FINANZA. Nel 2030 BlackRock prevede di investire solo in chi decarbonizza

165

BlackRock ha previsto che entro il 2030 almeno tre quarti dei suoi investimenti in aziende e governi saranno legati all’obiettivo scientifico di tagliare le emissioni nette di gas serra a zero entro il 2050, dal 25% attuale. È stata la prima volta che BlackRock, il più grande asset manager del mondo con 9,6 trilioni di dollari in attività, ha detto come potrebbe essere il suo portafoglio nel 2030 per quanto riguarda le emissioni, ma rimane un’aspettativa piuttosto che un obiettivo fisso.

La previsione copre le emissioni legate al 77% del suo patrimonio totale alla fine di settembre 2021, circa 9,5 trilioni di dollari, ma esclude quelle come le obbligazioni municipali per le quali non ci sono attualmente dati affidabili, riporta Reuters.

Stabilire un obiettivo per il 2030 è un requisito centrale per i membri della Net Zero Asset Managers Initiative, Nzami, un gruppo settoriale di gestori di denaro che mirano ad arrivare a zero emissioni nette nei loro beni. BlackRock ha aderito alla Nzami nel marzo 2021 Nella dichiarazione del 14 aprile, BlackRock ha evitato di usare la parola “obiettivo”, ribadendo invece che il ritmo del cambiamento sarebbe stato determinato dalla portata della decarbonizzazione nell’economia reale e dalle decisioni di investimento dei clienti.

«Mentre la transizione procede e gli emittenti e i proprietari di asset continuano a posizionarsi di fronte ad essa, prevediamo che entro il 2030, almeno il 75% delle attività aziendali e sovrane di BlackRock gestite per conto dei clienti saranno investite in emittenti con obiettivi basati sulla scienza o equivalenti», recita la dichiarazione.

La maggior parte delle attività di BlackRock sono in fondi che seguono indici azionari e di altro tipo, spesso contenenti aziende ad alta emissione come quelle del settore del petrolio e del gas, anche se sta lanciando nuovi prodotti allineati al clima per i clienti che vogliono cambiare.

La chiave per questo cambiamento sarebbe un’azione politica concertata da parte dei governi, così come i progressi tecnologici per aiutare i settori difficili da decarbonizzare.

Lucia Giannini