MAROCCO. I mondiali di calcio 2030 fanno rivivere il sogno del tunnel ferroviario sottomarino Spagna-Marocco

89

Secondo la testata al Jazeera il treno Buraq in Marocco è stato tra i motivi per riportare in primo piano l’idea del tunnel con la Spagna (Ufficio Ferroviario Marocchino).

Il quotidiano britannico The Telegraph ha sottolineato che la costruzione del nuovo tunnel sottomarino tra Marocco e Spagna avverrà entro la fine del decennio in corso, cioè in tempo per i Mondiali del 2030, che saranno ospitati da Marocco, Portogallo e Spagna.

La Compagnia Nazionale Marocchina per gli Studi sullo Stretto di Gibilterra ha dichiarato già la scorsa settimana che sono in corso lavori per esplorare gli elementi finanziari e strategici del progetto, e lo scorso marzo, il Ministro marocchino delle Attrezzature e dell’Acqua, Nizar Baraka, ha incontrato il Ministro spagnolo dello Stretto di Gibilterra Trasporti, Oscar Puente, per discutere della questione.

La parte sottomarina del tunnel si estende su una distanza di 17 miglia (28 chilometri) con una profondità massima di 1.550 piedi (475 metri) e collega Punta Paloma, a ovest di Tarifa, con Malabata nel nord del Marocco, a est di Tangeri, secondo il quotidiano britannico.

Non si sa quanto costerà costruire due tunnel (oltre a un terzo tunnel di servizio), e alcune stime stimano il costo del progetto a 8 miliardi di euro (8,56 miliardi di dollari).

La Società Spagnola per gli Studi sulle Comunicazioni Fisse attraverso lo Stretto di Gibilterra prevede che il tunnel, che collegherà le reti ferroviarie di Spagna e Marocco, potrà trasportare 12,8 milioni di passeggeri all’anno, e sarà anche un importante attraversamento commerciale, con la possibilità di trasportando 13 milioni di tonnellate di merci tra Africa ed Europa, secondo quanto riportato dal Telegraph.

Il tunnel tra i due paesi ridurrebbe il tempo di viaggio tra Madrid e Casablanca a sole 5,5 ore, mentre attualmente i voli impiegano circa due ore e 12 in auto (compreso l’uso del traghetto).

I piani hanno subito un’accelerazione da quando la Federazione Internazionale delle Associazioni Calcistiche (FIFA) ha annunciato che la Coppa del Mondo 2030 si svolgerà principalmente in Portogallo, Spagna e Marocco.

L’idea di un tunnel nello Stretto di Gibilterra fu proposta per la prima volta dal governo spagnolo nel 1930. Tuttavia, il progetto fu sospeso dopo che gli ingegneri scoprirono che il fondale marino era composto da roccia estremamente dura, rendendo impossibile lo scavo del tunnel con la tecnologia disponibile all’epoca.

Nonostante i progressi ingegneristici, il tunnel è ancora considerato uno dei progetti sottomarini più ambiziosi al mondo e molto più complesso del tunnel sotto la Manica tra Inghilterra e Francia, inaugurato nel 1994.

La faglia geologica (Azzorre-Gibilterra) si trova vicino alla regione e nella regione si sono verificati numerosi terremoti. Un’ulteriore sfida logistica è che la distanza più breve tra i due continenti è dove si trova la parte più profonda dello stretto, a 900 metri di profondità.

I piani per il tunnel riemersero nel 1979, quando i governi di Spagna e Marocco nominarono un comitato congiunto per analizzare la fattibilità del progetto, sebbene il tunnel non fosse mai stato costruito.

Il progetto ha recentemente acquisito nuovo slancio dopo l’apertura della linea ferroviaria ad alta velocità in Marocco sotto il nome di (Al-Buraq), che collega Casablanca con Tangeri.

Tommaso dal Passo

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/