AUTOMOTIVE. L’Australia punto sul cobalto etico per l’EV

28

La società che progetta la prima raffineria di cobalto in Australia sta portando avanti il progetto nonostante un prolungato crollo dei prezzi dei metalli per batterie, scommettendo che gli sforzi statunitensi ed europei per spezzare il dominio della Cina nei minerali critici supporteranno catene di approvvigionamento alternative.

Cobalt Blue mira a produrre solfato di cobalto “etico” per batterie nell’Australia occidentale in collaborazione con la raffineria giapponese di petrolio e gas Iwatani Corp. in un sito di proprietà di quest’ultima vicino a Perth, nell’Australia occidentale, riporta Nikkei.

La società ha dichiarato di essere sulla buona strada per iniziare a costruire la raffineria di cobalto-nichel entro la fine dell’anno, definendo la sua tempistica “ideale” per trarre vantaggio dai progetti negli Stati Uniti e in Europa che mirano a ridurre la loro dipendenza dalla Cina per le batterie.

Il rispetto dell’Inflation Reduction Act degli Stati Uniti – un pacchetto di oltre 369 miliardi di dollari per rafforzare il ruolo dell’America nella transizione energetica – in particolare è visto come fondamentale per l’azienda al fine di compensare costi di produzione più elevati rispetto ai fornitori cinesi del metallo.

Secondo la guida proposta, l’IRA fornirà crediti d’imposta per i veicoli elettrici con batterie realizzate con minerali provenienti dagli Stati Uniti e dai paesi con cui ha accordi di libero scambio, come l’Australia. Allo stesso tempo, le automobili la cui fonte di energia utilizza materiali provenienti da catene di approvvigionamento collegate alla Cina non potranno beneficiare di sussidi, secondo la guida della FEOC.

Presentate a dicembre, le linee guida, che sono ancora in fase di regolamentazione formale, hanno innescato una corsa mentre l’industria capisce come dovrebbero cambiare le loro catene di approvvigionamento per qualificarsi.

La Cina, nel frattempo, il mese scorso ha presentato una denuncia all’Organizzazione mondiale del commercio. Pechino, che ha fortemente sovvenzionato la sua industria dei veicoli elettrici, ha affermato che i requisiti dell’IRA sono “discriminatori” e “distorcono gravemente” la concorrenza leale.

Gli investimenti cinesi nel settore minerario critico dell’Australia, e la sua dipendenza dalla Cina per la lavorazione del minerale grezzo, rappresenterebbero almeno un ostacolo a breve termine per alcuni attori del settore nel conformarsi all’IRA.

Ma a lungo termine ciò potrebbe creare un nuovo boom, in particolare se l’IRA verrà modificata in modo da rendere disponibili crediti d’imposta ai minatori.

Si prevede che la raffineria di Cobalt Blue costerà circa 100 milioni di dollari australiani. L’azienda sta mettendo insieme un pacchetto di finanziamenti che probabilmente includerà finanziamenti da parte del governo australiano, che vuole potenziare le sue industrie midstream e downstream per ottenere più valore dalle tecnologie energetiche pulite.

Tuttavia, tali ambizioni hanno dovuto affrontare sfide a causa dell’eccesso di offerta di metalli per batterie come nichel, litio e cobalto. Circa il 70% del cobalto mondiale proviene dalla Repubblica Democratica del Congo, dove il settore minerario è dominato dalle aziende cinesi. È probabile che un recente aumento della produzione veda il mercato del metallo rimanere in eccesso di offerta almeno fino al 2028.

I piani di Cobalt Blue per una miniera nel Nuovo Galles del Sud per alimentare la sua raffineria sono stati accantonati in mezzo alla crisi, con la società che prevede di acquistare materie prime da processare. Crane ha affermato che la società sta discutendo con numerosi produttori di batterie e case automobilistiche sugli accordi di prelievo.

Maddalena Ingroia

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/