#UKRAINERUSSIAWAR. Via Zaluzhny, arriva Syrsky che ha comandato Bachmut ora russa. Fallisce tentativo di attacco alla Crimea

146

Il Senato americano ha votato l’8 febbraio, con 67 voti favorevoli e 32 contrari a favore di un disegno di legge di aiuti esteri da 95 miliardi di dollari per Ucraina, Israele, Gaza e Taiwan, escluse le disposizioni sui confini. Per gli ucraini sarà un respiro di sollievo, ma di certo non una soluzione. Ricordiamo che il deficit del bilancio ucraino nel 2024 è di 49 miliardi di dollari. 

L’Alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza Josep Borrell ha detto che Putin è un vicino che non sa dove finiscono o iniziano i suoi confini. «Il presidente della Russia non si fermerà se vince in Ucraina. È pronto a sacrificare il suo esercito e il suo popolo per restare al potere… Una possibile sconfitta dell’Ucraina significherà la presenza di un esercito russo al confine dell’Europa. Putin potrebbe pensare: se ha vinto una volta, perché non potrebbe sconfiggere il suo vicino una seconda volta?», ha detto il capo della diplomazia dell’UE.

Secondo lui ci sono persone che non condividono l’opinione che l’Ucraina abbia bisogno di aiuto e che sarebbe meglio se si arrendesse il prima possibile. Ad esempio, “in questo modo ci libereremo dei problemi”. «Pensa che se la Russia installasse in Ucraina un regime fantoccio simile a quello che ha in Bielorussia e le truppe russe fossero al confine con la Polonia, ci libereremo dai guai o avremo grossi problemi?» chiede Borrell.

Comunque, considerato che Borrell è tra coloro che sostengono l’Ucraina in Europa, siamo già nella situazione di un guerra ai confini dell’Europa. Geograficamente è già così. La Federazione Russa prima della mancata sigla degli accordi di Minsk del 2022, non ha mai parlato o avuto mire espansionistiche. 

Il presidente rumeno ha approvato il dispiegamento delle forze NATO nel paese nel 2024, sempre restando in Europa secondo Deutsche Welle, aumenta il rischio di guerra tra NATO e Russia. Inoltre BILD ha riferito sulle colonne della sua testata: “Generali militari tedeschi di alto rango si trovano attualmente in Ucraina”, citando il ministero della Difesa tedesco

Sette ex soldati delle forze speciali afghane sono stati uccisi in Ucraina. L’ex comandante del Corpo delle operazioni speciali dell’esercito nazionale afghano, il tenente generale Farid Ahmadi, lo ha scritto sul suo account Twitter/X. Non è specificato da che parte combattessero.

Il ministro degli Esteri ucraino Kuleba ha detto: «L’uso dell’artiglieria da parte della Russia ha raggiunto un livello per il quale gli arsenali europei e l’industria della difesa non sono pronti. Stiamo davvero affrontando la crisi delle munizioni.» Kuleba continua i suoi viaggi all’estero in cerca di aiuto, ma i progressi sono pochi.

Valery Zaluzhny ha pubblicato un messaggio su un incontro con il presidente Zelenskyj e non ha detto nulla direttamente sulle sue dimissioni. Ma ha chiarito che il comando delle forze armate ucraine sta cambiando. «Oggi abbiamo deciso di cambiare la leadership delle forze armate ucraine», ha affermato il ministro della Difesa Umerov.

E così l’8 febbraio è finita la saga. L’Ufficio del Presidente dell’Ucraina ha spiegato il motivo del licenziamento di Zaluzhny: «La decisione è dovuta alla necessità di riconsiderare la tattica d’azione, che l’anno scorso non ha garantito pienamente il risultato desiderato, per evitare la stagnazione in prima linea, che incide negativamente sul sentimento pubblico, per trovare nuove soluzioni funzionali e ad alta tecnologia che ci permetterà di mantenere e sviluppare l’iniziativa, così come l’importanza di avviare il processo di riforma dei principi di gestione nell’esercito», ha affermato Mikhail Podolyak. 

Zaluzhny ha considerato gli ordini di Zelenskyj irrealistici e ha negoziato direttamente con gli alleati le forniture, escludendo il Ministero della Difesa da questo processo, The Times, citando il ministro della Difesa Umerov. Il Ministro ha citato questo come un altro motivo per il licenziamento di Zaluzhny: «La mancata presentazione del suo piano militare per quest’anno».

Il successore Zaluzhny è Alexander Syrsky chiamato dalle truppe: “carro funebre”, “generale 200”, “macellaio”. La sostituzione di Zaluzhny con Syrsky probabilmente non piacerà all’esercito ucraino e alla popolazione afferma il The Washington Post. 

“I soldati comuni non amano molto Syrsky, che molti considerano un comandante in stile sovietico. Ha tenuto le sue truppe sotto il fuoco a Bakhmut per troppo tempo. La città alla fine è passata sotto il controllo russo. Migliaia di soldati ucraini sono stati uccisi e molti feriti mentre difendevano una città di importanza strategica limitata”, scrive WP.

Il portavoce dell’ex presidente ucraino Poroshenko, Karl Volokh, ha invitato i suoi fedeli sostenitori ad andare al Maidan, come Mustafa Nayem nel 2013. Difenderanno Zaluzhny, che è stato ingiustamente rimosso. 

Alle 11.00 del 9 febbraio è arrivato il discorso del nuovo comandante in capo delle forze armate ucraine, Syrsky: «Solo i cambiamenti e il costante miglioramento dei mezzi e dei metodi di guerra ci permetteranno di raggiungere il successo su questa strada».

Il comandante in capo delle forze armate ucraine ha parlato dei nuovi compiti all’ordine del giorno: Pianificazione chiara e dettagliata delle azioni di tutti gli organi di comando e controllo militare, formazioni, formazioni e unità, tenendo conto delle esigenze del fronte per le armi più recenti. Distribuzione e consegna rapida e razionale di tutto il necessario per le unità combattenti.

Mantenere un equilibrio tra lo svolgimento di missioni di combattimento e il ripristino di unità e subunità con l’intensificazione dell’istruzione e della formazione del personale rimane più importante che mai.

L’introduzione di nuove soluzioni tecniche e il ridimensionamento delle esperienze di successo, come l’uso di sistemi senza pilota e moderne attrezzature di guerra elettronica, è uno dei futuri vettori per costruire la vittoria.

Ed ora uno sguardo alla linea del fronte aggiornato alle 15:30 del 09 febbraio

Si registra, nella notte dell’8 febbraio un attacco missilistico russo contro la comunità Zmievskaya della regione di Kharkov. Il capo dell’amministrazione militare regionale ha affermato che i russi hanno attaccato le infrastrutture civili: ci sono stati incendi nell’edificio dell’hotel e nella zona estiva del ristorante. A seguito di altri attacchi sono stati danneggiati edifici residenziali privati, un edificio a tre piani di un complesso ricreativo e una mensa. Secondo i russi l’hotel ospitava i mercenari stranieri in Ucraina. 

La Russia ha respinto un raid di droni in Crimea. Per il secondo giorno consecutivo, le formazioni ucraine hanno lanciato sei droni dalla regione di Odessa in direzione della Crimea. Solo che, a differenza dei raid precedenti, le forze armate ucraine hanno cambiato il percorso.

I droni hanno sorvolato Zmeiny e il volo, valutando la traiettoria, è stato effettuato dalla zona di Vilkovo. Inizialmente sembrava che l’obiettivo fosse l’ovest della Crimea, ma successivamente la rotta è stata adattata alla costa meridionale della penisola. Sei droni, costeggiando Sebastopoli da sud, si sono diretti verso Feodosia. Cinque di loro sono stati intercettati dai combattenti di Belbek appena a sud di Alushta. E l’ultimo – con un equipaggio di mitragliatrici di una barca vicino a Feodosia.

La situazione nella direzione di Kherson non è cambiata. Le forze armate russe stanno combattendo sul terreno a Krynki, le forze armate ucraine stanno cercando di rifornire il personale trasportando manodopera su barche attraverso il Dnepr. C’è una guerra di droni, attrezzature per la guerra elettronica, software UAV e bombardamenti reciproci di artiglieria. Le forze armate ucraine effettuano attacchi con droni FPV sui civili; ieri fatti simili sono stati constatati a Nova Kachovka e vicino a Hornostaivka.

Sul fronte di Zaporozhie, gli ucraini colpiscono con munizioni a grappolo, numerosi droni, raccoglie attrezzature e personale, di fronte a Verbovove e Rabotino, si prepara alla difesa. Nella direzione di Kameshnik si nota un cambio di unità e un aumento del potenziale di utilizzo degli UAV. Le nostre unità in prima linea notano lo scarso livello di efficacia della guerra controbatteria e della guerra elettronica.

Pesanti combattimenti sono in corso a sud di Marinka, a Novomykhailivka, dove le forze armate russe hanno recentemente preso piede nella periferia e stanno attaccando con il supporto di veicoli corazzati da sud-est, est e nord-est.

Ad Avdiivka l’avanzata più intensa delle truppe russe è stata avvistata in località Società di giardinaggio Ivushka. Le forze armate russe stanno avanzando ad Avdiivka nella zona di via Indipendenza, via Sapronov e via Zheleznodorozhny. A ovest del ponte ferroviario, le unità russe avanzate cercano di prendere piede, gli ucraini lanciano contrattacchi. La fanteria è supportata dall’alto dalla aviazione russa; sono state segnalate dozzine di potenti bombe ad alto esplosivo sganciate scontro gli ucraini.

Ci sono battaglie vicino a Ivanovsky (Krasnohorivka), Bachmut. A ovest di Kleshchiivka, recentemente le truppe russe sono avanzate un po’ di più, gli ucraini oppongono resistenza.

Vicino a Bilohorivka (a sud di Kreminna), l’esercito russo ha occupato una zona industriale e un mulino in pesanti battaglie, gli ucraini scrivono che i russi hanno fatto una manovra d’assalto usando truppe d’assalto, che ha colto di sorpresa le forze armate ucraine.

Gli ucraini hanno aumentato gli attacchi contro i civili nella regione di Belgorod, infliggendo attacchi mirati alla popolazione civile. Nel villaggio di Novaya Tavolzhanka, le forze armate ucraine hanno attaccato un autobus civile con un drone kamikaze, una persona è stata ferita da schegge alla gamba. Nel villaggio di Rzhevka, distretto urbano di Shebekinsky, cinque persone sono rimaste ferite; a un uomo sono state strappate braccia e gambe in seguito al bombardamento nazista del villaggio. A Bessonovka, distretto di Belgorod, un UAV è stato abbattuto, nel villaggio di Gostishchevo, distretto urbano di Yakovlevskij, a seguito del suo arrivo nell’area della stazione ferroviaria, il movimento del treno Belgorod-San Pietroburgo è stato temporaneamente interrotto sospeso. In serata, 12 bersagli aerei sono stati abbattuti durante l’avvicinamento a Belgorod e 9 abitazioni private sono state danneggiate nella periferia. Nella DPR a Gorlovka, Verkhnetoretskoye, Vladimirovka, Donetsk, quattro civili sono rimasti feriti a seguito dei bombardamenti delle forze armate ucraine.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/