ETIOPIA. La minaccia culturale cinese

134

Ufficialmente, la Cina e l’Etiopia vantano una forte partnership. L’Etiopia ha attratto quasi settecento imprese cinesi ed è il secondo maggior beneficiario di prestiti cinesi in Africa. La rapida crescita economica dell’Etiopia, combinata con la costruzione cinese di parchi manifatturieri e industriali, ha persino portato gli analisti a descrivere l’Etiopia come “la Cina dell’Africa”. I principali partiti politici etiopi, il Partito della Prosperità e, prima ancora, l’Eprdf hanno mantenuto forti relazioni con il Partito Comunista Cinese; l’Etiopia è anche uno dei partner chiave della Belt and Road Initiative cinese in Africa.

L’interesse pubblico per le abitudini alimentari esotiche cinesi e per la potenziale appropriazione della cultura tradizionale etiope parla delle fratture più grandi negli incontri sino-etiopici. A livello ufficiale, la relazione sino-etiopica sembra continuare ad evolversi come una partnership. Recentemente, 300 mila dosi di vaccino cinese sono state consegnate all’Etiopia. Nonostante questo gesto di generosità della Cina, ci sono diffuse preoccupazioni sociali in Etiopia con la crescente presenza della Cina mascherata come esotica e pericolosa, e la forza economica cinese come invadente e sgradita quando si tratta di “modernizzare” la cultura etiope, riporta Global Voices.

I funzionari etiopi continueranno a celebrare i prestiti, gli investimenti e i vaccini cinesi, ma il flusso di capitale potrebbe non tradursi in incontri culturali più profondi. Semmai, l’impegno economico continuerà a coesistere con paure culturali e sottili espressioni di resistenza nella società etiope.

Nella cultura popolare etiope, infatti, la presenza cinese è spesso vista come una minaccia culturale. Da un lato, ci sono diffuse preoccupazioni espresse nelle discussioni sui social media sulla comunità cinese come portatrice di pratiche culturali esotiche, soprattutto quando si tratta di abitudini alimentari; dall’altro, ci sono ansie per l’appropriazione culturale cinese della cultura tradizionale etiope, come le versioni più economiche dell’artigianato e degli indumenti etiopici prodotti in Cina.

Come in altri paesi che hanno aderito alla Belt and Road Initiative della Cina, l’arrivo delle comunità di migranti e di uomini d’affari cinesi in Etiopia ha creato attriti; resta difficile determinare il numero preciso di residenti cinesi in Etiopia, le stime suggeriscono 60mila unità.

Queste tensioni da parte etiope sono spesso espresse attraverso discussioni sulle abitudini alimentari dei residenti cinesi; accusati di violare le abitudini alimentari dell’Etiopia. La cucina etiope consiste in gran parte di verdure cotte e lenticchie, così come piatti di carne speziata e stufati, il tutto servito su un pane piatto acido fatto di grano teff, l’injera. La carne è limitata all’agnello, al manzo, al pollo, e i frutti di mare sono beni rari. I residenti cinesi, a loro volta, sono spesso ritratti come voraci consumatori di animali proibiti, come gli asini, e anche di oggetti esotici e persino illeciti come serpenti, insetti e ratti.

Secondo il Donkey Sanctuary, una no-profit britannica, quasi l’80% della popolazione etiope dipende dagli asini. considerati animali domestici e quindi non commestibili. I commentatori etiopi sottolineano i pericoli posti dalla macellazione e dall’esportazione degli asini per lo sviluppo rurale dell’Etiopia, ma anche per il suo tessuto morale.

Le associazioni di cinesi con abitudini alimentari esotiche, presenti sui social media, hanno assunto un nuovo significato geopolitico alla luce della pandemia. Alcuni commentari online hanno attribuito il consumo di cibi proibiti allo scoppio iniziale del virus a Wuhan, suggerendo che Dio era arrabbiato e ha punito i cinesi. Altri sono più diretti nel collegare la sofferenza globale della pandemia alle scelte alimentari cinesi.

Oltre alle esotiche abitudini culturali delle comunità cinesi, il tema dell’appropriazione culturale cinese attraversa il discorso popolare sulla Cina in Etiopia. La discussione sulla produzione cinese di caffettiere tradizionali etiopi è un esempio notevole. L’Etiopia si vanta di essere uno dei più grandi produttori di caffè del mondo ed è anche conosciuta come il luogo di nascita del caffè. La tecnica tradizionale di preparazione del caffè utilizza eleganti pentole di argilla nera allungate chiamate jebena che sono fatte dagli artigiani etiopi. Recentemente, tuttavia, i jebena fatti in Cina sono apparsi nei mercati etiopici e nei negozi di ceramica.

La reazione del pubblico è stata mista, da una certa ammirazione per l’efficienza cinese e persino la speranza di modernizzare la produzione etiope di jebena a preoccupazioni per i cinesi che rivendicano il jebena come loro invenzione, così come le critiche per le sue caratteristiche contraffatte, come il suo colore bianco piuttosto che il tradizionale nero. Alcuni commentatori sostengono che l’acquisto di jebena fatto in Cina mostra mancanza di rispetto verso il prodotto tradizionale, e mette in pericolo il reddito degli artigiani etiopi.

La produzione cinese di indumenti tradizionali etiopi è un altro argomento di discussione molto acceso. Gli indumenti tradizionali di cotone erano costosi e fatti a mano. Questo dato è cambiato con la produzione cinese, che produce una versione molto più economica fatta di materiali sintetici.

Lucia Giannini