CINA. Schiaffo dell’automotive EV di Pechino all’indagine UE

58

La Cina ha criticato l’indagine dell’Unione Europea sui suoi veicoli elettrici definendola una violazione delle regole del commercio globale, denunciando la sua mancanza di trasparenza e sostenendo che il risultato è predeterminato.

La Commissione europea ha avviato un’indagine lo scorso settembre sull’opportunità di imporre tariffe punitive per proteggere i produttori dell’Unione europea dalle importazioni cinesi di veicoli elettrici più economici che, secondo loro, beneficiano di sussidi statali, riporta Reuters.

Ma Shi Yonghong, vicepresidente della Camera di commercio cinese per l’importazione e l’esportazione di macchinari e prodotti elettronici, Cccme, ha affermato di essere preoccupato che i risultati possano essere “distorti e non oggettivi”, riporta AF.

I suoi commenti sono arrivati dopo che il massimo funzionario commerciale cinese ha messo in guardia Bruxelles dal protezionismo.

La Cccme rappresenta 12 produttori cinesi di veicoli elettrici e ha avuto un’audizione con la Commissione europea giovedì scorso; Cccme ha affermato che la sua principale preoccupazione riguarda la scelta delle aziende da campionare da parte dell’esecutivo dell’Ue.

Questi sono BYD, Geely e SAIC. Tuttavia, questo non include i principali esportatori dalla Cina verso l’Ue che, secondo il gruppo Trasporti e Ambiente, erano Tesla e Dacia di Renault nel 2023.

Yonghong ha dichiarato in una conferenza stampa che la Commissione si è allontanata dal principio di selezione dei maggiori esportatori e sembra aver selezionato di proposito tre produttori di proprietà cinese per raggiungere risultati predeterminati in materia di sovvenzioni.

“Questa selezione parziale del campione ha contaminato l’intero processo di indagine”, ha affermato.

Yonghong ha affermato che l’indagine mancava anche di trasparenza, con i produttori europei che hanno concesso l’anonimato e che l’UE ha fornito dati inadeguati, come quelli sulla valutazione del danno subito dall’industria europea.

La Commissione europea ha affermato che l’indagine e i suoi risultati rispetteranno pienamente gli obblighi comunitari e internazionali.

Yonghong ha affermato che i produttori cinesi non stanno danneggiando le case automobilistiche dell’Ue. Si sono concentrati su segmenti di mercato diversi rispetto alle controparti dell’Ue, l’industria dell’Ue ha mantenuto un’elevata quota di mercato e i principali importatori dalla Cina sono gli stessi produttori dell’Ue, ha affermato.

Ha aggiunto che diversi produttori europei hanno fatto opposizione all’indagine. BMW ha detto che l’indagine avrebbe fatto più male che bene.

Yonghong ha anche affermato che il caso è un “perfetto esempio dei doppi standard dell’UE”, dato che l’UE non sta intraprendendo alcuna azione contro i quasi 400 miliardi di dollari di sussidi dell’Inflation Reduction Act degli Stati Uniti e sta stessa pompando miliardi di euro in batterie e veicoli elettrici. 

Maddalena Ingroia

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/