ISIS made in CIS

61

TAJIKISTAN – Dushanbe. 05/07/14. In Centro Asia sale la tensione per quanto sta accadendo in Siria e in Iraq. Nei giorni scorsi una testata musulmana del Tajikistan, islamnews ha riferito che il gruppo “Jamaat” formatosi in Siria da cittadini del Centro Asia sta combattendo contro Assad. A preoccupare i Paesi CIS il rientro di questi combattenti o il loro trasferimento in Iraq e come fermare l’ondata di arruolamento. 

 

«Recentemente, molti media hanno riferito che decine di cittadini del Tagikistan e Uzbekistan, stanno combattendo in Siria, aderito al gruppo militante “Stato islamico del Levante” (IGL). Questo è il gruppo “Jamaat Sabiri” comandato dal militante di nome Khalid al-Daghestan. In precedenza, il gruppo guidato da Abdullah Tashkent ma è ucciso all’inizio di quest’anno. Gli esperti ritengono che questo gruppo è uno degli affiliati di “al-Qaeda”». Si legge nella testata.

Queste e altre indiscrezioni sulla creazione in Siria di gruppi formati da immigrati provenienti dai paesi della CSI preoccupano gli stati d’Origine che stanno cercando di prendere misure per prevenire possibili minacce. Nell’ultimo mese nella città kirghiza di Osh i funzionari dello Stato per la Sicurezza hanno arrestato circa una dozzina di persone. La maggior parte sono sospettati di coinvolgimento negli scontri tra le fila delle forze anti-governative in Siria, e dopo il suo ritorno a Osh stavano cercando di arruolare gente per la jihad.

Preoccupati per questa tendenza, gli agenti di sicurezza kirghizi hanno preso l’iniziativa di apportare modifiche speciali del codice penale, come è stato fatto di recente in Tagikistan.

Anche l’Uzbekistan è in allarme per il fenomeno del terrorismo di ritorno. «La spedizione in Siria non è un’operazione facile, dunque, ci sono, da parte delle organizzazioni che vi partecipano seri sforzi sia dal punto di vista finanziario fino alla copertura ha detto Alisher Yusuphanov, agente di polizia Uzbekistan alla testata centrasiaonline.com. Oltre che dagli uzbeki la nuova ondata di arruolati è costituita da immigrati provenienti dalla regione di Osh del Kirghizistan, dove i reclutatori sono attivi.