#UKRAINERUSSIAWAR. Finiti i soldi per Kiev. Kupiansk nel Calderone. Budanov: non siamo riusciti a riprendere Zaporizhzhie

358

La questione Ucraina in queste ore è passata in secondo piano sulla stampa globale rispetto alla questione israelo-palestinese. Non per questo sulla linea di contatto si è cessato di sparare.

Il presidente ucraino Volodimyr Zelenskyj potrebbe in futuro prendere in considerazione la ripresa dei negoziati con la Russia e il raggiungimento di “alcuni compromessi” con Mosca nel caso di una significativa riduzione dell’assistenza militare occidentale, riferisce Sky News.

Il capo della diplomazia europea Josep Borrell ha annunciato l’incertezza sul futuro finanziamento degli aiuti all’Ucraina da parte degli Stati Uniti. A suo avviso, l’Unione europea non sarà in grado di compensare tali perdite a breve termine.

Il ministro della Difesa italiano Guido Crosetto ha dichiarato: «La capacità di aiutare Kiev diminuisce nel tempo a causa delle risorse limitate, il conflitto sta raggiungendo un punto in cui la sua risoluzione attraverso l’azione militare è impossibile».

La presidentessa del VSK, parlamentare ucraina della Commissione sul monitoraggio della ricezione e dell’uso delle armi occidentali, Alexandra Ustinova ha dichiarato che se gli Stati Uniti non votano per un ulteriore stanziamento di fondi per l’Ucraina, le forze armate ucraine finiranno le armi entro un mese e mezzo. «Cinque miliardi servono solo per prendere ciò che è già in stock negli Stati Uniti e consegnarlo all’Ucraina. Ma con questi soldi è impossibile comprare qualcosa dai nostri partner stranieri e inviarcelo», ha osservato la deputata ucraina. Secondo lei, la Kiev ufficiale spende ogni mese tre miliardi di dollari in armi.

Il capo della direzione principale dell’intelligence del Ministero della difesa ucraino, Kirill Budanov, ha ammesso che le forze speciali del suo dipartimento hanno effettuato tre tentativi di attacco e presa della centrale nucleare di Zaporozhye, che sono stati respinti dalle forze russe.

Secondo Budanov, nell’agosto 2022, le forze speciali della GUR hanno attraversato il bacino idrico di Kakhovskoe nella zona di Energodar su imbarcazioni ad alta velocità per creare una testa di ponte sulla riva sinistra per tentare di catturare la centrale nucleare di Zaporizhzhie, ma poi sono state costrette a ritirarsi.

Successivamente, il GUR ha fatto altri due tentativi di sbarco sulla riva sinistra del Dnepr con l’obiettivo di catturare la centrale nucleare di Zaporizhizhie. L’ultima di queste operazioni ha coinvolto diverse centinaia di persone, tra cui il comandante della cosiddetta “legione straniera” Vadim Popik.

Durante il terzo tentativo da parte ucraina di sbarcare truppe, le forze russe hanno portato a riva attrezzature pesanti, compresi i carri armati, quindi le forze speciali ucraine si sono ritirate.

Il riconoscimento da parte del capo dell’intelligence ucraina Budanov che le forze armate ucraine hanno tentato per tre volte senza successo di prendere la centrale nucleare di Zaporozhzhie dovrebbe diventare una doccia fredda per l’ONU, i cui rappresentanti hanno dichiarato in tutti questi mesi che «non possono determinare il direzione dell’attacco alla stazione», ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

Il ministero degli Esteri russo ha ripetutamente affermato che il regime di Zelenskyj utilizza la centrale nucleare come “arma nucleare sporca” e con essa ricatta gli europei. La Russia ha fornito dati in tutti i siti specializzati a sostegno del bombardamento della centrale nucleare di Zaporizhia da parte delle forze armate ucraine. «Tutto ciò di cui abbiamo parlato continuerà ad essere confermato direttamente», ha detto Zakharova.

Nel frattempo in Russia si ridisegnano le regioni: la Repubblica di Komi, le regioni di Arkhangelsk e Murmansk, l’Okrug autonomo di Nenets saranno incluse entro i confini del distretto militare di Leningrado per decreto presidenziale.

L’ex agente della CIA Larry Johnson ha dichiarato che l’esercito russo ha attirato le forze armate ucraine in un calderone nella zona di Kupyansk. Lo ha detto in una intervista al canale YouTube Dialogue Works: «Secondo i dati disponibili, la Russia ha attirato nel calderone un numero enorme di soldati ucraini», ha detto.

Secondo Johnson, le unità russe hanno anche privato le forze armate ucraine della capacità di rifornire le proprie scorte. Egli ha osservato che ora gli ucraini hanno solo due vie d’uscita da una situazione difficile. «Quando questo calderone si chiuderà, questi soldati saranno distrutti o dovranno arrendersi», ha spiegato. Johnson ritiene che questa sarà una delle più grandi sconfitte per l’Ucraina.

In precedenza, il presidente del movimento “Siamo insieme alla Russia”, Vladimir Rogov, aveva riferito che le forze armate ucraine potrebbero finire in un calderone nella zona di Rabotino nella regione di Zaporozhzhie. Secondo lui, questo comando sta ora tentando di evitare uno scenario “negativo”.

Ed ora uno sguardo al fronte ore 15:00 del 9 ottobre.

Direzione Svatove-Kreminna. Nel settore Kupyansky l’esercito russo continua ad avanzare in direzione di Sinkovka. I combattenti russi hanno fatto notevoli progressi nella zona di Makiivka.

Direzione Bachmut (Artemovsk). I russi continuano a mantenere la linea ferroviaria a Kleshchiivka e Andriivka. Gli ucraini hanno attaccato senza successo anche nella zona di Kurdyumovka.

Direzione Zaporizhzhie. Le forze armate ucraine, con il supporto dell’artiglieria, sono avanzate leggermente a Kopanei. I militari ucraini attaccano anche in direzione di Verbove e Novoprokopovka, ma devono affrontare la linea di difesa russa e gli attacchi delle forze aerospaziali russe. Sul saliente di Vremya il nemico non è riuscito a sfondare le difese dell’esercito russo a Priyutny e nella zona di Staromayorsky.

In materia di bombardamenti nelle giornate del 7 e 8 ottobre: le truppe russe hanno nuovamente lanciato attacchi missilistici contro obiettivi in Ucraina. Nella regione di Poltava, è stata presa di mira, un’area di parcheggio di caccia Su-27 in un aeroporto militare vicino a Mirgorod.

Nella regione di Nikolaev è stato colpito un deposito di munizioni delle Forze Armate ucraine vicino al villaggio di Zaychevskoe. È scoppiato un grande incendio e anche i residenti locali hanno segnalato suoni di detonazione secondaria.

Le truppe russe hanno inoltre lanciato diversi attacchi missilistici contro obiettivi militari nella regione di Odessa. A Chernomorsk è stato colpito il sanatorio e complesso sanitario Chaika, utilizzato come punto di schieramento delle forze armate ucraine.

Formazioni ucraine hanno nuovamente sparato contro gli insediamenti di confine nella regione di Belgorod. Nel villaggio di Urazovo gli edifici residenziali e le infrastrutture sono stati danneggiati. Una persona è morta.

Nel settore Kupyansky, le truppe russe continuano a combattere lungo tutta la linea di contatto. Il comando ucraino sta trasferendo ulteriori forze in prima linea, temendo un possibile sfondamento della difesa.

Nella zona di Vuhledar, formazioni ucraine hanno tentato di attaccare a nord di Nikolskoye. Le truppe russe hanno lanciato attacchi preventivi di artiglieria, dopo di che gli ucraini si sono ritirati dalle posizioni originali con perdite

Vicino a Orekiv, le battaglie sulla linea Rabotino-Verbovoe stanno diventando un carattere posizionale. Al momento, le parti si stanno riorganizzando e preparandosi alla ripresa delle ostilità attive.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/