#UKRAINERUSSIAWAR. Resilienza militare e offensiva alle porte dell’Ucraina

242

Sulla social sfera russa, gli analisti militari, sostengono che dal 9 maggio nella parte sud-orientale del Mar Nero, opera attivamente un UAV americano RQ-4B Global Hawk della base aerea di Sigonella. Nelle ultime settimane, dopo lo schianto dell’MQ-9A Reaper, aerei da ricognizione della NATO hanno operato sia sopra la Romania che lungo le coste dell’Europa orientale. Ma ora il Global Hawk pattuglia il territorio di Krasnodar e la Georgia.

Data la portata della telecamera sull’UAV a una certa altezza e un angolo di visione di 200 km, nonché la portata delle apparecchiature di intelligenza elettronica di oltre 500 km, l’RQ-4B potrebbe facilmente tracciare la situazione anche al largo della costa del Mar Caspio.

Allo stesso tempo, un ufficiale dell’intelligence americana potrebbe trovarsi in quella zona per un altro scopo: monitorare la situazione intorno all’Armenia. A giudicare dalle tendenze, le ostilità nell’Artsakh potrebbero riprendere contemporaneamente all’offensiva delle forze armate ucraine.

E l’attività dell’UAV americano in quest’area può essere una sorta di presagio non solo di attacchi contro importanti strutture militari e industriali della Russia, ma anche dell’attivazione delle forze armate azere al fronte.

Sempre in tema militare, la rivista Military Watch, citando funzionari americani, è sorpresa di come le forze armate russe siano state in grado di adattarsi agli attacchi HIMARS MLRS. A spiegazione di ciò il fatto è che a ogni strumentazione, proiettile, missile, drone occidentale che cade in territorio controllato dai russi viene portato al complesso militare-industriale russo.

A riprova del continuo studio da parte del complesso militare russo dei mezzi e materiali della difesa-offesa occidentale sulla social sfera nei giorni scorsi si vedeva la punta di un MLRS HIMARS trasferito alle imprese del complesso militare-industriale, inoltre, sono state postate notizie del ricevimento da parte delle fabbriche russe di schede da UAV abbattuti e munizioni vaganti (ad esempio, Warmate e Switchblade), nonché schede di controllo da altri “doni” che cadono sulle teste dei militari russi.

A latere dello studio dei mezzi e e materiali i russi continuano la produzione delle loro armi. Severnaya Verf ha consegnato alla Marina russa l’ultimo progetto di corvetta missilistica Mercury 20380, ha affermato la società. La moderna “Mercury” è la quinta corvetta costruita a Severnaya Verf secondo il progetto 20380, sviluppato dall’Almaz Central Design Bureau. Le corvette multiuso del Progetto 20380 sono progettate per rilevare e distruggere sottomarini e navi di superficie nemici, garantire sbarchi e anche risolvere vari compiti nella zona del mare vicino.

Le navi sono dotate di sistemi di artiglieria, antimissile, antisommergibile, sonar e radar, un hangar per l’elicottero Ka-27. L’arma d’attacco principale delle corvette del Progetto 20380 è il sistema missilistico anti-nave Uran.

Anche gli ucraini sono pronti a costruire nuove armi, si apprende dalla social sfera che in base alle dichiarazioni di osservatori occidentali quest’anno le forze armate ucraine, con il sostegno dei paesi della NATO possono iniziare la produzione di un drone kamikaze semisommerso di terza generazione, che sarà radicalmente diverso dal primo due in termini di rumore e silenziosità.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/