GIAPPONE. Berlino diventerà la terza economia mondiale. Tokyo al numero 4

185

Dopo che la Cina tredici anni fa superò il Giappone come seconda economia mondiale, ora sembra arrivato il momento della Germania.

Questa settimana, il Fondo monetario internazionale ha calcolato che il Pil nominale della Germania è sulla buona strada per superare quello del Giappone quest’anno. Ciò spingerebbe il Giappone dal n. 3 al n. 4 a livello globale, riporta AT.

E fino ad oggi, Tokyo sottolinea che i livelli di reddito pro capite, nettamente più alti in Giappone, sono il parametro più importante rispetto all’economia cinese o a quella tedesca un domani. Ma non si può nascondere che la caduta dal n. 3 al n. 4 sia indice della debolezza dell’economia giapponese e del danno collaterale derivante da una politica dello yen debole ormai fallita da 25 anni.

Vale anche la pena notare che l’economia tedesca non è fiorente: l’FMI ritiene che la crescita negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Francia e in Spagna supererà quella della Germania nei prossimi cinque anni.

Nonostante la crisi, è difficile confutare il fatto che, dalla metà degli anni 2000 alla fine degli anni 2010, Berlino ha mostrato a Tokyo come si è comportata in termini di prosperità economica nonostante i forti tassi di cambio.

Meglio di molti altri paesi, la Germania ha bilanciato le tensioni tra l’aumento della competitività e il mantenimento del massimo livello di occupazione, anche tra le imprese di medie dimensioni che per lungo tempo hanno costituito la spina dorsale dell’industria tedesca.

La politica debole dello yen del Giappone ha smorzato lo spirito imprenditoriale della nazione: una serie di leader si è appoggiata allo yen debole per stimolare la crescita. Ciò ha liberato gli ultimi 13 governi dall’urgenza di rilanciare la competitività, ricalibrare la crescita e accogliere favorevolmente le interruzioni.

Anno dopo anno, la Banca del Giappone è stata sottoposta a crescenti pressioni per spingere ulteriormente l’esperimento di allentamento quantitativo iniziato tra il 2000 e il 2001 verso nuove frontiere monetarie.

Le cose sono migliorate nel 2013, quando Haruhiko Kuroda è stato nominato governatore della BOJ. La banca centrale ha intrapreso un’abbuffata di acquisti pluriennale, mettendo alle strette il mercato dei titoli di Stato. Anche le azioni, attraverso acquisti epici di fondi negoziati in borsa. Nel 2018, il bilancio della BOJ superava le dimensioni dell’intera economia giapponese, ovvero circa 4,9 trilioni di dollari.

Tuttavia, l’ultimo decennio di iper-allentamento non ha fatto altro che esacerbare il problema della liquidità e senza riforme ha generato profitti aziendali record, ma non è riuscita a incentivare ad aumentare i salari, investire molto nell’innovazione, aumentare la produttività o assumersi rischi in nuove industrie promettenti. Un tasso di cambio debole ha garantito per 25 anni il più generoso welfare aziendale del capitalismo moderno, che ha finito per frenare il Giappone.

L’Fmi stima che il Pil nominale della Germania finirà il 2024 a 4,43 trilioni di dollari, superando i 4,23 trilioni di dollari del Giappone. Questo spostamento avviene quando lo yen si colloca intorno a 150 per il dollaro, vicino al minimo di 33 anni, e intorno a 160 per l’euro. Il tasso yen-euro è stato adottato per l’ultima volta in questa zona nel 2008, nel mezzo della crisi finanziaria globale.

Inoltre, è probabile che lo yen scivoli ulteriormente. La rigidità dei mercati del lavoro e l’impennata dei prezzi del petrolio stanno aumentando le probabilità di ulteriori rialzi dei tassi da parte della Federal Reserve americana, forse già dalla prossima settimana. Gli aumenti dei tassi della Banca Centrale Europea hanno inoltre ampliato il divario di rendimento con il Giappone.

La BOJ rimane in modalità di stimolo in un contesto di salari piatti e di rallentamento della crescita.

A dicembre 2022, il premier Fumio Kishida ha annunciato un aumento di oltre il 50% della spesa per la difesa in cinque anni, portandola a 315 miliardi di dollari. La settimana scorsa si è impegnato a tagliare le imposte sul reddito e le imposte sulle società, oltre a una maggiore assistenza per l’assistenza all’infanzia. Quest’ultima spinta arriva mentre l’approvazione del suo governo scende ai minimi storici.

Poiché Tokyo si aggiunge ad un debito nazionale che si sta già avvicinando al 260% del Pil, la BOJ potrebbe dover aumentare la liquidità invece di ritirarla. L’inversione di marcia di Kishida sulla spesa metterà il nuovo governatore della BOJ Kazuo Ueda in una posizione difficile.

Nel frattempo, la scena globale è peggiorata. L’impennata dei prezzi dell’energia nel 2022 legata all’invasione russa dell’Ucraina sta ora accelerando grazie alla crisi Hamas-Israele.

Interrogato sulle proiezioni del Fmi all’inizio di questa settimana, il ministro dell’Economia giapponese Yasutoshi Nishimura ha dichiarato: «È vero che il potenziale di crescita del Giappone è rimasto indietro e rimane lento. Vorremmo riconquistare il terreno perduto negli ultimi 20 o 30 anni. Vogliamo raggiungere questo obiettivo attraverso misure come il nostro prossimo pacchetto».

Le difficoltà del Giappone stanno consentendo alla Germania di salire nelle classifiche globali nel momento peggiore possibile per un governo di Tokyo che è davvero alle corde.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/