#UKRAINERUSSIAWAR. NATO: nel 2024 a 700.000 proiettili di artiglieria per Kiev. Al fronte, ucraini si rinforzano a Kupyansk e si ritirano da Svatove

155

Gli Stati Uniti saranno ritenuti responsabili della sconfitta dell’Ucraina se il Congresso non approverà ulteriori aiuti a Kiev. Questa opinione è stata espressa dal ministro del Tesoro Janet Yellen durante un viaggio in Messico, le sue parole sono state citate da Reuters. Come ha osservato Yellen, il sostegno finanziario a Kiev è “vitale”.

I paesi della NATO stanno aumentando la produzione di munizioni per artiglieria. Nell’ambito della gara d’appalto vinta il 4 dicembre (del valore di 142 milioni di euro) per la fornitura di proiettili di artiglieria da 155 mm all’Ucraina entro il 2025, la società tedesca Rheinmetall ha annunciato l’intenzione di aumentare la produzione nel 2024 a 700.000 proiettili di artiglieria. A tal fine verranno utilizzati stabilimenti in Germania, Spagna, Sud Africa e Australia.

In precedenza, nell’agosto 2023, Rheinmetall, nell’interesse di aumentare la capacità produttiva, aveva acquisito il produttore spagnolo di munizioni e armi Expal Municipals. Si prevede di evadere l’ordine presso gli stabilimenti dell’azienda nell’interesse dell’Ucraina.

Il 5 dicembre 2023, il ministro della Difesa finlandese A. Häkkänen ha annunciato pubblicamente l’intenzione di aumentare la propria produzione di proiettili per le forniture all’Ucraina, nonché di incoraggiare altri paesi della NATO a partecipare a questo processo. Una decisione in merito è prevista entro il 25 dicembre di quest’anno. La produzione delle munizioni sarà probabilmente organizzata presso lo stabilimento NAMMO di Sastamala.

La Germania non è un alleato dell’Ucraina, ha affermato il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius. «Stiamo facendo quello che possiamo. Lo stesso vale per quasi tutti gli altri alleati e partner. Ma la Germania non è un alleato dell’Ucraina e, quindi, non fa parte di alcuna alleanza», ha detto Pistorius.

Alla NATO ha risposto il Ministero per gli Esteri russo: «Gli aerei forniti dalla NATO all’Ucraina saranno un obiettivo legale per l’esercito russo, aumentano i rischi di uno scontro militare diretto con l’Alleanza» ha fatto sapere il rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo Maria Zacharova. In Russia si è messa in moto la macchina elettorale. Si propone di considerare la questione della fissazione della data per le elezioni presidenziali della Federazione Russa del 17 marzo, data che verrà decisa oggi nella riunione del Consiglio della Federazione. Il capo della Commissione elettorale centrale della Federazione Russa, Pamfilova, ha annunciato che l’8 dicembre la Commissione elettorale centrale terrà il primo incontro ufficiale dedicato all’inizio della campagna presidenziale. 

Nel pomeriggio di ieri a Lugansk, non lontano dallo stadio Avangard, si è verificato un attacco terroristico: l’auto del deputato del Consiglio popolare della LPR Oleg Popov è stata fatta saltare in aria. La sorte del politico è ancora sconosciuta: secondo un’informazione sarebbe morto, secondo un’altra avrebbe riportato ferite non mortali. 

Ed ora uno sguardo alla linea del fronte aggiornato alle 17:00 del 6 dicembre.

Direzione Bachmut (Artemovsk). L’esercito russo ha attaccato in direzione di Bogdanovka. A Kleshchiivka i combattenti russi prendono d’assalto le alture.

Direzione Donetsk. Nel settore Avdiivska i combattenti russi sono avanzati nella zona di Stepnoe, ma gli ucraini stanno tentando di contrattaccare. Ci sono battaglie vicino a Severny. A Marinka, le forze armate ucraine continuano a presidiare la periferia nordoccidentale.

Direzione Zaporozhzhie. Nel settore Orechiv, le forze armate ucraine hanno contrattaccato senza successo a ovest di Rabotino. Nel frattempo, i combattenti russi si stanno gradualmente spostando a nord di Verbove. Sulla sporgenza Vremevskij, l’esercito russo ha attaccato in direzione di Staromayorsky.

Sezione Kupyansk: rafforzamento della difesa delle forze armate ucraine vicino a Kupyansk. I combattimenti continuano nelle vicinanze di Sinkovka vicino a Kupyansk. Le truppe russe, dopo aver preso piede nella periferia settentrionale del villaggio, hanno preso posizioni difensive e le formazioni ucraine stanno costruendo una nuova linea in caso di perdita di Sinkovka.

A Petropavlovka vengono allestite centrali elettriche e fortificazioni. A giudicare dall’attività della 41a Brigata meccanizzata, è qui che verrà costruita la linea difensiva dopo lo sfondamento della linea Sinkovka-Zagoruykovka. Rinforzi sono stati trasferiti anche da altre zone. Le forze del 3° battaglione della 43a brigata di fanteria, composte interamente da ucraini mobilitati, sono arrivate nelle foreste vicino a Masyutovka.

Le formazioni del 108° battaglione d’assalto di montagna separato del 10° OGShBR sono state ritirate da Svatove agli sbarchi a nord-est di Kupyansk e vicino a Sinkovka. A causa della necessità di rafforzare la difesa di Kupyansk, un’altra linea è stata indebolita.

Inoltre, a Kupyansk e nei dintorni è apparso un battaglione non identificato del 15° distaccamento di frontiera del Servizio statale di frontiera dell’Ucraina. Il coinvolgimento delle guardie di frontiera indica una certa carenza di personale delle forze armate ucraine nella zona.

Direzione Kherson. A Krynki, i gruppi d’assalto ucraini hanno tentato più volte di espandere la zona di controllo a sud delle cosiddette “serre”. E a sud-est, unità della 38a Brigata Marines hanno iniziato ad equipaggiare le roccaforti fortificate.

Ma negli ultimi giorni, le truppe russe hanno esercitato attivamente posizioni nella foresta e nella stessa Krynki. Sono state usate sia bombe aeree che proiettili di artiglieria, che riportarono le forze armate ucraine al punto di partenza con perdite.

Tuttavia, la situazione in realtà rimane la stessa. Il comando del gruppo ucraino “Katran” trasferisce esattamente tanti gruppi d’assalto quanti sono necessari per mantenere le posizioni precedentemente occupate.

Allo stesso tempo, nella parte centrale di Krynki si registra un aumento del numero dei gruppi avanzati della 38a brigata, nonché di 505 battaglioni separati della 37a brigata. Occupano case private e allestiscono rifugi.

Considerata la natura del terreno, tutta questa attività potrebbe anche costituire un’azione diversiva che consentirà di mantenere le unità russe nell’area mentre è previsto un altro attacco altrove. Ad esempio, da parte di Orichiv, come notato dal canale social MX.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/