TURCHIA. La geografia secondo Erdogan: “Non esistono le piattaforme continentali”

229

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha di nuovo espresso le sue osservazioni sull’accordo marittimo che il suo paese ha firmato con il governo libico di Tripoli su quelli che considerano i reciproci confini marittimi. Le dichiarazioni sono state rilasciate sul suo aereo presidenziale dopo il ritorno del leader turco dalla capitale tedesca, il 20 gennaio, dopo la Conferenza di Berlino sulla Libia.

«Le nostre coste si affacciano su quelle della Libia», ha dichiarato il Presidente turco con la sua caratteristica schiettezza. «Questo è ciò che ha reso possibile questo accordo; e naturalmente abbiamo la linea costiera più lunga del Mediterraneo orientale e questo ci dà altre capacità», ha dichiarato il leader turco. Le sue infiammatorie osservazioni ignorano completamente i criteri stabiliti dalle convenzioni internazionali in materia di delimitazione delle zone marittime, riporta GreekReporter.

«I greci parlano di una piattaforma continentale intorno a Creta», ha tuonato Erdogan, ma «non c’è una piattaforma continentale intorno alle isole, non c’è nemmeno una cosa del genere!». Le dichiarazioni del premier turco hanno dimostrato una completa inosservanza della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare, Unclos, che afferma esplicitamente l’esatto contrario. «Ci sono solo acque territoriali intorno alle isole», ha aggiunto Erdogan. La settimana scorsa il ministro della Difesa Hulusi Hukar secondo cui l’Egitto non confina con la Libia mentre la Turchia sì. 

Il leader turco ha continuato i suoi attacchi contro il primo Ministro greco Kyriakos Mitsotakis, dopo le dichiarazioni rilasciate a Berlino: «Perché Mitsotakis ha invitato Haftar in Grecia? Voleva provocarci?» Il presidente Erdogan ha chiesto retoricamente, che ha continuato dicendo: «Un leader mi ha detto che il primo Ministro Mitsotakis vuole colmare il divario tra noi. Come può volerlo davvero, quando invita Haftar in Grecia? È una sciocchezza», ha detto il presidente turco.

«Ho risposto che Mitsotakis dovrebbe prima correggere il suo errore e poi sarà più facile per noi incontrarci», ha aggiunto il presidente turco Erdogan. 

Come si ricorderà Atene ospitò capo delle Laaf, poco dopo la firma dell’accordo turco-libico per poi denunciarlo. Atene e Ankara si trovano su fronti contrapposi per lo sfruttamento dei giacimenti di gas che si trovano nell’area orientale mediterranea. 

Graziella Giangiulio