PETROLIO. Superpetroliere cinesi per il greggio di Mosca

211

Almeno quattro superpetroliere di proprietà cinese stanno trasportando il greggio russo degli Urali verso la Cina, secondo fonti commerciali e dati di tracciamento, mentre Mosca cerca navi per le esportazioni dopo che il tetto al prezzo del petrolio imposto dal G7 ha limitato l’uso di servizi cargo e assicurazioni occidentali.

La Cina, primo importatore di petrolio al mondo, ha continuato ad acquistare petrolio russo nonostante le sanzioni occidentali, dopo che il presidente russo Vladimir Putin e il leader cinese Xi Jinping hanno avviato quella che hanno definito una partnership senza limiti prima della guerra in Ucraina.

Una quinta superpetroliera, o Very Large Crude Carrier (VLCC), stava spedendo greggio all’India, che come la Cina ha continuato ad acquistare petrolio russo venduto a sconto, dato che molti acquirenti occidentali si sono rivolti ad altri fornitori. Tutte e cinque le spedizioni erano previste tra il 22 dicembre e il 23 gennaio, secondo le fonti e i dati di tracciamento delle navi di Eikon ripresi da AF.

Il massimale di prezzo del G7, introdotto a dicembre 2022, consente ai Paesi non appartenenti all’Unione Europea di importare petrolio russo via mare, ma vieta alle compagnie di navigazione, assicurazione e riassicurazione di movimentare carichi di greggio russo se non venduti a un prezzo inferiore al massimale di 60 dollari.

Poiché gli Stati Uniti e i loro alleati hanno cercato di bloccare le entrate energetiche di Mosca per limitare la sua capacità di finanziare la guerra in Ucraina, l’anno scorso la Russia ha rapidamente dirottato le esportazioni di petrolio dall’Europa, principalmente verso l’Asia.

I viaggi più lunghi, gli sconti pesanti e le tariffe di trasporto da record hanno intaccato i profitti, ma l’uso di superpetroliere sulle rotte asiatiche potrebbe ora ridurre i costi di spedizione.

Il ministro del Petrolio indiano Hardeep Singh Puri ha dichiarato, durante un incontro con la stampa giovedì scorso, che l’India acquisterà petrolio da qualsiasi paese in grado di garantire il prezzo più conveniente. I raffinatori indiani si assicurano uno sconto di 15-20 dollari al barile sul petrolio russo su base consegnata rispetto al Brent.

La Russia sta inviando il greggio Ural dai suoi porti occidentali per il trasbordo sulle superpetroliere Lauren II, Monica S, Catalina 7 e Natalina 7, tutte battenti bandiera panamense e dirette in Cina, mentre la Sao Paulo si sta già avvicinando all’India.

In base ai dati Eikon e ai database marittimi pubblici, la Lauren II è gestita dalla cinese Greetee Co Ltd e di proprietà della cinese Maisie Ltd, la Catalina 7 è di proprietà della Canes Venatici Ltd di Hong Kong e la Natalina 7 della Astrid Menks Ltd di Hong Kong, entrambe gestite dalla cinese Runne Co Ltd, mentre la Monica S è di proprietà della cinese Gabrielle Ltd e gestita dalla Derecttor Co Ltd. La Sao Paulo è di proprietà e gestita dalla società cipriota Rotimo Holdings Ltd.

Nel 2023 potrebbero essere utilizzate per il trasporto del greggio russo un totale di 18 superpetroliere cinesi e altre 16 navi di dimensioni Aframax, sufficienti a trasportare 15 milioni di tonnellate all’anno o circa il 10% delle esportazioni totali dell’Ural. Una VLCC può trasportare fino a 2 milioni di barili, una nave Suezmax fino a 1 milione di barili e una Aframax fino a 0,6 milioni di barili.

Mentre la maggior parte del greggio russo è ora diretto in Cina, India e Turchia con navi russe o non occidentali, le sanzioni del G7 hanno portato a una carenza di petroliere più piccole di classe ghiaccio – molte delle quali appartenenti a compagnie greche e norvegesi – necessarie alla Russia per trasportare il greggio dai porti del Mar Baltico in inverno.

La Russia e la Cina non dispongono di un’ampia flotta di navi di classe ghiaccio e l’utilizzo delle VLCC cinesi consente loro di spostarsi dai porti del Baltico per effettuare trasferimenti da nave a nave verso petroliere più grandi in acque internazionali, secondo i commercianti.

Questa pratica è emersa nelle acque internazionali del Mediterraneo, con operazioni nei pressi di Ceuta, e della greca Kalamata, una città della penisola del Peloponneso, nel sud della Grecia.

Luigi Medici

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/