TURCHIA. Ecco la politica di Erdogan dall’Ucraina ai Balcani

216

Ankara sarebbe frustrata dal fatto che il mondo non riesce a vedere l’importanza strategica della Turchia, o non riesce a capire ciò che Ankara sta cercando di fare. Dall’Adriatico ai confini della Cina si trova un gruppo di paesi che hanno legami con la Turchia, siano essi storici, linguistici, etnici o, come nel caso dell’Ucraina, strategici.

«A chi si rivolgerà l’Occidente quando l’Ucraina si scalderà nel prossimo futuro? (…) A chi si rivolgeranno l’Europa e gli Stati Uniti per comunicare con i bosniaci e i croati musulmani, mentre la Russia e i serbi strappano l’accordo di Dayton in Bosnia ed Erzegovina?».

Nei discorsi della campagna elettorale Recei Tayyip Erdogan ha messo in chiaro il suo obiettivo: “rendere la Turchia di nuovo grande”. Erdogan aveva goduto di un buon rapporto con l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, con il quale poteva fare accordi a porte chiuse. Sperava di stabilire un rapporto simile con Biden. Ma lo staff della Casa Bianca ha subito chiarito che questo era fuori questione, riporta Nikkei.

Snobbato da Biden, Erdogan ha fatto una dichiarazione bomba a Cbs News: era disposto a comprare un altro lotto di missili terra-aria S-400 dalla Russia: «In futuro, nessuno potrà interferire in termini di che tipo di sistemi di difesa acquistiamo, da quale paese, a quale livello».

Nonostante il rifiuto di Biden di incontrare il presidente turco all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il valore della posizione strategica della Turchia per gli Stati Uniti è diventato ancora una volta chiaro alla fine di ottobre e all’inizio di novembre, quando la Russia ha ammassato le sue truppe nell’est dell’Ucraina. Desiderosa di ottenere informazioni turche sulla questione, la Casa Bianca ha invertito la rotta e ha accelerato l’impegno con Ankara. Nell’arco di tre settimane, Biden ha incontrato Erdogan a margine della riunione del Gruppo dei 20 leader a Roma e i loro rispettivi consiglieri per la sicurezza nazionale, Jake Sullivan e Ibrahim Kalin, hanno parlato due volte al telefono.

Il 3 dicembre Putin ha parlato con Erdogan per telefono. Il leader russo si è lamentato con Erdogan che l’Ucraina sta usando i droni Bayraktar di fabbricazione turca in modo “distruttivo” nel Donbass. Putin stava, in effetti, avvertendo Erdogan di non vendere più droni all’Ucraina.

La Turchia sotto Erdogan è stanca, a suo dire, di essere data per scontata. A lungo vista come un docile membro della Nato, un tranquillo paese laico alla periferia dell’Europa, che aspetta pazientemente di entrare nell’Unione Europea, Ankara ora sogna invece di diventare un egemone regionale. La questione è se questi obiettivi saranno minati dai suoi frequenti contrasti con altri attori geopolitici, e dalle politiche economiche interne che hanno portato l’economia alla crisi. Da quando è salito al potere, prima come primo ministro nel 2003, e poi come primo presidente della Turchia nel 2014, Erdogan ha rotto decenni di politica filo-occidentale nella politica turca.

A volte si è avvicinato al presidente russo Vladimir Putin, ma è anche entrato in conflitto con Mosca inviando truppe in Siria, consiglieri militari in Libia e indirettamente ma apertamente aiutando l’Azerbaigian in un conflitto con la vicina Armenia. I politici nell’orbita di Erdogan hanno persino ventilato l’idea di un “mondo turco”, che si estende fino alla Yakutia, nell’Estremo Oriente russo, e allo Xinjiang, in Cina, un obiettivo notato sia a Mosca che a Pechino.

Concentrarsi sui popoli turchi ha rappresentato un sottile cambiamento per Erdogan. Durante i suoi primi anni al potere, non si era concentrato molto sugli stati turchi dell’Asia centrale: Kazakistan, Uzbekistan, Kirghizistan e Turkmenistan, considerati troppo secolari.

La turcofonia comprende gli stati balcanici a ovest, legati da storici legami ottomani; gli stati turchi dell’Asia centrale a est, collegati da legami etnici; e gli stati litorali del Mar Nero a nord della Turchia, come l’Ucraina, la Georgia e la Moldavia, con cui la Turchia ha recentemente stabilito l’accesso senza visto. Recentemente la Turchia ha anche messo gli occhi sull’Africa. Erdogan ha viaggiato in 30 paesi del continente, portando doni. Il 18 dicembre, Erdogan ha ospitato 16 capi di stato e di governo africani e più di 100 ministri al terzo Forum di partenariato Turchia-Africa.

È nella guida dell’economia, con un prodotto interno lordo di più di 700 miliardi di dollari, che Erdogan ha gettato via tutto il suo vantaggio storico. La valuta ha perso più della metà del suo valore contro il dollaro quest’anno.

Erdogan ha ripetutamente sostenuto che “gli alti tassi di interesse causano un’alta inflazione”, una teoria economica tutta sua. Tassi di interesse più bassi aumentano i prestiti, che a loro volta accendono il consumo interno e settori chiave come l’edilizia e le esportazioni, potrebbe essere una strategia mirata alle elezioni presidenziali del 2023.

L’enorme rovescio della medaglia è che porterà con sé un’inflazione spaccaossa, punendo il popolo turco; Barclays e Deutsche Bank prevedono un’inflazione annuale di oltre il 30% nella prima metà del 2022.

Il 20 dicembre, Erdogan ha svelato un altro strumento finanziario poco ortodosso per proteggere i depositi bancari in valuta locale dalle fluttuazioni della valuta con garanzie statali. Questo ha innescato un trend del 25% della lira contro il dollaro; la mossa può portare sollievo ai problemi di valuta solo per un breve periodo, ed equivale a un aumento “furtivo” dei tassi. Ma nel lungo periodo, porta al crollo economico.

Antonio Albanese