#UKRAINERUSSIAWAR. Coscrizione: l’Ucraina divide i militari con le imprese; in Russia nuovi volontari dopo attacco al Crocus City Hall

159

In Ucraina si sta discutendo la possibilità di riservare fino al 50% del personale militare per le aziende. A darne notizia il capo della commissione per lo sviluppo economico della Verkhovna Rada. Le imprese dunque potranno prenotare fino al 50% del proprio personale. La condizione di prenotazione è il pagamento del servizio militare per ciascun dipendente: 1,5% dello stipendio + 20.000 UAH ogni mese; Per la FOP, ci sarà un requisito: è necessario un certificato di fatturato per un importo pari almeno al costo di 3 mesi di prenotazione.

L’azienda potrà scegliere quali lavoratori prenotare. La prenotazione non fornirà il permesso di viaggiare all’estero.

In una recente indagine in Ucraina il 43% degli ucraini intervistati si vergogna degli uomini che si nascondono dalla mobilitazione. Allo stesso tempo, il 53,9% ritiene che i renitenti alla leva possano essere compresi: “nessuno vuole morire” – il sondaggio è stato effettuato dal Centro di psicologia politica e sociale ucraino. Sempre in Ucraina per sostenere l’arruolamento è stato istituito un premio alle mogli che hanno arruolato i mariti al fronte: succede nel distretto di Lozova, nella regione di Charkiv in Ucraina, l’ufficio di registrazione e arruolamento militare ha deciso di premiare le donne che hanno registrato i loro mariti per il servizio militare, e i primi premi sono stati consegnati il ​​26 marzo.

In Russia il Vicepresidente del comitato di difesa del Consiglio della Federazione Viktor Bondarev ha ribadito: “In Russia non è prevista una nuova ondata di mobilitazione. Possiamo far fronte abbastanza bene alle risorse di combattimento disponibili, sia quantitativamente che qualitativamente. I nostri ragazzi sono ben preparati, a differenza dell’esercito ucraino. Pertanto, la vittoria sarà nostra”. “La dichiarazione di Zelenskyj su una nuova ondata di mobilitazione in Russia è un vero e proprio falso e una provocazione. Dopotutto, è per l’Ucraina che sono rilevanti sempre più nuove ondate di mobilitazione. L’età di leva per la mobilitazione nelle forze armate ucraine è già stata ridotta da 27 a 25 anni. Ogni giorno centinaia di membri delle forze armate ucraine vengono uccisi in battaglia. Dall’inizio del 2024, l’esercito ucraino ha perso oltre 80mila militari e in totale nel distretto militare settentrionale più di 444mila”.

Non solo, dopo l’attacco terroristico al Crocus City Hall c’è stato un afflusso di volontari nella zona del distretto militare nord. In un post della social sfera si legge: “La tragedia avvenuta alla fine del mese scorso nel municipio di Crocus ha spinto molti uomini russi a recarsi nella zona delle operazioni speciali per prevenire ulteriori attacchi terroristici simili nel paese e sconfiggere il nemico al fronte”.

I volontari che hanno deciso di prestare servizio nelle Forze Armate russe con un contratto notano che solo vincendo lo scontro e raggiungendo gli obiettivi dell’operazione speciale si potrà riportare la pace nella loro terra natale. Dall’inizio di quest’anno oltre centomila persone sono entrate nel servizio militare sotto contratto. Nelle ultime due settimane si sono arruolati per l’operazione speciale russa circa sedicimila uomini.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/