CINA. Ecco i nomi dei 7 uomini che con Xi Jinping faranno la politica di Pechino

0

A parte le congetture, ci si chiede quanto conti la composizione del Comitato permanente, vista la salda presa del potere di Xi e la mancanza di differenze politiche o ideologiche significative. Con il suo approccio combattivo, Xi è più un politico sullo stampo del fondatore della Cina comunista Mao Zedong rispetto ai suoi predecessori più collegiali, che hanno cercato di incoraggiare il settore privato e di mantenere buone relazioni con l’Occidente.

Mentre Xi Jinping è pronto a ricevere domenica un terzo mandato come capo del Partito Comunista Cinese, non si sa chi lo affiancherà per i prossimi cinque anni nei principali organi del partito, il Comitato Centrale e il Politburo, riporta Abc.

Il Comitato permanente del Politburo, le cui dimensioni sono fluttuanti ma che sotto Xi si sono attestate su sette membri, sarà il più osservato. In base alla prassi passata, la nuova formazione sarà rivelata quando i membri usciranno da dietro un sipario domenica prossima, un giorno dopo la fine del Congresso.

Le posizioni che assumeranno sul palco, alla destra e alla sinistra di Xi, indicheranno il loro grado all’interno di quella che è considerata la cerchia ristretta del potere. Tra i principali contendenti ci sono sia membri attuali che nuovi arrivati.

Uno dei principali interrogativi è il futuro del numero due del partito, il premier Li Keqiang, che fa parte del Comitato permanente dal 2012 ed è il principale responsabile della guida del gabinetto e della gestione della seconda economia mondiale. Il sessantasettenne Li è considerato un sostenitore delle riforme di mercato e dell’impresa privata, in contrasto con Xi, che favorisce lo sviluppo guidato dallo Stato, ponendo l’accento sull’autosufficienza tecnologica e sulla riduzione del grande divario tra ricchi e poveri.

Li ha avuto uno scarso impatto sulla definizione delle politiche da quando Xi lo ha messo da parte politicamente, ma ha guidato gli sforzi per promuovere una crescita economica guidata dai consumi e ridurre la dipendenza dalle esportazioni e dagli investimenti, impiegando tattiche che secondo alcuni altri Paesi violano gli impegni della Cina in materia di libero scambio. Sebbene abbia dichiarato che si dimetterà da premier l’anno prossimo, ha ancora la possibilità di rimanere nel Comitato permanente. Se rimarrà, secondo gli analisti, ciò potrebbe indicare che i sostenitori di un’economia più orientata al mercato hanno attenuato la spinta di Xi verso un maggiore controllo statale.

Tra gli altri possibili candidati, Wang Yang, che è entrato a far parte del Comitato permanente nel 2017 ed è anch’egli considerato un membro dell’ala che favorisce i mercati, le imprese private e la sperimentazione economica. Wang è a capo della Conferenza consultiva politica del popolo cinese, un organo consultivo controllato dal partito e composto da rappresentanti di vari settori come gruppi religiosi, organizzazioni professionali e camere di commercio.

Wang Huning, teorico politico del partito, è probabile che rimanga nel Comitato permanente. Potrebbe diventare il capo dell’Assemblea Nazionale del Popolo, l’organo legislativo cinese, il che lo renderebbe uno dei tre massimi funzionari del partito.

Secondo alcune fonti, l’occhialuto e studioso zar dell’ideologia cinese potrebbe salire ulteriormente dopo il rimpasto quinquennale della leadership del Partito Comunista.

Con il capo del partito Xi Jinping che si appresta a scuotere la squadra di vertice per il suo terzo mandato senza precedenti, Wang, l’ex accademico dalla parlantina morbida, è destinato a rimanere e a passare alla nuova leadership.

Tra i possibili nuovi arrivati, il vicepremier Hu Chunhua è considerato uno di quelli con le migliori possibilità. È stato un alto funzionario della provincia di Guangdong dal 2012 al 2017, dove ha guidato un’ampia campagna anticorruzione. Hu ha fatto carriera nella Lega della gioventù comunista del partito, considerata una fazione separata dalla cerchia di Xi e politicamente vicina al predecessore di Xi, l’ex leader del partito e presidente Hu Jintao.

Li Qiang è segretario del partito di Shanghai, la città più grande della Cina e hub finanziario, dal 2017. La carica è stata precedentemente ricoperta da Xi, dall’ex presidente Jiang Zemin e dall’ex premier Zhu Rongji. Li è considerato vicino a Xi dopo aver prestato servizio sotto di lui nella provincia sud-orientale di Zhejiang, un centro per l’industria manifatturiera e le imprese private orientate all’esportazione. La sua reputazione è stata intaccata dalla lunga chiusura di Shanghai all’inizio di quest’anno, che ha confinato 25 milioni di persone nelle loro case, sconvolto l’economia e provocato proteste pubbliche.

Chen Min’er, un altro alleato di Xi che ha lavorato sotto di lui nella provincia di Zhejiang, dal 2017 è segretario del partito della vasta città sudoccidentale di Chongqing. Il 62enne Chen è considerato un astro nascente che Xi potrebbe voler promuovere per assicurarsi la sua eredità nella prossima generazione. Chen non ha mai ricoperto una posizione di livello nazionale, ma è considerato un leader capace che ha reso il governo di Chongqing più reattivo ed efficiente dopo un periodo turbolento sotto il governo di Bo Xilai, ora incarcerato, rivale di Xi.

Antonio Albanese