CINA. Nuovi accordi commerciali e logistici con la Russia: legami sempre più stretti

129

Il 23 ottobre le aziende cinesi e russe hanno concordato una serie di accordi nel settore manifatturiero, logistico, e-commerce e agricolo, mentre i legami tra i vicini continuano ad approfondirsi nonostante le difficoltà dell’Occidente.

Aziende delle due nazioni stavano partecipando a una conferenza regionale nel nord-est della Cina, hanno riferito i media statali cinesi, riporta AF.

L’evento di Shenyang, capitale della provincia di Liaoning, ha fatto seguito all’incontro della settimana scorsa a Pechino tra il presidente russo Vladimir Putin e il presidente cinese Xi Jinping.

Alla conferenza erano presenti funzionari del governo locale russo, rappresentanti delle imprese e quasi 800 aziende cinesi che speravano di entrare nel mercato russo.

La Cina ha sollecitato una maggiore connettività transfrontaliera con la Russia e una più profonda cooperazione economica nonostante la disapprovazione dell’Occidente dopo che le forze russe hanno invaso l’Ucraina lo scorso anno, con la Cina nord-orientale – comprendente le province di Liaoning, Heilongjiang e Jilin – che ha acquisito un nuovo significato strategico come zona di accordi bilaterali. commercio e commercio.

Tra gennaio e settembre, 40 aziende russe hanno avviato attività commerciali a Liaoning, ha affermato l’emittente nazionale cinese.

Le spedizioni in uscita di Liaoning verso la Russia sono aumentate dell’82,3% nei primi nove mesi rispetto all’anno precedente, raggiungendo 42,64 miliardi di yuan.

A marzo, a Shenyang è stato messo in funzione un nuovo hub merci per i treni merci Cina-Europa, con un treno che trasportava 55 container in partenza per la Russia per celebrare l’inaugurazione dell’hub.

A maggio, la dogana cinese ha affermato che la provincia senza sbocco sul mare di Jilin potrà utilizzare Vladivostok, il più grande porto dell’Estremo Oriente russo, per spedire merci a Zhoushan e Jiaxing nella provincia cinese orientale dello Zhejiang a partire da giugno, riducendo i costi e i tempi di trasporto per carico di Jilin diretto alla Cina orientale.

L’Heilongjiang dovrebbe anche diventare un passaggio “fondamentale” per l’apertura della Cina al nord, ha dichiarato Xi a settembre, affermando che la provincia dovrebbe svolgere un ruolo attivo nella salvaguardia della difesa nazionale, della sicurezza alimentare e energetica.

A settembre, il commercio bilaterale tra Russia e Cina è salito a 21,18 miliardi di dollari, il più alto dal febbraio 2022, quando la Russia iniziò la guerra in Ucraina, secondo i dati dell’Amministrazione generale delle dogane cinese all’inizio di questo mese.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/