Operazione Pastinaca

56

USA – Washington 8/04/0214. Potremmo chiamarla Operazione Pastinaca. Pasternak, infatti, è il termine con cui si traduce in cirillico il nome della Pastinaca sativa, radice commestibile, oltre ad essere il cognome del Premio Nobel autore dell’immortale Dottor Zivago.

Recentemente il Washington Post ha pubblicato una serie di documenti relativi ad una operazione della Cia avente come obietivo las diffusione del rmanzo e il discredito dell’Urss.
La Cia ha gestito la pubblicazione e la distribuzione del Dottor Zivago, romanzo di Boris Pasternak vietato nell’ Urss durante la Guerra Fredda , come traspare da dei documenti Cia recentemente declassificati.
«Questo libro ha un grande valore propagandistico, non solo per il suo messaggio intrinseco e stimolante, ma anche per le circostanze della sua pubblicazione: abbiamo l’opportunità di rendere i cittadini sovietici consapevoli di conoscere gli errori del loro governo, che vieta l’opera letteraria di un uomo riconosciuto come il più grande scrittore russo»recita una nota della Cia datata 1958.
L’Agenzia era dietro la pubblicazione dell’opera in lingua russa nei Paesi Bassi e in altri paesi del Patto di Varsavia. Il Dottor Zivago era stato pubblicato in lingua italiana, per la prima volta nel 1957 dall’italiana Feltrinelli; subito questa uscita, la Cia raccomanda che il dottor Zivago «deve essere pubblicato nel numero massimo possibile di edizioni straniere , per avere la massima distribuzione nel mondo libero e avere tanti consensi e considerazioni da ottenere il premio Nobel», riporta il Washington Post. Il Nobel arrivò nel 1958, ma Pasternak (a sinistra) lo rifiutò.
Più di 130 documenti interni Cia relativi al coinvolgimento dell’Agenzia nella stampa del Dottor Zivago sono stati resi noti e pubblicati in un libro, The Zivago Affair, che sarà pubblicato il 17 giugno.
Per i pochi che non lo sapessero, Il Dottor Zivago è ambientato nella Russia post-rivoluzionaria e narra le vicissitudini di Yuri Zivago, medico e poeta. Dal libro è stato poi tratto un film vincitore di Oscar e Golden Globe, interpretato da Omar Sharif e Julie Christie, ed uno dei suoi brani musicali, il Tema di Lara, è entrato nell’immaginario musicale collettivo.