CINA. L’Autarchia di Xi Jinping diventa realtà

163

La Cina di Xi promette un’industria scientifica e high-tech nazionalizzata, visti i divieti sui chip. La mossa potrebbe significare una transizione verso un’economia pianificata dallo Stato a comando, mentre la Cina cerca di porre fine alla dipendenza dalle importazioni.

Mentre gli Stati Uniti impongono ulteriori divieti all’esportazione di software e chip ad alta tecnologia in Cina, il leader del Partito Comunista Cinese Xi Jinping ha presentato un piano per concentrare le risorse su prodotti e processi high-tech nazionali.

Il 2 settembre Nvidia ha dichiarato di aver ricevuto dal governo statunitense il divieto di esportare i suoi chip per unità di elaborazione grafica A100 e H100 in Cina e Russia, mentre al suo server DGX AI è stato vietato di essere spedito in Cina con i chip a bordo, riporta Rfa. È emersa anche la notizia di un divieto di esportazione in Cina del chip MI250 Accelerator AI di AMD da parte degli Stati Uniti.

Attualmente i chip cinesi di fascia alta possono competere con quelli prodotti da Nvidia, AMD e Taiwan Semiconductor solo in alcune aree, e si prevede che i divieti infliggeranno un duro colpo al settore AI cinese.

Il 6 settembre Xi Jinping ha annunciato un quadro di misure volte a consentire alla Cina di «raggiungere progressi nelle tecnologie di base, stabilire vantaggi competitivi e prendere l’iniziativa strategica in diversi settori importanti», alla 27esima riunione della Commissione centrale per l’approfondimento delle riforme, Xi ha detto che il Pcc e il governo avrebbero rafforzato la leadership dell’innovazione scientifica e tecnologica, stanziando risorse a livello nazionale per soddisfare le esigenze di ricerca e sviluppo.

Secondo Xinhua, il piano prevede l’utilizzo a livello nazionale delle risorse esistenti per raggiungere «lo sviluppo economico e sociale in tutti i campi». Le riforme proposte da Xi sembrano preannunciare un ritorno a un’economia pianificata e un allontanamento dalle riforme economiche e dall’apertura avviate da Deng Xiaoping.

Nazionalizzazione significa che gli “interessi nazionali” sono prioritari rispetto a tutto il resto, secondo un modello già visto: «Le importazioni di materie prime ad alta tecnologia sono state praticamente bloccate dalle sanzioni straniere, quindi hanno dovuto nazionalizzare questo sistema (…) Il precedente più importante è stato la fusione del ferro e dell’acciaio durante il Grande balzo in avanti “1958-1960)», prosegue Rfa.

Pechino «sta prendendo l’iniziativa di staccarsi dall’intera comunità scientifica e tecnologica occidentale (…) Ciò significa che nei prossimi due o tre anni tutti i software stranieri saranno sostituiti da software e hardware cinesi di produzione propria (…) Anche se questi prodotti nazionali non saranno così facili da usare, non importa, perché hanno senso per Xi, la cui preoccupazione principale è la sicurezza (…) Il suo punto di vista sulla sicurezza riguarda la stabilità del regime (…) Prepara l’opinione pubblica al passo successivo, che è il distacco attivo dall’Occidente».

Il processo sembra essere bidirezionale, poiché l’approvazione del Chips Act negli Stati Uniti nel luglio 2022 rafforzerà la produzione, la progettazione e la ricerca sui semiconduttori a livello nazionale, rafforzerà l’economia e la sicurezza nazionale e rafforzerà le catene di fornitura di chip per le aziende statunitensi.

Vi sono anche preoccupazioni per la sicurezza nazionale in relazione alle recenti offerte di aziende cinesi per l’acquisizione di partecipazioni in società che possiedono determinati asset.

La Cina sostiene di non fornire assistenza militare alla Russia, ma i dati doganali cinesi mostrano un aumento delle esportazioni di materie prime per uso militare verso la Russia.

Nei primi cinque mesi del 2022, le spedizioni di chip cinesi in Russia sono più che raddoppiate rispetto all’anno precedente, raggiungendo i 50 milioni di dollari, mentre le esportazioni di componenti come i circuiti stampati hanno registrato una crescita percentuale a due cifre.

La Cina ha inoltre esportato in Russia un quantitativo 400 volte superiore di allumina, un’importante materia prima per la produzione di armi e per l’industria aerospaziale, rispetto allo stesso periodo del 2021.

Tommaso Dal Passo