RUSSIA: Il petrolio di Mosca per Cina e India segue la rotta artica

71

I rompighiaccio Taimyr e Sibir hanno completato la scorta alle petroliere a pieno carico, che per la prima volta trasportano materie prime dai porti baltici alla Cina lungo la rotta artica. In cinque giorni la carovana di navi ha percorso circa 550 miglia nautiche e il 16 agosto le petroliere sono in avvicinamento allo stretto di Bering.

«L’embargo imposto dai paesi europei sulla fornitura di petrolio e prodotti petroliferi russi non solo è diventato una sfida, ma ha anche aperto una nuova finestra di opportunità. Grazie alla rotta del Mare del Nord, è stato possibile trasferire molte attività di trasporto marittimo da ovest a est», ha affermato Alexei Likhachev, direttore generale di Rosatom.

Dopo che l’UE ha vietato l’importazione di petrolio e prodotti petroliferi russi e, insieme al G7, ha introdotto un massimale di prezzo, Cina e India sono diventate i principali destinatari di materie prime dalla Russia. La domanda urgente di petrolio russo distrugge il prezzo massimo fissato dall’Occidente per esso, riduce al minimo lo sconto dal Brent e aumenta notevolmente l’offerta di oro nero russo lungo la rotta del Mare del Nord (NSR).

Così, il valore medio delle esportazioni dai giacimenti petroliferi russi lungo la NSR è salito a 87mila barili di petrolio al giorno, che è più di cinque volte superiore al record precedentemente registrato di 16mila barili. Ora 6 petroliere vengono noleggiate su una rotta commerciale contemporaneamente, mentre prima ne usciva solo una. Dove le rotte sono più o meno prive di ghiaccio, le petroliere non di classe ghiaccio vengono attivate frettolosamente. Allo stesso tempo, si nota che saranno attratte ancora più navi, poiché la stagione estiva della navigazione sulla rotta del Mare del Nord non ha ancora raggiunto il suo apice. Tutte le navi con petrolio vanno al momento in Cina.

L’India non è molto indietro rispetto alla Cina, che aumenta quotidianamente l’importazione di petrolio russo, nonostante la diminuzione dello sconto a $ 8. Nel frattempo, il petrolio russo è stato a lungo scambiato al di sopra del prezzo massimo fissato dall’Occidente. Secondo le stime di Argus, il 12 agosto un barile di Urals sulla costa occidentale dell’India costava circa 83 dollari, rispetto ai circa 70 dollari di luglio. Inoltre, 83 dollari non sono “leggermente al di sopra del massimale”, ma un prezzo radicalmente diverso, il che non impedisce ai rappresentanti delle raffinerie di dichiarare che continueranno ad acquistare la varietà russa, perché. questo è ancora più redditizio dei barili dei fornitori del Medio Oriente.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/