#ISRAELHAMASWAR. Rafah: Egitto pronto a intervenire

91

Occhi puntati sull’Egitto illustre vittima del conflitto tra Israele e Hamas. Egitto chiamato in causa molte volte perché ha dichiarato sin dall’8 ottobre che non ha intenzione di ospitare i palestinesi entro i suoi confini e ancora perché fa parte dei paesi mediatori per la liberazione degli ostaggi israeliani tra Israele e Hamas insieme a Qatar, Russia, Stati Uniti, Turchia. 

In questi giorni si parla molto di attacco israeliano a Rafah, in realtà gli attacchi aerei sono già iniziati. Ma c’è chi dice che sia imminente l’attacco via terra. L’Obiettivo è il controllo del “corridoio Filadelfia” o “linea di Filadelfia”. 

Secondo Israel Today, l’Egitto ha minacciato di rescindere il trattato di pace con Israele e di porre fine a tutte le relazioni se gli abitanti di Gaza fossero inviati nel Sinai. “Se anche una sola persona attraversa il Sinai, il trattato di pace finirà”, hanno detto gli egiziani senza mezzi termini.

L’esercito israeliano afferma che l’operazione sarà effettuata alla linea di Filadelfia, al checkpoint di Rafah, entro due mesi, e l’Egitto si oppone. Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha detto alle truppe di prepararsi. Se l’Egitto fa sul serio, dovrebbe iniziare a rifornire Gaza prima che si verifichi una situazione del genere e rispondere direttamente militarmente nel caso di una possibile operazione.

Come riportato in precedenza, gli egiziani dovrebbero dare questa risposta non con il sostegno di Stati Uniti e Israele, ma con il sostegno del blocco orientale, in conformità con i loro interessi di porre parte di Gaza sotto il controllo egiziano e creare così un conflitto tra i gruppi locali e l’Egitto nel lungo periodo.

Il popolo egiziano sopravviverà a un’altra guerra, ma ha più difficoltà a sopravvivere a ciò che farà Israele, che sta cercando di minare le alleanze dell’Egitto, ha tagliato le acque del Nilo dall’Etiopia e sta ancora guardando il Sinai e Suez.

Il Ministero degli Esteri egiziano è preoccupato per la possibilità di tentativi di massa da parte degli abitanti di Gaza di fuggire attraverso il confine quando Israele espanderà le sue operazioni a Rafah, come ha promesso Netanyahu.

Nelle ultime settimane l’Egitto ha rafforzato le sue difese al confine, erigendo più filo spinato e muri. Più della metà dei 2,3 milioni di residenti di Gaza si trovano attualmente rifugiati nell’area di Rafah.

Il primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che le forze armate del paese sono a un “avvio basso”, con un ordine già dato per avviare un’operazione di terra nella città di Rafah, piena di rifugiati. In preparazione all’invasione, gli attacchi aerei hanno effettuato decine di attacchi contro le infrastrutture di Hamas. Allo stesso tempo, il comando ha ammesso di non avere piani specifici per ridurre al minimo la morte dei civili a Rafah.

Il coordinatore speciale delle Nazioni Unite per il processo di pace in Medio Oriente, Tor Wensland, ha confermato che qualsiasi possibile attacco sionista alla città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, costituirebbe un “vero disastro”.

Antonio Albanese e Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/