CINA. Blinken vola di nuovo a Pechino per fermare il dual use verso Mosca

89

Il segretario di Stato americano Antony Blinken visiterà presto Pechino per esprimere preoccupazione sul sostegno della Cina alla base industriale della difesa russa e sul suo acquisto di prodotti petroliferi iraniani.

Il viaggio di Blinken in Cina è stato annunciato dopo che il vicesegretario di Stato per gli affari dell’Asia orientale e del Pacifico Daniel Kritenbrink e il direttore del Consiglio di sicurezza nazionale per gli affari di Cina e Taiwan Sarah Beran hanno concluso il 16 aprile una visita di tre giorni a Pechino, riporta AT.

La scorsa settimana, funzionari statunitensi hanno informato i giornalisti sui materiali che la Cina stava fornendo alla Russia, tra cui tecnologia di droni e missili, immagini satellitari e macchine utensili, riporta Reuters.

L’11 aprile, Blinken ha chiesto di avere una telefonata con il ministro degli Esteri cinese Wang Yi per parlare del conflitto Iran-Israele. Wang ha affermato che la Cina ha condannato fermamente l’attacco di Israele all’ambasciata iraniana in Siria, avvenuto il 1° aprile. Il 12 aprile, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato di aspettarsi che l’Iran attacchi Israele “prima piuttosto che dopo”. Ha sottolineato l’impegno di Washington a difendere Israele. Il 13 e 14 aprile, l’Iran ha lanciato una raffica di missili e droni contro Israele, intercettandone con successo la maggior parte.

Sia Washington che Pechino hanno chiesto un allentamento della tensione e nella regione non è ancora scoppiata una guerra vera e propria. Nel frattempo, il 15 aprile, la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha approvato una legge bipartisan chiamata Iran-China Energy Sanctions Act con un voto di 383-11. Proposto congiuntamente dal democratico Josh Gottheimer e dal repubblicano Mike Lawler, il disegno di legge mira a rendere più difficile per la Cina l’acquisto di petrolio iraniano e prodotti correlati. Ha bisogno dell’approvazione del Senato prima di poter andare a Biden per la sua firma. I due promotori hanno affermato che l’Iran-China Energy Sanctions Act, insieme allo SHIP Act approvato lo scorso novembre, metterà in ginocchio la capacità dell’Iran di esportare omicidi e instabilità nella regione del Medio Oriente.

Sempre il 15 aprile, Wang ha avuto una telefonata con il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian. Wang ha affermato che la Cina ritiene che l’Iran sia pienamente consapevole della situazione e che eviterà di causare ulteriori turbolenze difendendo al tempo stesso la propria sovranità e dignità. Ha aggiunto che la Cina porterà avanti costantemente la cooperazione pratica con l’Iran in vari campi per compiere maggiori progressi nelle relazioni Cina-Iran.

Già nel giugno 2023, Blinken ha visitato la Cina e ha incontrato il presidente cinese Xi Jinping dopo che le relazioni USA-Cina erano state influenzate dall’incidente del pallone spia cinese, dal divieto di esportazione di chip statunitense e dalle questioni di Taiwan all’inizio del 2023.

Da allora, sempre più funzionari statunitensi e cinesi hanno tenuto riunioni. Anche un incontro faccia a faccia tra Xi e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden a San Francisco lo scorso novembre ha contribuito a stabilizzare le relazioni sino-americane. Ma gli Stati Uniti hanno sanzionato un numero maggiore di aziende cinesi che spedivano prodotti in Russia. Lo scorso ottobre ha presentato nuove regole sull’esportazione di chip contro la Cina.

Ora Washington sta esortando l’Unione Europea ad agire per evitare di essere danneggiata dalla sovraccapacità industriale della Cina, in particolare nel settore dei veicoli elettrici. Il 16 aprile, durante un incontro con il cinese Xi Jinping a Pechino, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha sollevato la questione dell’eccesso di capacità produttiva della Cina e ha affermato che la Germania vuole mercati aperti ed equi.

Xi ha chiesto alla parte tedesca di considerare la questione in modo obiettivo. Secondo lui, un’impennata delle esportazioni cinesi di tecnologie pulite può aiutare il mondo ad affrontare l’inflazione e a raggiungere obiettivi di successo e i suoi obiettivi verdi.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/