Chevron e YPF investono in Vaca Muerta

65

ARGENTINA – Buenos Aires 13/04/2014. La statunitense Chevron e l’argentina Ypf hanno annunciato i piani tesi a investire altri 1,6 miliardi di dollari per sviluppare il campo di Scisto di Vaca Muerta in Argentina per lo sfruttamento di petrolio e gas.

L’investimento arriva dopo l’investimento fatto da Chevron nel 2013 di 1,2 miliardi di dollari per un progetto pilota. La seconda fase di esplorazione prevede la perforazione di 1.500 pozzi in tutti i 395 chilometri quadrati dell’area, nella speranza di produrre 50mila barili di petrolio e tre milioni di metri cubi di gas al giorno. «L’accordo tra YPF e Chevron è il più importante mai raggiunto finora per lo sviluppo non convenzionale delle risorse di idrocarburi nel Paese», ha detto Ypf in un comunicato.
Vaca Muerta, nella regione meridionale argentina della Patagonia, è un deposito enorme che colloca l’Argentina al secondo posto nel mondo per riserve di gas di scisto e quarta per le potenziali riserve di petrolio sempre da scisto.
Dopo molti anni di autosufficienza, l’Argentina ha registrato un deficit di energia in questi ultimi anni che ha raggiunto il valore di 9 miliardi di dollari nel 2013.
La bolletta energetica in crescita è fonte di preoccupazione perché il paese sta perdendo nel contempo riserve monetarie. Nel tentativo di riconquistare l’autonomia , il governo argentino sta rilanciando la produzione e cerca di intercettare grandi investimenti da parte di imprese straniere.
La Chevron ha detto che il continuo sviluppo di Vaca Muerta comprenderà l’esplorazione di risorse di petrolio e di gas di scisto nella zona di 49mila acri di Chihuido de la Sierra Negra, una delle principali aree di produzione del bacino Neuquen nell’Argentina centro-occidentale.
«Si tratta di un passo significativo negli sforzi congiunti delle nostre controllate con Ypf per sviluppare uno dei più emozionanti campi di scisto nel mondo» ha detto George Kirkland, vicepresidente Chevron.« Vaca Muerta potrebbe diventare un importante contributo alla crescita della produzione a lungo termine di Chevron».