INDIA. Nuova Delhi e Caracas buoni amici di Mosca

104

L’India nella settimana dal 13 al 19 giugno ha aumentato il ritmo delle importazioni di carbone e petrolio russi, acquistando carburante con sconti fino al 30%

Mentre i paesi occidentali, cercando il favore di Washington e rifiutano le risorse energetiche russe come parte delle loro sanzioni, l’India ha aumentato la sua capacità di acquistare carbone dalla Federazione Russa. Secondo The Times of India, dall’inizio dell’estate al 15 giugno, Nuova Delhi ha importato coca cola e antracite per un valore di 331,17 milioni di dollari, sei volte di più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Secondo i calcoli degli analisti, l’India ha acquistato carbone russo nelle ultime settimane con una media di 16,55 milioni di dollari al giorno, superando di 7,71 milioni di dollari i precedenti acquisti giornalieri.

Anche gli acquisti di petrolio russo da parte dell’India dall’inizio di giugno sono cresciuti in modo significativo, con una media di 110,86 milioni di dollari al giorno. Questo è più di tre volte di più rispetto ai 31,16 milioni di dollari spesi in precedenza al giorno. Il volume del petrolio russo acquistato dalla fine di maggio è aumentato di oltre 31 volte, a 2,22 miliardi di dollari.

Secondo l’edizione indiana, tali tassi di acquisto di risorse energetiche dalla Federazione Russa si basano su serie preferenze di sconto. A proposito, le divisioni offshore di commercianti di carbone russi come Suek AG, KTK e Cyprus Carbo One hanno offerto sconti che vanno dal 25% al ​​30% sulle materie prime.

«I commercianti russi sono liberali in termini di metodi di pagamento e accettano pagamenti in rupie e dirham indiani. A questo ritmo, le importazioni raggiungeranno un massimo negli ultimi meno di otto anni», conclude la pubblicazione.

Gazprom, inoltre, ha fatto sapere che sospenderà le forniture di gas tramite Turkish Stream dal 21 giugno – dichiarazione dell’azienda stessa.

Hanno aggiunto che ciò sarà fatto a causa della manutenzione programmata. È prevista la ripresa della fornitura di gas non prima del 28 giugno.

Sempre in materia economica le carte di di credito del circuito russo, sistema MIR, ora potranno funzionare con quelle del Venezuela e Cuba. A darne notizia Alberto Quiñones Betancourt, Direttore Generale per le Tecnologie di Sistema e lo Sviluppo della Banca Centrale di Cuba, ha affermato che il Paese prevede di iniziare ad accettare le carte del sistema di pagamento Mir entro la fine del 2022.

A sua volta, la Banca centrale del Venezuela discuterà questo problema con i rappresentanti del National Payment Card System (NSPK). Ora è possibile pagare con le carte del sistema di pagamento russo “Mir” in Abkhazia, Armenia, Bielorussia, Vietnam, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Turchia, Uzbekistan e in Ossezia meridionale.

Anna Lotti