NUOVA CALEDONIA. Zinco e indipendenza incendiano le strade

234

In Nuova Caledonia, la proprietà dell’industria del nichel è diventata una violenta competizione tra i Kanak, indigeni, e gli eredi degli ex colonizzatori francesi che vogliono restare collegati alla Francia.

Questa settimana, la capitale Noumea è stata avvolta dal fumo nero delle gomme e delle auto in fiamme, mentre i manifestanti Kanak allestivano barricate e la polizia sparava gas lacrimogeni. Decine di manifestanti sono stati arrestati e diversi agenti di polizia sono rimasti feriti, riporta Radio Nuova Zelanda.

La protesta faceva parte di una lotta per la gestione della ricca industria mineraria e di lavorazione del nichel della Nuova Caledonia. Con 33 miniere, l’isola è il quarto più grande produttore mondiale di minerali di nichel, e le sue tre raffinerie ne fanno il settimo produttore.

Il proprietario del più grande produttore di minerali e metalli, il gigante minerario brasiliano Vale, vuole uscire dopo aver accumulato miliardi di dollari di perdite per aver acquistato al momento sbagliato nei cicli di mercato e per scelte tecniche sbagliate. Dopo la vendita a una società mineraria australiana di medie dimensioni, New Century Resources, fallita a settembre, sono emersi due concorrenti.

Uno, favorito dal governo francese, è un consorzio chiamato Prony Resources, in cui un commerciante svizzero di prodotti petroliferi e minerali, Trafigura, deterrebbe il 25%, gli stakeholder locali tra cui il personale di Vale il 50%, e altri investitori non divulgati il restante 25%. Si dice che l’offerta valga 1,2 miliardi di dollari. La seconda offerta è stata presentata dal collettivo Kanak Sofinor che gestisce diverse miniere nella parte settentrionale dell’isola, dove sono concentrate le popolazioni indigene. Ha collaborato con la Korea Zinc, ma non sono state prodotte cifre.

È interessante notare che la Korea Zinc ha una grande filiale, la Sun Metals Corp, che gestisce una raffineria di zinco nel porto di Townsville nel Queensland, dove un impianto di nichel che lavorava il minerale proveniente dalla Nuova Caledonia ha chiuso nel 2016 a causa dell’insolvenza del suo proprietario, il politico-imprenditore Clive Palmer, riporta Asia Times.

L’8 dicembre, Radio Nuova Zelanda ha riferito che Korea Zinc si era ritirata dalla gara d’appalto perché non aveva ottenuto l’accesso al sito di Vale per effettuare la due diligence. La rabbia crescente tra i Kanak per il trattamento preferenziale del governo nei confronti dell’offerta di Prony Resources ha creato blocchi stradali e proteste, mentre i leader filofrancesi lealisti si sono presentati dietro l’offerta come la migliore prospettiva per sostenere l’industria del nichel, il pilastro economico della regione accanto al turismo. Un’acquisizione di Prony consoliderebbe certamente lo squilibrio di potere economico tra Kanak e coloni.

Così la proprietà è diventata una delega per la battaglia per l’indipendenza della Nuova Caledonia, subito dopo che un referendum in ottobre ha visto restringersi il divario sulla questione. Nella votazione, il 53,3% degli elettori ha detto no all’indipendenza, in calo rispetto al 56,7% di un primo referendum del 2018. La tendenza suggerisce che un terzo referendum previsto per il 2022 vedrebbe il sì passare dal 46,7% di ottobre al 50% o addirittura a una maggioranza ristretta.

La popolazione di 290.000 abitanti del territorio è strettamente divisa tra i Kanak, che sono melanesiani, e i coloni che hanno iniziato ad arrivare a metà del XIX secolo, quando la Francia ha creato nell’isola una colonia penale. Secondo gli accordi di Matigno e Noumea del 1998, un terzo referendum deve essere tenuto se richiesto da almeno un terzo del Congresso della Nuova Caledonia.

In passato, l’Australia sarebbe stata più felice per la nascita di una Nuova Caledonia indipendente. Ora, però, sembra preoccupata per uno Stato indipendente traballante senza il sostegno francese, che significherebbe aprire alla Cina. Canberra quindi ha finito per appoggiare la presenza francese, seppur ridimensionata. Non è stata però pronunciata una parola sui Kanak e le loro aspirazioni e ora la parola è agli scontri di strada.

Graziella Giangiulio