CINA. Torna la peste suina africana

295

Un’ondata di infezioni da peste suina africana in Cina è destinata a ridurre la produzione di suini entro la fine dell’anno, hanno affermato questa settimana gestori e analisti di allevamenti, facendo aumentare i prezzi nel principale consumatore mondiale di carne di maiale con la ripresa della domanda.

Questa malattia difficile da combattere ha afflitto la Cina per anni, con un’ondata iniziale durante il 2018 e il 2019 che ha ucciso milioni di maiali e portato a un drastico calo della produzione di carne che ha sconvolto i mercati globali.

Le infezioni quest’anno hanno iniziato a salire relativamente tardi nella stagione, intorno alle vacanze del capodanno lunare a gennaio, quando milioni di persone hanno viaggiato dopo che la Cina aveva allentato i suoi controlli per la pandemia.«I dati delle società di test del virus della peste suina mostrano che il numero di rilevamenti positivi è esploso dopo le vacanze di Capodanno. L’ordine di grandezza in un solo mese ha raggiunto il livello dell’intero anno 2022», afferma un rapporto di Huachuang Securities ripreso da MercoPress. «Riteniamo che l’attuale area di infezione da peste suina nelle aree di produzione settentrionali possa raggiungere il 50%», ha aggiunto. Le province settentrionali come Shandong e Hebei sono tra i principali produttori di maiali.

Le fattorie cinesi in genere non segnalano focolai di malattie al governo, rendendo difficile ottenere un quadro accurato dell’entità delle infezioni. L’impatto dei focolai dipende da quanto presto vengono rilevati e da come vengono gestiti.

Una forma più lieve del virus che presenta pochi sintomi clinici è comune, il che rende difficile il rilevamento. I prezzi del maiale cinese si sono aggirati intorno ai 15 yuan al chilo dalla fine dello scorso anno, spinti dalla domanda debole e dall’eccesso di offerta.

Le grandi perdite dell’anno scorso hanno incoraggiato molti allevatori a ridurre le mandrie durante l’inverno, il che ha aumentato i volumi di macellazione. Anche i maiali infetti inviati al macello potrebbero pesare sul prezzo:; la società canadese di genetica Genesus, che vende maiali da riproduzione in Cina, scrive in un report: «Continuiamo a credere che il basso prezzo del maiale in Cina sia dovuto al fatto che molti maiali vengono macellati a qualsiasi peso a causa di interruzioni di PSA».

I focolai della malattia, così come le precedenti riduzioni delle mandrie, porteranno a un minor numero di suini che raggiungeranno il mercato quando la domanda migliorerà nella seconda metà dell’anno, si legge nel rapporto Huachuang.

Anche se non così grave come nel 2019, la malattia potrebbe ridurre la produzione di oltre il 10%, afferma la Rabobank, che ha stimato che “circa il 10%” della produzione potrebbe essere influenzato.

Maddalena Ingrao

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/