#ISRAELHAMASWAR. Houthi: colpite tre navi in due giorni. Scontri a Khan Yunis. Vertici di Hamas a Teheran

50

Secondo la Reuters, gli Stati Uniti hanno preparato un progetto di risoluzione per il Consiglio di Sicurezza dell’ONU chiedendo un cessate il fuoco temporaneo nella guerra nella Striscia di Gaza ed esprimono la loro opposizione all’operazione israeliana a Rafah, che potrebbe causare numerose vittime civili e porre conseguenze una minaccia alla pace e alla sicurezza regionale. Il progetto è una risposta alla risoluzione proposta dall’Algeria che chiede un cessate il fuoco immediato e totale.

I ministri degli Esteri dei paesi dell’Unione Europea hanno concordato il lancio della missione Aspides nel Mar Rosso. Le navi europee dovrebbero rispondere solo agli attacchi dal mare e non sparare verso la terraferma, riporta la DPA. La missione dell’UE sarà indipendente dall’operazione Prosperity Guardian guidata dagli Stati Uniti. Nonostante ciò, ci sarà cooperazione e scambio di dati tra le due missioni.

Dopo che il ministro degli Esteri israeliano Israel Katz lo ha definito persona non grata, il presidente brasiliano Lula ha ordinato all’ambasciatore brasiliano in Israele di tornare in patria e ha espulso l’ambasciatore israeliano in Brasile. 

L’IDF sostiene che Yahya Sinwar, il capo di Hamas nella Striscia di Gaza, potrebbe essere morto a seguito dei bombardamenti nella striscia di Gaza. 

Il leader Hamas, Osama Hamdan, in una conferenza stampa da Teheran ha dichiarato: «La resistenza combatte in un quadro di completa unità e affronterà qualsiasi tentativo nemico di attaccare Rafah». E il leader della Jihad islamica Ali Abu Shaheen da Teheran ha aggiunto: «Avvertiamo che tutte le indicazioni indicano che il nemico sta continuando la guerra di annientamento contro Gaza».

In risposta agli attacchi britannici e statunitensi, il 18 e 19 febbraio gli Houthi hanno attaccato tre navi da trasporto, una delle quali affondata. Non solo gli Houthi in risposta all’incredulità statunitense di aver abbattuto un Reaper MQ9 hanno pubblicato on line delle foto che mostrerebbero il drone abbattuto. Le navi sono: la Rubymar, quella affondata, le navi mercantili americane Sea Champion e Navis Fortuna sono state colpite direttamente da un missile, provocando, secondo quanto riferito, “danni catastrofici”.

Secondo la compagnia di sicurezza navale Embry, “la petroliera Rubymar è stata gravemente danneggiata da due missili Houthi. L’equipaggio ha lasciato la nave in sicurezza e si stanno valutando le modalità per rimorchiarla”. La nave stava trasportando ammoniaca non si conoscono i danni da impatto ambientale. Secondo la testata filo Hezbollah Al-Mayadeen: “La nave è stata presa di mira con armi nuove e precise che non sono state ancora rivelate. La nave è affondata”. 

Ed ora uno sguardo alla situazione tra Israele e Hamas aggiornata alle ore 17:00 del 20 febbraio

Più di 70 civili sono stati uccisi durante gli attacchi dell’esercito israeliano sulla Striscia di Gaza, il 19 febbraio, dato fornito dalla social sfera. 

Per tutta la mattinata, gli aerei da combattimento dell’IDF hanno colpito una serie di obiettivi di Hezbollah in Libano. L’IDF colpisce le infrastrutture di Hezbollah a Sidone, Libano meridionale. L’aeronautica israeliana ha effettuato un’ondata di attacchi aerei sul villaggio di Hula nella zona della valle di Sluki a nord di Israele contro Hezbollah. Colpite due postazioni di lancio nelle zone di Yaroun e Marwahin, e ulteriori infrastrutture nelle zone di Dhayra e Yaroun.

In risposta Hezbollah nel corso della giornata ha tentato di colpire i Kibbutz Misgav Am e Margaliot nel nord di Israele. Non sono stati segnalati feriti. Aerei da combattimento dell’IDF hanno poi colpito le infrastrutture Hezbollah nell’area di Blida. Inoltre, sono state colpite diverse strutture militari utilizzate da Hezbollah nell’area di Ayta ash Shab, sempre nel sud del Libano; colpita una struttura militare Hezbollah nella zona di Kfarkela.

Le forze dell’IDF hanno lanciato una serie di attacchi contro Khan Yunis. 

Durante gli scontri del 19 di febbraio, l’esercito israeliano denuncia la morte di due ufficiali e un soldato durante gli scontri nel sud della Striscia di Gaza. 

Le Brigate Al-Qassam hanno distrutto un mezzo da trasporto truppe israeliano con un Rpg a sud del quartiere di Zaytoun nella città di Gaza. Nella zona si registrano scontri tra forze israeliane e uomini di Hamas. 

Antonio Albanese e Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/