INDONESIA. Gas al posto del carbone per le miniere di oro e rame

208

La più grande compagnia mineraria dell’Indonesia sta studiando attivamente un piano per passare dal carbone al gas naturale per alimentare la sua miniera di rame e oro di Grasberg nelle Highlands centrali di Papua. Freeport Indonesia, Fpti, ha la possibilità di trasportare il gas dall’impianto di gas naturale liquefatto della BP, 490 chilometri a nord-ovest, o di stabilire un impianto di rigassificazione per gestire le spedizioni di LNG nel suo porto di Timika sulla costa meridionale.

Fpti ora fa affidamento su una stazione a carbone di 195MW vicino a Timika, collegata da una linea di trasmissione di 100 km alla miniera d’alta quota, dove c’è un’ulteriore capacità diesel di 130MW per affrontare i carichi di punta e le emergenze. Anche se la direzione della compagnia deve ancora prendere una decisione definitiva sulla conversione, sta già installando 128MW di gruppi elettrogeni a doppio combustibile per soddisfare il bisogno di potenza extra per far funzionare una rete ferroviaria sotterranea elettrificata lunga 20 km, sistemi di disidratazione e ventilazione e un terzo mulino, riporta AT.

Il nuovo mulino è necessario per integrare le operazioni attuali perché la roccia sotterranea più dura richiede una macinazione extra, anche se la produzione giornaliera di minerale dalla miniera è scesa a 130.000 tonnellate da un picco di 250.000 tonnellate.

A condizione che la BP abbia disponibilità di rifornimento, il trasporto del gas da Tangguh costerebbe circa 500 milioni di dollari secondo la maggior parte delle stime. Piuttosto che attraversare il collo di terra lungo 130 km dal complesso di Bintuni Bay alla città costiera di Kaimana, si è capito che Freeport sta guardando una conduttura sottomarina di 900 km che coprirà l’intera distanza fino a Timika. A parte il costo di 500 milioni di dollari di un terminale di rigassificazione, l’opzione LNG offre ostacoli altrettanto impegnativi: poiché il Mare di Arafura è poco profondo fino a 10 metri vicino alla costa, solo le piccole petroliere possono essere in grado di avvicinarsi abbastanza a un punto di scarico al largo.

Attualmente, le navi vengono caricate solo in parte con il concentrato di rame al porto, poi vengono spostate attraverso un grande banco di sabbia fino a una boa, a 15-20 chilometri dalla costa, dove vengono usate delle lance per trasferire il resto del carico. A questa difficoltà si aggiunge la spesa aggiuntiva che comporta la costruzione di una nuova centrale a ciclo combinato, data la difficoltà di convertire l’impianto esistente da carbone a gas senza una grande ricostruzione.

Il governo, come azionista di maggioranza, e la casa madre statunitense Freeport McMoRan Copper & Gold, Fcx, sono già impegnati a costruire una nuova fonderia di rame da 3 miliardi di dollari a Gresik, East Java, e a completare l’espansione della miniera sotterranea.

Fcx sostiene di aver abbassato le emissioni di carbonio di oltre il 21% tra il 2015 e il 2019, Ptfi, d’altra parte, rappresenta circa il 30% delle emissioni globali di gas serra del gigante minerario e la metà delle sue emissioni Scope 1 – quelle che sono controllate o di proprietà dell’organizzazione stessa.

Il gigante cinese del nichel Tsingshan, che opera nell’area, ha recentemente annunciato che stava costruendo una base di energia pulita di 2.000MW nei prossimi 3-5 anni nei suoi due principali impianti di produzione nel Sulawesi centrale e Maluku, sviluppando impianti solari ed eolici e strutture di supporto per fornire elettricità per la produzione di materiali per il settore in rapida crescita delle batterie per veicoli elettrici. Non ha toccato l’energia necessaria per la produzione di acciaio inossidabile, che fino ad ora è stata fornita da un impianto a carbone da 2.000 MW nel suo tentacolare parco industriale di Morawali nel Sulawesi centrale, aperto nel 2015.

L’azienda ha anche taciuto sui rapporti che potrebbe avere in programma di costruire un terminale di rigassificazione per il suo complesso Weda Bay sulla principale isola di Maluku di Halmahera, che ora è gestito da una stazione a carbone da 750MW.

Il ministero delle Miniere e dell’Energia indonesiano l’anno scorso ha respinto il piano di Tsingshan di aggiungere una quarta unità da 250MW, costringendo l’azienda a cercare altrove per il suo fabbisogno energetico mentre la struttura si espande nella produzione di batterie al litio.

Nella sua relazione sul cambiamento climatico, usando il 2018 come linea di base, Fcx ha puntato a una riduzione del 30% dei gas serra  di Ptfi entro il 2030, ma ha detto che la natura remota delle operazioni di Grasberg l’ha resa una sfida significativa. I nuovi generatori di energia possono funzionare con una varietà di combustibili, il che permetterà loro di passare al gas naturale quando sarà disponibile o di usare le energie rinnovabili in futuro.

Nel frattempo, saranno alimentati da biodiesel B30 prodotto localmente secondo un mandato del governo che mira a ridurre le emissioni dell’Indonesia di almeno il 29% entro il 2030 e a raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2060.

Freeport non ha ancora abbandonato un piano precedente per sviluppare un impianto idroelettrico da 300 MW sul fiume Urumuka, 100 km a nord-est di Timika, che sgorga dal lago Enaratoli sul versante meridionale degli altipiani centrali; tenendo conto però che ci vorranno molti anni per la costruzione e che le licenze minerarie scadono nel 2041.

Lucia Giannini