CRISI DEL GAS. La corsa all’energia dell’Europa sudorientale

134

I Paesi dell’Europa sudorientale sono alla ricerca urgente di nuovi fornitori che li aiutino a superare la crisi energetica causata dalle sanzioni sull’energia russa. L’impennata dei prezzi dell’elettricità sui mercati internazionali ha costretto gli Stati della regione a cercare modi per aumentare la produzione interna, il che nella maggior parte dei casi significa un ritorno all’energia da carbone, nonostante gli impegni assunti per rendere più ecologici i loro settori energetici.

Tuttavia, l’aumento della produzione di energia elettrica da carbone è complicato dall’improvvisa necessità di assicurarsi nuove forniture di carbone, nonché dall’invecchiamento e dall’inaffidabilità delle centrali elettriche a carbone al di fuori dei Paesi dell’Ue, riporta BneIntelliNews.

Il governo sloveno, che è il Paese più ricco dell’Europa emergente in termini pro capite e si vanta di essere anche uno dei più verdi, ha dichiarato a gennaio di aver approvato una strategia nazionale per eliminare gradualmente il carbone dalla produzione di energia elettrica entro il 2033. Otto mesi dopo, Lubiana sta cercando di importare carbone per alimentare l’unica centrale elettrica a carbone rimasta, Sostanj, Tes, e sta cercando di reclutare minatori per incrementare la produzione interna di carbone.

Tes produce circa un terzo di tutta l’elettricità in Slovenia. È stata ampliata con l’aggiunta dell’unità 6, nonostante la forte opposizione dei gruppi ambientalisti. Il 14 settembre il primo ministro Robert Golob ha dichiarato che la miniera di carbone di Premogovnik Velenje, che rifornisce Sostanj, ha scorte di carbone sufficienti solo per due settimane. Il suo governo ha dichiarato il livello di minaccia uno per la fornitura di energia elettrica.

A metà settembre, Sostanj ha ricevuto il primo lotto di prova di carbone dall’Indonesia. Insieme all’Australia, il Paese del sud-est asiatico sta diventando un fornitore di carbone sempre più importante, dopo le interruzioni delle forniture da Russia e Ucraina.

Anche la Macedonia del Nord ha bisogno di carbone per le sue centrali termiche. La Macedonia del Nord dipende dalle importazioni di energia e produce solo elettricità. Non dispone di gas o petrolio e ha quantità limitate di carbone. Ad agosto, il produttore di energia elettrica della Macedonia del Nord, Esm, ha indetto due gare d’appalto per l’acquisto di 950.000 tonnellate di carbone per il fabbisogno delle sue due centrali termiche.  Il 13 settembre il primo Ministro Dimitar Kovacevski ha dichiarato di essersi assicurato forniture di carbone e olio combustibile dalla Grecia durante l’incontro con il premier greco Kyriakos Mitsotakis ad Atene.

Con l’invecchiamento delle centrali elettriche e l’imminente interruzione delle forniture di petrolio dalla Russia a novembre, la Serbia sta cercando di importare carbone, elettricità, gas e petrolio da più fonti. I costi saranno elevati. La Serbia prevede di spendere 3 miliardi di euro, pari al 4,5% del suo Pil annuale, per le importazioni di elettricità, gas e olio combustibile tra ottobre 2022 e marzo 2023.

La Serbia alimenta tipicamente le sue centrali elettriche a carbone con il carbone prodotto all’interno del Paese e con le importazioni dalla Bosnia-Erzegovina, dalla Bulgaria e dal Montenegro. Quest’inverno la Serbia prevede di importare 2,5 milioni di tonnellate di carbone in più; il ministro dell’Energia Zorana Mihajlovic ha indicato in Bulgaria, Bosnia, Romania e Grecia i principali Paesi di provenienza previsti. Tuttavia, la capacità di produzione di energia elettrica della Serbia è limitata.

Oltre al carbone delle proprie centrali elettriche, Belgrado vuole quindi importare elettricità e la società elettrica statale Eps ha recentemente accettato di acquistare 2.600 MWh dall’Azerbaigian, che sta diventando sempre più importante come fornitore di energia per l’Europa sudorientale. La Serbia è riuscita ad ottenere a maggio un nuovo contratto di gas a lungo termine con Gazprom a condizioni relativamente favorevoli. Tuttavia, questo non coprirà l’intero consumo di gas e la Serbia spera che l’Azerbaigian intervenga di nuovo per fornire gas, il che sarà facilitato dall’interconnettore del gas Serbia-Bulgaria.

La Bulgaria ha perso le forniture di gas russo ad aprile, quando l’allora presidente Kiril Petkov si è rifiutato di pagare in rubli. Petkov mirava ad acquistare gas naturale liquefatto dagli Stati Uniti e ad aumentare le importazioni di gas dall’Azerbaigian. Ora, il nuovo governo ad interim ha dichiarato che avrebbe riaperto i colloqui con Gazprom, con conseguenti accuse di voler riportare la Bulgaria nella sfera di influenza della Russia, e che avrebbe esplorato altre fonti. La Bulgaria guarda all’Azerbaigian e a metà settembre ha offerto di esportare elettricità in Azerbaigian in cambio di più gas naturale. L’Azerbaigian fornisce già 1 miliardo di metri cubi di gas naturale all’anno alla Bulgaria e ha dichiarato che potrebbe raddoppiare la quantità.

Anche in Romania il governo sta cercando di accelerare lo sviluppo di importanti progetti sul gas.

Molto prima dell’attuale crisi, la Croazia ha deciso di installare un terminale Gnl galleggiante al largo dell’isola di Krk, a sostegno della sua indipendenza energetica, e ha anche l’ambizione di diventare un hub Gnl per la regione. Zagabria intende raddoppiare la capacità del terminale da 2,9 a 6,1 miliardi di metri cubi.

Antonio Albanese