CINA. Pechino ritorna sul mercato globale delle obbligazioni

60

La Cina sta raccogliendo 6 miliardi di dollari con l’emissione di obbligazioni sovrane, meno di due settimane dopo aver venduto obbligazioni in euro. Ciò avviene dopo l’emissione di 3 miliardi di dollari nel 2018 e una vendita di 2 miliardi di dollari nel 2017, quando le obbligazioni sovrane sono rientrate sul mercato obbligazionario globale dopo 13 anni di gap.

La ripresa della frequenza delle visite della Cina sui mercati obbligazionari offshore ha a che fare con la performance stellare dei prodotti internazionali a reddito fisso degli ultimi anni, riporta Asia Times.

Il mercato obbligazionario globale ha registrato un massiccio rialzo dall’emissione dell’ottobre 2018 e i rendimenti sono crollati abbastanza bruscamente; il rendimento di riferimento a 10 anni negli Stati Uniti è sceso all’1,79% dal 3,2%. Pertanto, la Cina può aspettarsi di raccogliere fondi a un costo molto più basso. Il che a sua volta significa minori costi di finanziamento per le banche politiche e gli emittenti quasi sovrani che utilizzano le obbligazioni sovrane come base per il pricing delle loro obbligazioni.

La tempistica scelta da Pechino è attenta: il possibile raffreddamento della guerra commerciale nel nuovo anno significherebbe che la propensione al rischio potrebbe migliorare per gli emittenti di obbligazioni legati al governo cinese, in particolare quelli che vanno raramente sul mercato e una curva dei rendimenti sovrani aggiornata risulterebbe vantaggiosa.

I banchieri hanno detto che l’emissione di obbligazioni sovrane cinesi si rivolgerà agli investitori regionali che detengono molta liquidità in dollari, riducendo la dipendenza dagli investitori statunitensi, base tradizionale degli emittenti obbligazionari in dollari. La Cina sta cercando di vendere obbligazioni a 5, 10 e 20 anni che, secondo Bloomberg, dovrebbero essere sul mercato dal 26 novembre. 

Si pensa che ci sarà la stessa performance dell’operazione in euro che ha ricevuto ordini per 20 miliardi su un’offerta di 4.

Lucia Giannini