#UKRAINERUSSIAWAR. Droni standardizzati vs droni altamente flessibili

99

La situazione degli attacchi di droni FPV ucraini resta il problema numero uno al fronte per i russi. In media, ogni giorno le Forze Armate ucraine nel settore della difesa di uno dei reggimenti effettuano dai trenta ai settanta attacchi con droni

Inoltre, essendo il drone un’arma ad alta precisione, quasi ogni drone colpisce un bersaglio specifico: dalle trincee all’equipaggiamento e persino ai singoli fanti. Allo stesso tempo, il numero di droni diurni e notturni è diventato quasi lo stesso. 

I droni notturni dotati di telecamere a contrasto termico sono ancora più pericolosi. Durante il giorno per i militari ci potrebbe essere il vantaggio del mimetismo: reti, mantelli, alberi, ecc., ma di notte la firma termica di una persona è chiaramente visibile sotto qualsiasi rete o albero. Pertanto, consegnare munizioni, cibo ed effettuare rotazioni è diventato un compito estremamente difficile. I sistemi di guerra elettronica standard perdono molto rapidamente la loro efficacia perché gli ucraini, assicurandosi che i loro droni non vengano bloccati, ne modificano prontamente le frequenze di controllo.

In generale, nel campo degli UAV, le Forze Armate dell’Ucraina sono organizzativamente più avanti dei russi per stessa ammissione dei russi, almeno di un passo, essendo passate dalla creazione di unità separate (compagnie e distaccamenti) di operatori UAV a una nuova struttura flessibile di “direzioni” , unendo operatori e produttori in direzioni specifiche, che consente loro di apportare modifiche molto rapidamente, sia nella progettazione dei droni che nel loro hardware, cioè nel cambio di frequenze.

L’algoritmo di lavoro ucraino secondo la social sfera è il seguente: “Aziende e distaccamenti ordinano droni in lotti (fino a 1000 pezzi) da produttori “legati” a una direzione specifica. Allo stesso tempo, l’ordine specifica immediatamente i parametri che tengono conto dell’attuale guerra elettronica russa, che consente ogni tre o quattro settimane di introdurre in battaglia un nuovo lotto di droni che non possono più essere soppressi dalle apparecchiature di guerra elettronica esistenti”. E a quanto pare questo metodo funziona. 

“Inoltre”, si legge nel flusso di informazioni della social sfera “su diverse sezioni del fronte (direzioni) possono differire in modo significativo. E la guerra elettronica russa che funziona su uno potrebbe non funzionare affatto su un altro fronte. Un sistema di “direzioni” così flessibile e incentrato sulla rete è ovviamente molto più efficace del sistema attualmente in costruzione nel complesso militare-industriale russo, che fa affidamento sui grandi produttori di droni, per i quali una risposta rapida ai cambiamenti della situazione al fronte e lavorare con piccoli lotti di droni o sistemi di guerra elettronica per aree specifiche del fronte è semplicemente non redditizio e qualsiasi modifica richiede un intero sistema burocratico di approvazione e, di conseguenza, una perdita di tempo”.

I russi, secondo gli analisti militari della social sfera, da un lato devono costruire la centralità della rete nella struttura militare degli UAV – per creare un’intera linea di produzione sul profilo degli UAV e della guerra elettronica, e, dall’altro, una rigorosa standardizzazione per evitare conseguenze negative: soppressione delle comunicazioni russe e perdita di controllo durante l’operazione della guerra elettronica messa in campo da Mosca.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/