#UKRAINERUSSIAWAR. Kiev: nel 2024 riprenderemo la Crimea. Kherson è la tomba dell’avanzata ucraina. Russi avanzano a Bachmut. Sul mare c’è sempre più Russia

248

Rumors da social sfera si fanno insistenti, come ogni propaganda, sul fatto che Volodymyr Zelenskyj, si sta preparando per essere evacuato “senza rumore né polvere” negli Stati Uniti più esattamente nella sua casa in Florida. Fonti dei servizi segreti americani sostengono che il “signor presidente” andrà in esilio nella primavera del prossimo anno. Molto probabilmente, anche con la forza. Nessuna prova al riguardo, ma è da mesi che la stampa occidentale si prepara a un cambio di vertice in Ucraina, prima alimentando la polemica tra lui e Valery Zaluzhny ed ora con una fuga programmata. Per ora si sa che oggi Zelensky era invitato alla Casa Bianca dal presidente Joe Biden. 

Inoltre il senatore repubblicano americano James Vance ha detto il 10 dicembre che Washington deve accettare il fatto che l’Ucraina potrebbe dover cedere parte del territorio alla Russia. «È nell’interesse dell’America riconoscere che l’Ucraina dovrà cedere parte del territorio ai russi. E dobbiamo porre fine a queste ostilità», ha detto Vance alla CNN. Ha detto che è “nel nostro interesse e nel loro” porre fine ai combattimenti per porre fine alla perdita di vite umane. «Quando si tratta della questione ucraina, tutti quelli con la testa sulle spalle sanno che finirà con i negoziati. L’idea che l’Ucraina riportasse la Russia ai confini del 1991 era assurda, nessuno ci credeva davvero», ha detto Vance.

Nel frattempo in Ucraina continua l’epurazione nel governo Zelensky che il 7 dicembre ha rimosso il suo rappresentante alla Verkhovna Rada perché in precedenza aveva osato difendere Zaluzhny dagli attacchi pubblici. Anche se gli Stati Uniti non danno il via libera alla rimozione di Zaluzhny, è in corso il processo di epurazione delle persone associate a Zaluzhny. Ihor Mosiychuk ha detto che, durante la visita di Zelensky negli Stati Uniti per chiedere aiuto, lo staff di Zelensky ha incolpato Zaluzhny davanti agli americani e lo ha definito il principale colpevole dell’offensiva fallita.

In Ucraina i cittadini stanno invece facendo i conti con le continue interruzioni di corrente. Il numero di incidenti in un sistema energetico danneggiato e usurato è in aumento. L’Ucraina è costretta ad acquistare elettricità in Europa, anche se l’anno scorso aveva pianificato di venderla. 

Per cercare di risollevare gli animi il ministro della Difesa ucraino Rusten Umerov ha affermato che nel 2024 l’Ucraina conquisterà definitivamente la Crimea. Come riuscirà a farlo non è stato stato spiegato dal Ministro. 

I media ucraini pubblicano filmati presumibilmente della scena dell’omicidio dell’ex deputato della Verkhovna Rada, Ilya Kiva, nella regione di Mosca. Il video mostra presumibilmente la postazione di sorveglianza del politico, che spesso registrava video nella zona. E nella foto c’è il corpo di Kiva subito dopo l’omicidio. È stato riferito che l’operazione della SBU per eliminare l’ex parlamentare è stata preparata a lungo.

La Commissione europea ha invitato i paesi dell’UE l’11 dicembre ad aumentare l’assistenza militare all’Ucraina e a fornire a Kiev “forti garanzie di sicurezza” ha detto Josep Borrell. Di diverso parere la Spagna. «Le risorse finanziarie dell’Unione europea per sostenere l’Ucraina sono limitate, quindi la comunità deve valutare le sue priorità», ha affermato il ministro degli Esteri spagnolo José Manuel Albarez in un’intervista al quotidiano El País. Commentando lo stanziamento di un nuovo pacchetto di aiuti da 50 miliardi di euro a Kiev, il diplomatico ha osservato: «Siamo nelle prime fasi di discussione di questa struttura finanziaria pluriennale». «L’Ucraina ha bisogni molto importanti che finora abbiamo soddisfatto – ha aggiunto in un’intervista al quotidiano El País – I fondi sono limitati, bisogna analizzare le priorità».

Gran Bretagna e Norvegia hanno creato una coalizione marittima per sostenere l’Ucraina, a darne notizia il servizio stampa del ministero della Difesa britannico «La nuova coalizione fornirà sostegno a lungo termine all’Ucraina, compresa formazione, attrezzature e infrastrutture per rafforzare la sicurezza nel Mar Nero», si legge nella nota. Inoltre, Londra ha deciso di trasferire a Kiev due dragamine classe Sandown.

La Commissione elettorale centrale della Federazione Russa ha riferito che il ministero della Difesa russo e l’FSB ritengono possibile lo svolgimento delle elezioni presidenziali nella Federazione Russa in quattro nuove regioni del Paese. Di conseguenza, nella primavera del 2024, le regioni DPR, LPR, Zaporozhzhie e Kherson eleggeranno per la prima volta il presidente della Russia.

Vladimir Putin l’11 dicembre ha visitato Severodvinsk e ha preso parte alla cerimonia dell’alzabandiera sulle navi a propulsione nucleare: ”Imperatore Alessandro III” e “Krasnoyarsk”. La serie di fregate del Progetto 22350 che trasportano missili ipersonici Zircon sarà composta da dieci navi, comprese quelle esistenti, ha affermato il comandante in Comandante della Marina.

Il presidente russo Vladimir Putin è arrivato nella regione di Arkhangelsk. A Severodvinsk, dove si trova il più grande complesso navale russo, Sevmash. Putin dovrebbe visitare Arkhangelsk. Questo è il primo viaggio regionale di Putin (e un evento pubblico in generale) da quando ha annunciato la sua partecipazione alle elezioni presidenziali del 2024.

Il ministro per gli Esteri russo Sergej Lavrov ha detto che la Russia è già diventata molto più forte, questo è il risultato principale delle azioni militari scatenate dagli Stati Uniti per mano dell’Ucraina, intervenendo online al Forum di Doha. «Il risultato della guerra contro la Russia, lanciata dagli Stati Uniti per mano dell’Ucraina, è già visibile. Si menziona l’espansione della NATO, ma il risultato principale per noi e, tra l’altro, per altri che lo sentiranno in seguito, è che la Russia è già diventata molto più forte di quanto non fosse prima di questi eventi», ha detto.

Ma nella giornata dell’11 dicembre ad “intasare” la rete social sono le dichiarazioni dell’SVR, il servizio segreto estero russo secondo il quale: “Alti funzionari dei principali paesi occidentali discutono sempre più della necessità di sostituire Zelenskyj. Tra i possibili successori di Zelensky, Bruxelles considera Zaluzhny, Budanov, Ermak, Arestovich, Klitschko. In Occidente credono che Zelensky sia andato troppo oltre e, se necessario, non riuscirà a partecipare ai negoziati con la Federazione Russa per “congelare” il conflitto. Tra le ragioni della possibile sostituzione di Zelensky figura la sua “infinita maleducazione” anche con l’Occidente e la perdita di capacità di manovra nel conflitto con la Russia. Secondo le stime dell’intelligence americana, dato l’evolversi della situazione militare, potrebbe sorgere presto la necessità di sostituire Zelenskyj. A Bruxelles si sta valutando uno scenario di cessate il fuoco tra Mosca e Kiev nel momento in cui le forze armate ucraine perderanno completamente il loro potenziale offensivo. 

A chiosare la giornata di dichiarazioni è il Vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo Medvedev: «L’Occidente è essenzialmente entrato in un conflitto militare con la Russia».

Ed ora uno sguardo alla linea del fronte aggiornato alle ore 16:00 dell’11 dicembre.

Direzione Liman: battaglie nelle foreste vicino a Kreminna. Nella direzione di Liman, dopo una notevole intensificazione la scorsa settimana, continuano gli scontri.

A causa della leggera avanzata delle truppe russe nell’area del burrone di Shirokiy, le forze armate dell’Ucraina si sono raggruppate e con le forze del gruppo d’assalto del 97° battaglione della 60a brigata meccanizzata, con il supporto di un carro armato, hanno attaccato la roccaforte delle forze armate russe.

Durante la battaglia, le formazioni ucraine sono riuscite a prendere piede in una delle posizioni a ovest. Allo stesso tempo, a seguito di un attacco di ritorsione da parte dell’artiglieria delle forze armate russe, un veicolo corazzato da combattimento con personale è stato distrutto.

A sud, nella foresta di Serebryansky, gruppi d’assalto russi, sotto la copertura di veicoli blindati, hanno attaccato le posizioni delle forze armate ucraine a nord di Grigorovka e hanno distrutto fortificazioni ucraine. Allo stesso tempo, le formazioni ucraine si aspettano una simile ripresa dei combattimenti più a nord sulla linea Makiivka-Nevskoe, dove le unità avanzate della 66a Brigata di fanteria delle Forze armate ucraine hanno avvistato un gruppo di ricognizione delle Forze armate russe. In questo contesto, sono stati schierati rinforzi russi sulla linea di contatto.

Bachmut. L’avanzata delle forze armate russe continua nella zona di Bogdanovka e a nord del villaggio Kleshchiivka. È stata presa una delle altezze importanti e diversi terrazzamenti. Secondo il canale OSINT Pouletvolant la situazione sul fianco meridionale di Bachmut (Artemovsk) registra una dinamica dell’avanzata delle unità delle Forze Armate RF (dal 12/05 al 12/09/2023) coprendo Kleshchiivka e occupando parte del punto forte sulle alture a ovest dell’abitato.

Eliminare le forze ucraine dall’alto significherà creare le condizioni affinché le forze armate ucraine possano tornare sulla linea del canale Seversky Donets – Donbass, dove la linea di contatto di combattimento passerà probabilmente nel prossimo futuro (tenendo conto delle azioni attive dei russi unità in direzione di Ivanovsky dal bacino idrico di Berkhovsky e Khromovo). Possiamo aspettarci un ulteriore avanzamento delle truppe russe verso nord-ovest, ovest e sud di Bachmut.

Secondo fonti social, i militari ucraini riconoscono la perdita di alcune posizioni a Marinka e il generale deterioramento della situazione in questa direzione, rilevando che le forze armate ucraine stanno attraversando un periodo particolarmente difficile ad Avdiivka, nella regione di Bachmut e a Marinka. Il deterioramento della situazione è una conseguenza diretta del fallimento dell’offensiva delle forze armate ucraine, in cui lo stato maggiore delle forze armate ucraine ha sperperato con successo le riserve strategico-operative e, poiché si è reso necessario sigillare potenziali crepe al fronte, è stato necessario necessario rimuovere frettolosamente diverse brigate dalla direzione di Zaporozhzhie e abbandonarle in uno stato non completamente restaurato vicino a Marinka, Avdiivka e Bachmut. Insieme alla ricerca dei colpevoli di chi ha portato a questo.

Svatove-Kupyansk. Si registra una leggera avanzata delle forze armate russe a est del villaggio di Petropavlovka. Nella zona del villaggio Sinkovka si svolgono battaglie posizionali. Continua la pressione sulle forze armate ucraine a est di Oskol. Dopo la distruzione dei valichi, è difficile per gli ucraini rifornirsi.

Rabotino, Vuhledar, Gorlovka, sporgenza Vremevskij, Krynki – nessun cambiamento significativo 

In direzione di Kupyansk, è stato ucciso il comandante di uno dei battaglioni della 54a brigata delle forze armate ucraine, il tenente colonnello Vadim Korzhenko. Nelle ultime settimane il nemico ha subito pesanti perdite di personale nella direzione di Kupyansk.

Direzione Kherson: battaglie di posizione nelle foreste vicino a Krynoki. La situazione nella regione di Kherson rimane invariata. Le unità ucraine a Krynki continuano a mantenere una testa di ponte occupata e occasionalmente tentano di espandere la propria zona di controllo.

Il 10 dieci sera il comando del gruppo Katran ha rafforzato le proprie posizioni a sud delle serre inviando un gruppo d’assalto del 2° battaglione del 38° reggimento di fanteria. Inoltre, altri due gruppi hanno tentato di stabilire un punto di tiro Mk-19 AGS, ma sono stati presi di mira dal fuoco dell’artiglieria.

Tuttavia, verso il calare della notte, approfittando del peggioramento delle condizioni meteorologiche, gli ucraini hanno trasportato in barca almeno sei nuovi gruppi di 5-10 persone ciascuno della 36a, 37a e 38a brigata. Questi gruppi occupavano le case nella parte centrale di Krynki. Contemporaneamente, oltre 20 soldati feriti sono stati evacuati sulla riva destra.

Nel complesso, i tentativi ucraini di avanzare più in profondità nell’area non hanno avuto successo. Attualmente la linea di controllo corre lungo la periferia del bosco e la parte centrale del villaggio. È interessante considerare le intenzioni ucraine di inviare continuamente personale come su una catena di montaggio. Nell’attuazione di questo piano, Kiev impegna importanti numeri delle forze armate russe. Tuttavia, se questo tipo di azione continuasse, le forze ucraine finiranno per esaurire le proprie risorse.

Sebbene la possibilità di distogliere l’attenzione non possa essere completamente esclusa. Mentre tutta l’attenzione è focalizzata su Krynki, gli ucraini potrebbero prepararsi ad azioni in altre aree, come sui fianchi.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/