EGITTO. Nonostante il conflitto di Gaza, il Cairo compre il gas da Israele

42

Israele ha riferito che le esportazioni di gas naturale dal giacimento Leviathan verso l’Egitto sono aumentate del 28% lo scorso anno. Le esportazioni sono passate da 4,9 miliardi di metri cubi – Bcm – nel 2022 a 6,3 Bcm nel 2023.

Israel Katz, ex ministro dell’Energia, ha approvato l’anno scorso l’aumento delle esportazioni verso l’Egitto. Per il 2026, ha previsto un aumento della produzione annuale di sei Bcm, circa il 60% rispetto al volume attuale. “Di cui 3,5 miliardi di metri cubi saranno diretti a favore dell’Egitto”, afferma MercoPress.

“L’espansione della quota totale di esportazioni verso l’Egitto è stata aumentata di 38,7 miliardi di metri cubi in 11 anni”, si legge nell’annuncio di agosto del Ministero dell’Energia israeliano. “Il permesso di esportazione è stato concesso nell’ambito del quadro globale approvato dalle decisioni del governo (…) e in consultazione con il direttore dell’Autorità per il gas naturale. Inoltre, viene preso in considerazione un ulteriore aumento di 0,5 miliardi di metri cubi all’anno”.

Il Ministero ha osservato che, oltre a consentire l’espansione della produzione, le nuove esportazioni dovrebbero generare miliardi di dollari in entrate bonus per Israele, aumentare i legami energetici con l’Egitto e altri attori regionali e rafforzare lo status geopolitico di Israele.

Inoltre, il rapporto aggiunge che “il 14 dicembre 2023, i partner del bacino di Tamar hanno annunciato che il Ministero dell’Energia ha approvato loro l’aumento del permesso di esportazione del bacino da 38,7 Bcm… a 43 Bcm. Questo importo consentirà di aumentare la quantità massima di gas aggiuntivo consentito per l’esportazione verso l’Egitto da 3,5 miliardi di metri cubi all’anno a 4 miliardi di metri cubi all’anno. Alla data della valutazione non è stato ancora firmato alcun accordo. L’esportazione è soggetta al suddetto permesso di esportazione.”

Si prevede che nella seconda metà del 2025, la produzione annuale del giacimento Leviathan aumenterà da 12 Bcm a 14 Bcm.

Anche quando le tensioni tra Egitto e Israele sono in aumento sul piano di Tel Aviv di spingere gli abitanti di Gaza nella penisola del Sinai per continuare con il loro piano di invadere Rafah, il flusso di gas è proseguito.

Il Cairo ha invitato Washington, che in precedenza aveva condannato il piano, a inviare un messaggio chiaro al suo alleato regionale affinché non proceda con l’invasione di Rafah. Dice che “non basta l’opposizione statale; è anche importante indicare cosa succede se quella posizione viene aggirata, cosa succede se quella posizione non viene rispettata”.

Tommaso Dal Passo

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/