AUSTRALIA. Il grano di Canberra non può fermare il rischio carestia

100

Porti bloccati, scarsa logistica interna, impennata dei prezzi dei fertilizzanti stanno ostacolando il tentativo dell’Australia di incrementare le esportazioni di grano, aggravando così la crisi alimentare globale. L’Australia rappresenta in genere il 10-15% del commercio mondiale di 100 milioni di tonnellate di grano all’anno e si pensava che quest’anno avrebbe recuperato parte del deficit di Russia e Ucraina, che insieme fornivano più di un quarto del grano mondiale prima dell’invasione russa.

Ma le società di export affermano di non essere stati in grado di soddisfare la recente impennata della domanda estera, riporta AF, a causa dell’intasamento dei porti australiani e dalla scarsa logistica intenera del paese che non consentono la movimentazioni in tempi rapidi del raccolto rispondendo a una domanda crescente.

Grazie alle precipitazioni superiori alla media, l’Australia è destinata ad avere un raccolto di grano record di 36,3 milioni di tonnellate per l’anno finanziario 2021-22 che termina il 30 giugno, secondo l’Australian Bureau of Agricultural and Resource Economics and Sciences. Questo risultato fa seguito al precedente miglior raccolto di 33,3 milioni di tonnellate nell’ultimo anno fiscale.

L’abbondanza nel Down Under contrasta con le altre principali regioni produttrici di cereali del mondo, che sono state colpite dalla siccità dello scorso anno nell’emisfero settentrionale ancor prima dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. La guerra ha ridotto le forniture ai mercati globali a causa della chiusura dei porti in Ucraina e delle sanzioni economiche alla Russia.

Il secondo produttore mondiale, l’India, ha vietato la maggior parte delle esportazioni di grano per far fronte all’aumento dell’inflazione interna, riportando i prezzi verso il record stabilito subito dopo l’inizio dell’invasione. I prezzi sono quasi raddoppiati rispetto a un anno fa, mettendo a rischio la sicurezza alimentare dei Paesi più poveri.

I produttori australiani si aspettavano che i grandi raccolti successivi avrebbero fatto scendere i prezzi, e quindi si sono sentiti sollevati dai prezzi elevati. Ma non sono riusciti a trarne pieno vantaggio. Secondo gli esperti del settore, i problemi derivano in parte dalla logistica del trasporto del grano dalle fattorie ai porti. C’è una carenza di autisti di camion e di binari, mentre gli investimenti in nuove capacità sono diminuiti a causa della volatilità dei raccolti e della siccità dell’ultimo decennio.

Il CBH Group, la più grande cooperativa cerealicola dell’Australia Occidentale, ha recentemente annunciato un investimento di quasi 1 miliardo di dollari in infrastrutture nuove e potenziate, ma non si prevede alcun incremento a breve termine. Una sfida potenzialmente ancora più grande per gli agricoltori australiani, direttamente collegata alla guerra in Europa, è l’impennata dei costi dei fertilizzanti e di altri fattori di produzione.

I prezzi globali dei fertilizzanti hanno raggiunto i massimi storici in aprile, in parte a causa dell’aumento dei costi dell’energia e dei cereali, ma anche perché la Russia e il suo alleato Bielorussia sono grandi esportatori di vari tipi di fertilizzanti.

Anche se l’Australia non importa direttamente fertilizzanti dalla regione del Mar Nero, i prezzi complessivi sono saliti sul mercato mondiale e i coltivatori australiani devono far fronte all’aumento dei prezzi dei fattori produttivi per l’attuale stagione di semina. Ad esempio, un fertilizzante fondamentale come l’urea viene ora venduto a circa 1.300 dollari australiani (915 dollari) a tonnellata, rispetto a una media di 400 dollari australiani a tonnellata nel 2020. Anche i prezzi degli additivi di potassio e fosfato hanno subito un’impennata negli ultimi trimestri.

Grain Producers Australia, un organismo del settore, ha dichiarato che mentre i prezzi del grano sono aumentati in modo significativo, sono aumentati anche i costi dei principali fattori di produzione agricoli, come i fertilizzanti, il carburante e i prodotti chimici.

La finestra di guadagno si sta chiudendo e la pressione sui margini è destinata a far diminuire la produzione di grano nel prossimo anno fiscale.

Antonio Albanese