COVID 19. Stop ai turisti inglesi in Scozia

248

Il 20 agosto nell’aeroporto di Edimburgo sei è conclusa la serie di manifestazioni di protesta per la scelta dei cittadini del Regno unito di uscire dall’Unione europea. Secondo la testata scotsman, gli attivisti di Action for Scotland hanno organizzato la loro ultima manifestazione nel più grande aeroporto scozzese, chiedendo che il confine fosse chiuso agli inglesi con lo slogan: «L’Inghilterra esce dalla Scozia», un atto di contestazione molto forte per far sentire tutta la loro preoccupazione per un possibile aumento dei contagi da COVID 19 dovuto agli ingressi di cittadini inglesi in Scozia.

Di interesse la location scelta e quello che hanno fatto i manifestanti: l’aeroporto di Edimburgo, dove gli attivisti hanno chiesto ai turisti inglesi di non recarsi in Scozia, etichettando le loro azioni come «spregevoli».

L’immagine che i turisti inglesi si sono trovati scendendo dall’aereo nell’aeroporto più grande della Scozia è stata quella di attivisti del gruppo di base Action for Scotland, che impugnavano uno striscione con la scritta: England Stay Out of Scotland.

Durante una serie di proteste nelle ultime settimane, Action for Scotland ha chiesto al governo scozzese di chiudere i confini e gli snodi di trasporto che collegano Inghilterra e Scozia nel tentativo di fermare la diffusione del coronavirus.

Il gruppo sostiene che i turisti inglesi “irresponsabili” stanno mettendo a rischio i tentativi del paese di contenere il Covid-19 in Scozia.

L’attivista Sean Clerkin ha dichiarato: «Stiamo facendo la protesta di oggi per continuare il nostro appello al governo scozzese per chiudere il confine e tutti i porti di ingresso per viaggi non essenziali dall’Inghilterra alla Scozia per proteggere il popolo scozzese dal Covid-19».

L’aeroporto di Edimburgo, che ha recentemente annunciato l’intenzione di licenziare circa un terzo della sua forza lavoro di 750 dipendenti a causa dell’impatto della pandemia Covid-19, si è affrettato a condannare la manifestazione di Action for Scotland e ha affermato di aver esortato la polizia ad agire.

Un post sulla pagina Twitter dell’aeroporto di Edimburgo diceva: “La protesta di oggi all’aeroporto è stata un atto spregevole. Questo gruppo sa che il loro marchio di odio non sarebbe stato tollerato dalle persone benpensanti e ha scelto di intrufolarsi e perpetrarlo lontano dal terminal». «Non rappresentano la Scozia in cui viviamo e lavoriamo o la Scozia che è riconosciuta per la sua cordialità e tolleranza in tutto il mondo». E ancora «Li condanniamo senza riserve e non lo accetteremo. Abbiamo contattato la polizia scozzese e chiesto loro di portare avanti la questione con urgenza ».

Redazione