GIAPPONE. Non solo sport a Tokyo

40
This photo taken on July 30, 2021 shows Belarus' Krystsina Tsimanouskaya competing in the women's 100m heats during the Tokyo 2020 Olympic Games at the Olympic Stadium in Tokyo. - The Czech Republic offered asylum on August 2, 2021 to Belarusian Olympic athlete Krystsina Tsimanouskaya who claimed her team tried to force her to leave Japan, as activists said she was seeking refuge in Poland. (Photo by Giuseppe CACACE / AFP) (Photo by GIUSEPPE CACACE/AFP via Getty Images)

Le Olimpiadi di Tokyo saranno ricordate per molti motivi: le prime dell’era COVID; per le alte temperature che hanno stupito i giapponesi stessi, che sono ricorso come da tradizione al ghiaccio e alla anguilla alla griglia per restare al fresco, e per la fuga di una campionessa olimpionica che non è rientrata in Bielorussia ma ha chiesto asilo in Polonia 

La velocista bielorussa Krystsina Tsimanouskaya si è detta “felice” di essere in Polonia giovedì, dopo aver affermato che i funzionari della squadra bielorussa hanno cercato di costringerla a tornare a casa dalle Olimpiadi di Tokyo.

Nella sua prima conferenza stampa da quando è atterrata in Polonia a, l’atleta ha detto a giornalisti e funzionari di essere sollevata di essere “al sicuro”.Tsimanousskaya ha suscitato preoccupazione dopo aver cercato protezione presso i funzionari di Tokyo 2020 domenica, affermando che i funzionari della squadra bielorussa avevano cercato di costringerla a lasciare i Giochi e a tornare a casa. Lo spiacevole episodio sarebbe accaduto dopo che l’atleta olimpionica bielorussa avrebbe lamentato di non voler partecipare ad una staffetta 400 metri non essendo sua specialità, lo ha fatto sui social media. A quel punto i funzionari di squadra sono intervenuti non proprio velatamente per farla rientrare. 

Secondo quanto raccontato dall’atleta Tsimanouskaya il suo funzionario le aveva detto di dire che era ferita, quindi sarebbe dovuta tornare a casa, ma lei si era rifiutata. Le critiche sui social media della velocista al modo in cui la squadra veniva gestita l’hanno portata ad essere indicata come malata di mente dalla televisione di stato.

I funzionari di Tokyo hanno permesso a Krystsina Tsimanouskaya di salire su un volo per la Polonia. Krystsina Tsimanouskaya ha parlato del suo calvario di essere preso di mira per aver parlato. Diversi paesi dell’Unione Europea hanno offerto aiuto, la Polonia che ha concesso un visto umanitario.

La 24enne ha ringraziato coloro che l’avevano sostenuta durante la tesa situazione di stallo diplomatico. Ha affermato di sostenere il diritto dei suoi connazionali bielorussi di esprimersi.

“Voglio dire a tutti i bielorussi di non avere paura e se sono sotto pressione, parlate”, ha detto Tsimanouskaya.

Antonio Albanese