Rossiya-24 oscurata in Moldavia

56

RUSSIA – Mosca 04/07/2014. Il sindacato dei giornalisti di Mosca considera il divieto di trasmissione in Moldavia per il canale televisivo Rossiya-24 come un attacco alla Russia e ai media russi.

Itar Tass riporta lo sferzante giudizio di Pavel Gusev, capo del sindacato e direttore del quotidiano Moskovsky Komsomolets. «Il divieto di trasmissione di Rossiya-24, canale popolare tra la popolazione di lingua russa, è un atto estremamente ostile contro i nostri media», ha dichiarato Gusev, aggiungendo che così facendo, la Moldavia sta ripetendola triste vicenda dell’Ucraina, anche se non c’è alcun conflitto reale tra la Moldavia e la Russia. «Il Ministero degli Affari Esteri russo dovrebbe informare l’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa. Non è chiaro il motivo per cui l’OSCE rimanga in silenzio», ha aggiunto, notando che sia le autorità russe che quelle straniere dovrebbero fare qualcosa in questa situazione. Vietare la trasmissione di canali televisivi russi in Moldavia ha violato i diritti e gli interessi della popolazione russofona del paese, ha detto Gusev. Il 4 luglio, il Coordinamento delle trasmissioni radio e televisive della Moldavia ha sospeso i programmi di Rossiya-24 fino al 1 gennaio 2015, a causa della «non conformità della sua programmazione con le disposizioni del Codice delle trasmissioni della Moldavia».

CONDIVIDI
Articolo precedenteISIS made in CIS
Articolo successivoI documenti del Califfato