necessarie per attirare investimenti. Tuttavia, come è il caso con altri paesi in transizione, attuazione e applicazione della legislazione esistente resta debole e inconsistente.